Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Mark condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Mark, aggiungilo agli amici adesso.

Mark

a proposito di Borderlands 3

Ho letto che diversi giocatori hanno ritenuto la colonna sonora sottotono rispetto quella di Borderlands 2.
Ma in quale universo? xd
Anch io sono più affezionato a Borderlands 2 e dopo anni di gioco la sua Ost mi si è stampata nelle orecchie, ma quella di B3 secondo me è oggettivamente migliore, è una bomba :/ anche solo la Ost del menu principale sta anni luce avanti, prima di caricare la partita resto sempre lì un minutino ad ascoltarla xd

Mark

ha pubblicato un'immagine nell'album Varie riguardante Red Dead Redemption 2

THE LAST OF US 2 TOP ASSOLUTO

No.

In questi giorni sto leggendo elogi pazzeschi su The Last of Us 2, la critica lo dipinge come il gioco più incredibile uscito in questa generazione, il gioco più emozionante, più coinvolgente, tecnicamente più avanzato, praticamente prossimo al fotorealismo... Un capolavoro totale e assoluto, superiore a qualsiasi cosa vista finora.

Ora, nulla da dire, chi mi conosce sa quanto abbia amato il primo The Last of Us (uno dei miei giochi preferiti) e quanto mi sia ugualmente piaciuta la Parte 2, è un gioco PAZZESCO in ogni sua componente, eppure per quanto mi riguarda la vera punta di diamante di questa generazione, il gioco più incredibile dell ultimo decennio era ed è tutt'ora Red Dead Redemption 2.

Non solo tecnicamente è ancora maestoso (pur non essendo il top in ogni suo aspetto, animazioni facciali in primis), ma l esperienza generale che offre è la più vasta, varia e sfaccettata che mi sia mai capitato di vivere in un videogioco.

Con Red Dead ho sorriso, ho provato angoscia, gioia, dolore, tristezza, rabbia e divertimento, un ventaglio di emozioni variegato e irripetibile, impossibile da descrivere.

Divertente da giocare, sterminato da esplorare, un gioco dalle possibilità infinite eppure mai noioso, mai dispersivo, mai banale, mai ripetitivo.

Un ritmo di gioco particolare, per alcuni troppo simulativo, per me invece PERFETTO nel suo intento di trasmettere la fatica, il fascino e la poesia del selvaggio West.

Una trama anch'essa caratterizzata da un ritmo particolare, a tratti frenetica, a tratti monotona, una montagna russa imprevedibile.... Proprio come la vita.

Personaggi indimenticabili, dal primo all ultimo, e un protagonista che finisce per rimanere scolpito a vita nel cuore del giocatore. Ancora oggi, a distanza di mesi e mesi, sento la mancanza di Arthur come se si trattasse di un vecchio amico, e di tanto in tanto sento il bisogno di tornare a cavalcare insieme a lui, di sentire la sua voce, di farmi due risate quando lo sento canticchiare o prendere in giro qualche membro della banda xd

Per me tutto questo non ha eguali nel panorama videoludico... Tutti gli elogi, tutto lo stupore, tutti i complimenti rivolti a The Last of Us 2 dovrebbero essere rivolti invece a Red Dead 2, la cui grandezza sembra essere stata dimenticata fin troppo facilmente, sia dalla critica che dai giocatori.

Ripeto, sono entrambi gioconi allucinanti, eppure per me non c'è storia, RDR2 resta ancora una spanna sopra a tutto il resto.

Non ci sono interventi da mostrare 😔