Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Lagomorph condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Lagomorph, aggiungilo agli amici adesso.

Lagomorph

ha pubblicato un'immagine nell'album TOP 10 - 2018 riguardante Darkest Dungeon

#6 Darkest Dungeon(Switch)

Il classico gioco che non ti aspetti, poco più di un indie e che compri giusto dopo aver visto qualche immagine e con ben poche altre informazioni. Però dopo ti sorprende e ci passi sopra tante di quelle ore che non ti saresti mai aspettato.
Darkest Dungeon è un RPG-Dungeon Crawler che sin dalle prime ore si fa riconoscere per un aspetto molto importante: l'elevato tasso di sfida, creato non tanto da nemici particolarmente ostici quanto più dalla fragilità del nostro party.
E con fragilità non intendo basse difese o pochi hp, ma sto parlando di fragilità psicologica, infatti i nostri personaggi durante l'esplorazione accumuleranno stress fino ad impazzire o addirittura a morire di crepacuore. Basterà essersi sbagliati nell'acquistare le torce per ritrovarsi a vagare in corridoi oscuri dove ogni passo è uno schiaffo alla sanità mentale, oppure una trappola o il critico di un nemico potrebbero essere il pretesto per far andare nel panico uno degli eroi gravandolo di conseguenza di pesanti debuff.
Per questo i campioni moriranno spesso e dovranno di conseguenza essere rimpiazzati, portando così il giocatore a scoprire le varie classi del gioco fino a conoscere i punti di forza, le debolezze e le sinergie di ognuna, e per fortuna queste son ben differenziate e caratterizzate, anche se l'equilibrio non è perfetto ed alcune risultano parecchio più forti di altre.
Il comparto estetico è la ciliegina sulla torta, il tutto viene presentato in un 2D disegnato con uno stile Dark-Gotico e leggermente deformed, che sullo schermo della Switch brilla come un gioiello. E parlando della Switch, personalmente l'ho trovata la console ideale su cui giocarci, il gioco ovviamente non è particolarmente pesante e quindi gira perfettamente, ma i veri pro sono i comandi touch e la portatilità che contribuiscono ad alleggerire un gameplay che purtroppo sul medio-lungo periodo comincia a farsi piuttosto ripetitivo, più che altro perché per i dungeon finali avremo bisogno di eroi di livello alto e quindi per rimpiazzarli dovremo prima allenare per bene quelli reclutati(anche se potenziando la città si può perlomeno averne di livelli più alti direttamente alla taverna).