Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Noys condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Noys, aggiungila agli amici adesso.

Noys

ha scritto una recensione su State of Mind

Cover State of Mind per PC

Stato Mentale

Berlino 2048.
Atmosfera assolutamente alla Blade Runner.
Due uomini dai ricordi simili si incontrano e cercano di capire entrambi cosa stia accadendo nella loro vita. Richard ha di certo una vita più complicata dopo un certo avvenimento all'interno della sua famiglia, Adam ha una vita ideale se non fosse che alcuni ricordi tormentano lui e hanno lasciato apparentemente traumi nel figlio. Altri personaggi a poco a poco entrano in gioco ed è bello vedere il background di molti di loro. Durante il gioco si prenderanno i panni di vari personaggi.
Le premesse della storia erano curiose e mi hanno soddisfatto a pieno, ma alcuni elementi fanno pensare ad un possibile sequel, ammesso che il gioco venda bene. Ciò che può affascinare da subito, come a me, è il mondo di gioco "cyberpunk" e futuristico (verosimile per molti aspetti), apprezzo come siano stati pensati i piccoli dettagli dell'ambiente con cui si può anche interagire.
Riguardo la scelta dei personaggi creati a poligoni, mi sembrava una scelta originale ma che non mi attirava troppo, devo dire che invece funziona bene col tipo di gioco e con il suo lato artistico.
Vi è piaciuto Detroit Become Humans? Che la risposta sia sì o no, giocate comunque questo titolo e supportareli. Li paragono giusto per il tipo di gameplay (anche se state of mind è più vicino ad un lis/twd con qualche enigma in più anche se nulla di particolarmente ostico se siete abituati a punta e clicca di vecchio stampo) e il mondo futuristico.

Noys

ha scritto una recensione su Last Day of June

Cover Last Day of June per PC

La dolcezza di un gesto

Secondo me solo il titolo potrebbe bastare a spiegare l'essenza dell'esperienza data da last day of June. Così colorato, ma così tragico di fronte alla grandezza degli eventi. Il titolo non fa altro che tornare indietro nel tempo interpretando i vari personaggi del "villaggio" in varie linee temporali non tanto distanti tra loro. Il protagonista è instancabile, cercherà sempre di rimediare e riportare tutto alla normalità, ad ogni fine di linea temporale si guarda in giro in cerca della sua vita passata. In realtà, sarebbe meglio dire che sarà facile affezionarsi ai due protagonisti sin dai momenti iniziali, una coppietta ideale e tranquilla. Quello che resterà verso la fine, almeno a me, è lo stupore della vita, del gesto per il bene dell'altra persona e per far sì che la vita continui, per chi si ama, sempre.
Penso che questo sia il bello di last day of june: ad ognuno lascerà una sensazione diversa o potrebbe non lascerà nulla. La storia non può che essere vissuta soggettivamente. Invece il gameplay è gestito molto bene e le azioni che si erano già fatte in un'altra linea temporale non dovranno essere svolte di nuovo, poiché bisogna proseguire per sbrogliare la matassa di eventi e far sì che tutti abbiano un finale positivo. Ci saranno piccoli enigmi ambientali e sarà un piacere passeggiare per questo villaggio coloratissimo e pieno di natura, alla ricerca dei ricordi (anche in senso letterale, visto che sono bonus che sbloccano immagini per chiarire ulteriormente la storia). Pensate che qui nessuno parla "a parole" eppure la storia è più chiara che mai, si capisce, ad esempio, tutta l'emozione che provano i personaggi.

Noys

ha scritto una recensione su Detroit: Become Human

Cover Detroit: Become Human per PS4

Dopo tanto tempo scrivo un parere sul gioco, altrimenti avrei messo un voto vicino al 10. Ho apprezzato questo lavoro di Cage, dove si vede uno sviluppo dal lato del gameplay che porta di più il giocatore ad agire invece che godersi quasi soltanto la storia. La storia, mi è piaciuta molto, in particolare Markus, ma un po' tutti mi sono rimasti impressi. I temi sono interessanti più che altro e in sintesi concentrati sulla diversità e l'essere umano, cosa significa esserlo?

Noys

ha scritto una recensione su Marvel’s Spider-Man

Cover Marvel’s Spider-Man per PS4

Ho adorato questo gioco, pur non potendomi definire una grande conoscitrice dell'universo di Spidey. Un gioco che non si culla soltanto del fatto che sia Spider-man ma che trae da ciò un caposaldo da cui sviluppare un gameplay, statistiche del personaggio (come gadget, poteri ecc da sbloccare), storia, mappa davvero belle! Gli unici difetti che ho trovato sono i dettagli delle texture in alcuni punti della città, in alcuni npc random, e soprattutto sulle auto, orrende anche per questo tipo di gioco. Ci sono un tot di varietà di missioni secondarie e roba collezionabile ma credo che quest'ultimo punto possa essere soggettivamente ripetitivo o piacevole: per me non era un punto a sfavore e tutto sommato ci può stare. E se vi è piaciuto Spider-Man ci sono buone possibilità che vi piacciano anche i vari infamous e Batman da cui ho visto alcuni spunti di gioco. Per la storia, come narrativa e gameplay nulla da dire, ottima secondo me. È abbastanza chiaro che ci sarà un sequel.

Non ci sono interventi da mostrare.