Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

memento condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere memento, aggiungilo agli amici adesso.

memento

memento ha scritto una recensione su The Last of Us Remastered

Cover The Last of Us Remastered per PS4

Il mio gioco preferito

The last of us è il mio gioco preferito, e l’unico a cui ho assegnato un 10... non perché sia un titolo perfetto, ma per quello che è riuscito a darmi ed il come.
Andando con ordine partirei dalla trama, ovvero il pregio principale dell’ opera. Joel è un uomo, un padre, che perde tutto e grazie ad un viaggio, magari banale come incipit ma raccontato da 10 e lode, sembra riottenere quello che aveva perso.
Attraverso una serie di momenti indimenticabili che mi hanno toccato davvero, e che rimangono tra i momenti più belli e coraggiosi della storia del gaming, mi ha poi portato ad un finale sensazionale in cui tutto quello che Joel ha riavuto dalla vita viene messo in discussione, ha una seconda opportunità dopo quella fallita di inizio gioco.
Il finale ha fatto discutere, probabilmente chi non lo ha apprezzato forse non ha capito bene che tipo di gioco stava giocando, un titolo in cui in realtà noi impersoniamo un cattivo a tutti gli effetti, o almeno cattivo tanto quanto quelli che uccidiamo... semplicemente fantastico.
Altra cosa che ho apprezzato tantissimo è il come viene giustificata l’infezione, non ci troviamo davanti ai classici zombie, finalmente un titolo che riesce a giustificare in maniera realistica un situazione del genere. Infatti il fungo che colpisce gli umani esiste davvero in natura ma attacca gli insetti.
Il gameplay è anch’esso semplice ma non scelto a caso. Le poche munizioni, la lentezza nel curarsi di Joel e la sua scarsa agilità contribuiscono e farci immergere in questa atmosfera survival in cui l’approccio Stealth è quello da utilizzare più spesso.
Qualcuno sicuramente non sarà rimasto soddisfatto dalla gestione di Ellie ( che oggettivamente non è perfetta ) ma fatico ad immaginare un modo in cui avrebbero potuto renderla visibile dai nemici, probabilmente sarebbe stata fastidiosa. Personalmente poi Ellie non è mai andata in avanscoperta da sola e stava nelle retrovie, come penso un po’ a tutti.
Un gioco da 10 ovviamente ha anche un comparto tecnico degno di questo voto, e sotto ogni punto di vista. Il colpo d’occhio è pregevole e su ps4 la possibilità di impostare il titolo con due tipologie di prestazioni( resa grafica e fluidità) l’ho apprezzata tantissimo.
Pregevole poi la colonna sonora, anche qui molto semplice e realizzata solo con poche note di chiatarra, ma di grande impatto in ogni momento importante.
In conclusione The last of us è un vero capolavoro, probabilmente senza tempo, capace di narrare una storia semplice in una maniera mai vista prima, incalzante, emozionante. Personaggi indimenticabili che faranno un viaggio duro, crudo, che prende a pugni nello stomaco il videogiocatore senza paura, facendoci riflettere anche sull’essenza dell’uomo stesso, e su cosa è capace di fare per sopravvivere.
Il tutto contestualizzato benissimo, con un gameplay che amplifica l’atmosfera e con un grande comparto grafico e sonoro.