Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Lightning73 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Lightning73, aggiungilo agli amici adesso.

Lightning73

ha scritto una recensione su Deus Ex: Mankind Divided

Cover Deus Ex: Mankind Divided per PC

Un'Umanità Divisa

E' la divisione la tematica centrale di questo titolo. La divisione provocata dall'atavica paura del diverso. Anche il precedente capitolo era abbastanza incentrato su tale tema. Qui però sembra quasi che la paura sia quasi giustificata, che il cosiddetto "incidente dei potenziati" giustifichi tutte le misure che sono state prese da quel momento in poi. Il gioco ci farà vedere che non è così, che il fine non giustifica i mezzi e che odio e discriminazione non possono generare altro che male.
Proseguendo il paragone con Human Revolution, devo dire che ho trovato Mankind Divided un po' meno imparziale e più sbilanciato dalla parte dei potenziati. Tuttavia la storia è comunque narrata in maniera abbastanza fredda, ti butta in faccia la realtà nuda e cruda senza cercare di andare a pizzicare più di tanto le corde emotive (come ad esempio potrebbe fare un Metal Gear).
Il gameplay di Mnkind Divided l'ho trovato come una sapiente evoluzione del suo predecessore. Riprende e migliora svariate meccaniche e ne elimina altre che rendevano il tutto troppo legnoso (tipo la durata dello scatto dannatamente troppo breve). Anche l'introduzione di tanti nuovi tipi di potenziamento sblocca svariate possibilità sia nel muoversi nella mappa che nell'interazione con ambiente e nemici. Questo è decisamente un punto a favore.
Non l'ho trovato un gioco facile, anzi nella prima run è stato quasi frustrante perché il mio non conoscere le mappe e via discorrendo mi ha portato in più punti a rushare pur di proseguire. Cosa che non è successa nella seconda run dove mi sono divertito molto di più, grazie a una migliore consapevolezza del sistema di gioco.
La grafica è nel complesso molto buona, i pg primari e compromari sono stati resi in modo molto curato. La stessa cosa purtroppo non si può dire delle varie comparse, passanti e anche i trafficanti d'armi dove le texture mi sono risultate decisamente meno curate.
La colonna sonora è abbastanza sulla stessa linea del precedente capitolo, rimpastando temi già esistenti e aggiungendone di nuovi. In ogni caso è piuttosto buona e adeguata.

Infine c'è la questione di cui tanto ho sentito parlare, il fatto che la storia sia incompleta. Mi voglio permettere di dissentire. MGSV aveva una storia incompleta con un sacco di buchi. Qui non accade la stessa cosa. Diciamo che il gioco si conclude in un momento topico, vero. Ma questo rende solo assolutamente necessario un seguito. Sicuramente è stato fatto apposta. Però bisogna abche valutare che Mankind Divided la vicenda che tratta, la tratta in modo completo, inizia e finisce. E fra missioni principali e secondarie, il gioco offre molte ore di intrattenimento. Ecco, se proprio devo criticare una cosa della storia, avrei preferito avere qualche boss battle in più, questo si.
In ogni caso è un gioco che mi è piaciuto, mi ha divertito e che riprenderò anche volentieri in futuro.

8

Voto assegnato da Lightning73
Media utenti: 8.4 · Recensioni della critica: 8.6

Lightning73
Cover Tom Clancy's Ghost Recon: Wildlands per PC

Plata o Plomo

Questo gioco, inutile negarlo, è stato una vera sorpresa per me. L'ho iniziato tanto per fare durante un weekend di prova gratuita e ci ho fatto anche un paio di partite con un paio di amici oltre che da solo. E da lì è scattato l'amore e me lo sono comprato.
E nelle settimane successive ci ho accumulato diverse ore di gioco sia in singolo che in co op.
Il gameplay l'ho trovato abbastanza bilanciato tanto da premiare un approccio furtivo quanto rendere divertenti (e anche abbastanza impegnative) le fasi in cui decidi di fare casino ed andare all'assalto. Unica pecca è che mi sarebbe piaciuto avere la possibilità di approcci non letali, con le dovute conseguenze del caso.
Ma il vero punto di forza per me è stato il fatto che ,per la prima volta, ho trovato un gioco in cui la modalità co op fosse veramente fatta bene,migliorando molto l'esperienza di gioco. Le cose da fare fra missioni principali e secondarie sono diverse, almeno al primo impatto, il problema è che poi le missioni secondarie diventano ripetitive, in ogni area sono sempre quei 4 o 5 tipi lì, e le principali in generale, a parte qualche raro caso, non dirazzano molto dal solito modus operandi. Potevamo metterci un pò di inventiva in più gli sviluppatori e renderle più uniche una dall'altra.
E io sono un giocatore molto solitario in generale.
La trama è molto semplice e piuttosto lineare e anche la narrazione attiva lascia molto il tempo che trova, i filmati sono pochi e piuttosto brevi. Molto invece viene fatto dalla narrazione passiva, tramite i vari briefing (che in realtà sarebbero una via di mezzo) e le varie registrazioni che trovi in giro. Tanto che mi hanno fatto venire voglia di cercarle, perché ne volevo sapere di più. Anche la radio della macchina fa il suo lavoro, tanto che quello che senti nei vari messaggi cambia a seconda di quello che succede, anche se non sempre purtroppo creando un effetto strano.
Anche qualche buchetto di trama qua e la secondo me c'è. Il cattivo, El Sueño, all'inizio sembra davvero figo e ben presentato, ma poi non viene sviluppato a dovere secondo me. Stessa cosa i boss secondari, alcuni sono anche carini, ma molti molto dimenticabili.
Però nel complesso l'atmosfera e l'ambientazione sono rese bene e fanno immergere a dovere il giocatore, o almeno a me è andata così. Diciamo che questo gioco mi ha introdotto alla tematica dell lotta al narcotraffico, tanto che mentre dopo aver iniziato a giocarlo ho iniziato anra guardarmi Narcos.
La grafica du complesso è molto buona, ci sono un sacco di dettagli e i colori sono resi davvero bene. Non mancano però i bug e avrei preferito un minimo di interazione in più con l'ambiente circostante.
Insomma un gioco non eccellente ma che ha saputo divertirmi e immedesimarmi.

7.3

Voto assegnato da Lightning73
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 7.9

Lightning73

ha scritto una recensione su No Man's Sky

Cover No Man's Sky per PC

L'Ultima Frontiera

Allora, parto con il dire che io ho giocato il gioco per la prima volta circa un'anno dopo la sua effettiva uscita (quindi con foundation e Atlas Rises già usciti), senza essermene interessato troppo fino a poco prima, quindi io non ho sofferto del "Phantom Pain" (si non è una scelta di parole casuale, dato che nel caso di MGSV invece la delusione fu forte) dato dalla mancanza di contenuti del gioco.
Pur avendo giocato la prima run su un Pc purtroppo non all'altezza (se ci ripenso ora mi chiedo come accidenti ho fatto), lo stupore che ho provato fin dai primi passi è stato assurdo.
Mi sono ritrovato letteralmente buttato in un mondo enorme, un'intera galassia disponibile affinché io la potessi esplorare. Chi lo ha giocato forse può capire la sensazione che si prova quando si apre per la prima volta la mappa galattica. E per le prime 20/30 ore di gioco la sensazione è rimasta, c'era una genuina curiosità nell'atterrare in ogni singolo pianete che incontravo e a volte mi ci incantavo proprio passando intere sessioni di gioco su un singolo pianeta, curioso di scoprire cosa c'era dopo ogni angolo.
Questo gioco per me è stato una rivelazione e una sorpresa immensa, forse proprio perché per mia fortuna non ne sapevo quasi niente e non sapevo cosa aspettarmi.
Il problema fu, e lo è anche tuttora, che dopo un certo tot di ore quando hai fatto buona parte delle cose (main quest, quest della base) il gioco ti manda a sbattere contro il suo ostacolo più grande: la ripetitività. Arrivati a un certo punto i pianeti e sopratutto i biomi, iniziano a ripetersi tanto che ben più di una volta ho trovato lo stesso identico animale in più di un pianeta (si magari uno o due dettagli erano diversi, ma il modello di base era lo stesso). Ovviamente mi rendo conto che la proceduralità ha i suoi limiti e che più di un certo tot non si può andare (anche se non credo che siamo ancora arrivati al limite qui). Anche le cose da fare diventano piuttosto ripetitive. Il tutto unito al fatto che dopo un po il livello di sfida posto dal gioco crolla (nella modalità normale) e quindi la difficoltà è davvero scarsa, perché non aumenta col procedere del giocatore all'interno del gioco.
Riguardo all'esplorazione dei pianeti, un grande passo avanti è stato fatto con NEXT, in quanto grazie all'introduzione di ricompense più cospicue, sei molto più invogliato a scoprire animali e a cercare di completare i biomi dei vari pianeti.
Giocandolo col PC nuovo, poco dopo l'uscita di next, finalmente ho avuto modo di assaporare appieno la grafica di questo gioco...e anche i repentini cali di framerate in presenza di pianeti e strutture più pesanti.
In ogni caso la grafica, per quanto non puntata al fotorealismo, è davvero molto carina e, crolli di fps a parte, fa molto bene il suo lavoro, garantendo un'ottima immersione nel mondo di NMS.
Anche il sonoro è davvero azzeccato, ho trovato che i vari temi sono molto in linea con l'ambientazione e fanno da ottimo accompagnamento all'avventura.
Non mi voglio soffermare sull'ingente quantità di bug che ho incontrato, vi dico solo che è riuscita a buggarmisi anche la costruzione della base, del tipo che io sbloccavo i pezzi ed essi poi non comparivano nel menù di costruzione.
Veniamo alla storia, purtroppo nella mia prima partita non riuscii a finirla (non per colpa sua in realtà, ma perché mi ero perso troppo io a fare tutto il resto) e quindi l'ho finita solo ora dopo l'uscita di NEXT iniziano gli spoiler...
Che dire, la storia mi ha sorpreso, non tanto perché sia la cosa più originale del mondo (pesca a piene mani da matrix), ma perché comunque è ben costruita e ti porta alla rivelazione finale, il fatto che sia tutto una simulazione, costruendola bene dandoti la verità un tassellino alla volta. E quasta cosa spiega anche tante stranezze del gioco, tante cose che non starebbero ne in cielo ne in terra, ma che con questa scusa trovano una spiegazione, e sono giustificabili. E' una storia triste quella di NMS, basti solo pensare alla vicenda di Artemis. La solitudine dei viaggiatori e, una volta scoperta la verità, il pensiero "Ma allora tutto questo è servito davvero a qualcosa? Cosa sono io? Esisto pur essendo una simulazione?". Secondo me la filosofia portante del tutto è il semplice concetto: "Non è la destinazione (o il fine) che conta, ma il viaggio che ti porta lì" e NMS può davvero essere un viaggio fantastico.
Ho apprezzato molto anche le varie quest relative ai lavoratori della base, nella loro semplicità ti fanno scoprire molto, sulle razze ma anche sui singoli individui.
Potrei scrivere pagine e pagine su NMS, ma meglio se mi fermo qui.
Questo è uno dei pochi casi in cui non so come approcciarmi al voto. Se io valutassi le prime 30/40 ore che ci ho fatto gli darei 10 (voto assolutamente soggettivo) però valutando il tutto da un punto di vista più di insieme non gli potrei dare più di 7 e mezzo perché, nonostante la qualità complessiva, le magagne ci sono e nemmeno poche. Quindi andrò su una via di mezzo...
Ovviamente aspetto con trepidazione i futuri aggiornamenti (è uscito da poco The Abyss, che avrò modo di esplorare) per vedere fin dove si potrà arrivare. Comunque mi ha sorpreso la correttezza degli sviluppatori che avrebbero potuto prendere il malloppo e scappare, e che invece hanno continuato a lavorare sul gioco, migliorandolo davvero molto.

8.5

Voto assegnato da Lightning73
Media utenti: 6 · Recensioni della critica: 7.4

Lightning73

ha scritto una recensione su BioShock Infinite

Cover BioShock Infinite per PC

Portaci la ragazza DeWitt e annulla il debito...

Allora, lo dico subito così non ci saranno malintesi: la recensione conterrà spoiler, non voglio limitarmi nel parlare di questo gioco.

Detto questo, cominciamo. Il titolo della recensione l'ho scelto perché quelle parole sono fra le prime che vedi nel gioco e continui a vederle e sentirle in continuazione. E quando, alla fine, scopri il loro vero significato, tutto il dramma che si cela dietro di loro, non puoi fare a meno di restare colpito. Io lo sono stato.
Dopo tutto quello che accade durante il gioco, tutti i combattimenti, tutto il sangue sparso arrivare alla fine e scoprire la verità, lascia davvero l'amaro in bocca. Quella di Bioshock infinite è una storia spietata.
Qui parte il parallelo con il primo. Infinite e sia migliore che peggiore, per quanto il "colpo di scena" (presente in entrambi i titoli) nel primo bioshock ti lascia a bocca aperta come un cretino per quanto è di fondo inaspettato, qui lo scoprire quello che hai fatto, il fatto di essere sia vittima che carnefice, e il modo in cui tutto è presentato ti colpisce molto più sui sentimenti e le emozioni di quanto facesse il primo bioshock, complice ovviamente il fatto che il protagonista su infinite è sicuramente stato approfondito molto meglio, già solo per il fatto che parla.
La storia a parte appunto i colpi al cuore che ti dà, secondo me non è stata pensata per lanciare più messaggi di quelli ovvi che da essa traspaiono. A questo ci pensa il background, in costante mutamento, in cui ti muovi. Lì vengono tirati fuori, in maniera silenziosa potremmo dire, temi anche molto profondi, roba come il razzismo e via dicendo. Ma sta al giocatore soffermarsi a notarli.
Però il gameplay sinceramente ho trovato migliore quello del primo bioshock su vari fattori. Prima di tutto la varietà: ho un po' sentito la mancanza del crafting e degli aggiramenti. Il fatto di farti usare solo due armi è stata una scelta rischiosa, buona per la rapidità del gioco, un po' meno per la varietà di approcci alle situazione.
I combattimenti e gli spostamenti sulle skyline invece sono davvero belli.
Sulle ambientazioni e il level design c'è poco da dire secondo me, come negli altri due bioshock sono realizzati in maniera davvero magistrale, con un realismo e una "vitalità" davvero davvero ben strutturate.
Anche la colonna sonora è davvero bella, quando parte "Will the circle be unbroken" (la versione corale) io mi ci incanto ad ascoltarla come un coglione, ma non posso farci niente.
In conclusione, Bioshock Infinite è stata un esperenza che mi ha sicuramente lasciato qualcosa, qualcosa che ancora devo riuscire a capire in pieno, ma so che c'è.

8

Voto assegnato da Lightning73
Media utenti: 8.9 · Recensioni della critica: 9

Non ci sono interventi da mostrare.