Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Nseven condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Nseven, aggiungilo agli amici adesso.

Nseven

ha scritto una recensione su futuristico ragno eroe calcio

Cover futuristico ragno eroe calcio per Android

e bello perche ce luomo ragno che tira i palloni. e difficile vincere perche finisce subito la partita fa schifo metto 4 stelle ma non 5 metto 5 se aggiungono ulk

9.9

Voto assegnato da Nseven
Media utenti: 7.7

Nseven

ha scritto una recensione su Quantum Break

Cover Quantum Break per Xbox One

Per quanto mi riguarda un ottima esclusiva di Xbox One, non sono un grande amante delle tematiche fantascientifiche ma in Quantum Break ho trovato delle scelte narrative davvero originali e che mi hanno tenuto incollato fino ai titoli di coda.
Inizialmente il gioco non mi aveva preso moltissimo anzi, la trama mi è subito sembrata scontata e già vista, unita al fatto che tratta di tematiche non proprio di mio interesse, nelle prime fasi lo giocavo un po svogliatamente e mi annoiavo parecchio, andando avanti però la trama inizia ad ingranare per bene e si rivela essere non proprio banale come inizialmente si possa pensare.
L'intreccio narrativo è parecchio complesso, più di quanto si possa pensare, salti temporali, eventi passati e futuri, personaggi inizialmente enigmatici e misteriosi e molti dettagli della trama che vengono svelati soltanto attraverso gli oggetti che è possibile trovare in giro (email, registrazioni video, flashback temporali, ecc.) pongono al giocatore una certa concentrazione e esplorazione delle ambientazioni per capirla appieno. Geniale poi secondo me la scelta di introdurre tra i vari capitoli del gioco delle puntate di una serie tv creata ad hoc , realizzata benissimo, estremamente fedele ai personaggi (e ci credo, sono stati modellati su veri attori) e ambientazioni di Quantum Break e interpretata molto bene dai protagonisti, scelta azzeccata secondo me.
Parlando poi del gameplay lo ho trovato ottimo, nelle prime fasi, quando non abbiamo ancora accesso ai vari poteri del protagonista si rivela piuttosto banale, in linea con un qualsiasi altro tps sul mercato, una volta sbloccati però il gameplay cambia totalmente, barriere, teletrasporti, rallentamenti del tempo e armi da fuoco vanno a comporre un gameplay convincente e adrenalinico, scongiurando la banalità e scontatezza che spesso in giochi di questo genere è presente.
Dal punto di vista tecnico ci troviamo di fronte a un ottimo lavoro, il tocco di Remedy c'è e si sente, ambientazioni estremamente curate, tutto sta al suo posto con una logica dietro e il realismo è molto elevato, le texture, effetti particellari e illuminazione sono eccellenti e il level desing è assurdo, basta vedere le sezioni di stasi (in cui ci muoviamo in un mondo completamente fermo) o quando dobbiamo modificare l'ambiente circostante portandolo avanti o dietro nel tempo per poter proseguire, c'è un lavoro di programmazione dietro non indifferente.
Buona la longevità e infine ottimo il sonoro e il doppiaggio completamente in italiano del titolo, tranne alcune voci in generale convince.
In definitiva Quantum Break mi è piaciuto molto, un bel intreccio narrativo unito ad un gameplay decisamente variegato, se devo trovargli dei difetti a volte ho trovato degli errori nella chiusura di alcuni video, con parti finali di discorsi tagliati o scene che si chiudono un po forzatamente, i caricamenti sono piuttosto lenti e il gioco fatica ad ingranare nelle prime sezioni ma a parte questo ci troviamo di fronte a un titolo che vale sicuramente la pena di essere giocato.

Nseven

ha scritto una recensione su Until Dawn

Cover Until Dawn per PS4

Mi aspettavo di meglio

Sono un amante delle avventure grafiche o ''film interattivi'' come molti li definiscono, ho amato giochi come Heavy Rain, Beyond, Life is Strange, The Walking Dead, ecc. quindi questo Until Dawn era un titolo che volevo giocare da tempo, purtroppo però ha deluso parecchio le mie aspettative.

Non mi ero informato molto sul gioco per evitare spoiler (così come non mi informo più di tanto in generale sui videogiochi in uscita), non sapevo quindi di preciso a cosa andassi in contro e appena mi sono reso conto di essere di fronte a un teen horror ho storto già il naso. Purtroppo mi è apparso subito uno di quei film horror americani estremamente scontati, senza un briciolo di originalità, a partire dai personaggi, li ho trovati troppo stereotipati (il figo di turno che passa da una ragazza all'altra ogni settimana, la ragazza che si sente una fotomodella, quella che deve essere antipatica in ogni minima situazione senza una motivazione dietro, ecc.), senza contare che durante situazioni di pericolo o dopo aver assistito a un omicidio spesso e volentieri fanno battute o se ne escono con frasi completamente fuori luogo rompendo il realismo e la tragicità della situazione. Detto questo nella prima buona metà del gioco la trama non sembra male, non è ben chiaro chi sia il nemico o i nemici, c'è una sensazione di mistero costante che mi è piaciuta parecchio, tutto però cambia nella seconda parte del gioco, dove entra in gioco la parte sovrannaturale che ho trovato assolutamente forzata con quello che era lo sviluppo della trama in corso e che va a ridicolizzare praticamente tutta la prima metà, ma qui riconosco che va a gusti, personalmente preferisco il realismo per immergermi appieno, manca secondo me una maggiore tragicità degli eventi che in un gioco come questo deve essere una prerogativa. Per non parlare infine del finale del gioco, assolutamente ridicolo e buttato li senza alcun impegno da parte degli sviluppatori.
Il gioco comunque ha dei pregi oggettivi, le scelte morali e sbagliare o meno un qte possono portare alla morte o alla sopravvivenza di un personaggio così come alla modifica degli eventi futuri, tecnicamente poi il titolo è impressionante, animazioni estremamente convincenti e ambientazioni curate e realistiche, buono anche l'audio ma non particolarmente in alcune campionature di voci, che ho trovato a volte di scarsa qualità.
Nel complesso il gioco non mi ha convinto particolarmente per personaggi e parte della trama ma ha comunque dei punti di forza che gli vanno riconosciuti.

Nseven

ha scritto una recensione su The Last Guardian

Cover The Last Guardian per PS4

Trico

Non sono uno di quelli che lo aspetta da 8 anni, anche perchè non ho mai giocato ICO e SOTC, ma all'E3 2016 sono rimasto veramente affascinato dal trailer, dalla maestosità della musica e così è nato il mio interesse per questo titolo tanto che nonostante non compri mai al day one ho spostato la prenotazione che avevo su Horizon su di lui (prenotato tempo fa con le ottime promozioni di Mediaworld).
Parliamo subito di quello che non mi è piaciuto di The Last Guardian: il comparto tecnico, purtroppo il gioco soffre di gravi cali di framerate, a dir la verità dopo l'ultima patch il gioco è migliorato di molto sotto questo aspetto ma continuano ad esserci delle sezioni dove è pessimo a dir poco, ho trovato in oltre fastidiosi glitch che mi hanno portato al game over a causa di cadute o salti di decine di metri completamente casuali (sopratutto mentre Trico salta mentre gli si è aggrappati).
Inoltre non mi hanno convinto appieno i comandi del bambino, troppe funzioni per il tasto cerchio e in generale non è così semplice direzionarlo dove si vuole, stessa cosa per i comandi di Trico o meglio la sua reazione ai comandi che gli si imparte, inizialmente non ho trovato questo problema ma nelle sezioni più avanzate del gioco mi sono ritrovato in delle situazioni in cui non riuscivo a proseguire un po perchè capita di non avere chiara la direzione dove andare ma sopratutto perchè Trico a volte sembra non capire cosa gli si chiede di fare.
Arriviamo però alla cosa che mi ha fatto innamorare di questo gioco, il rapporto che si viene a creare tra giocatore e Trico è qualcosa di sensazionale e che personalmente non ho mai avuto occasione di trovare in altri giochi, mi ci sono affezionato subito, mi sono emozionato vedendolo combattere e superare ostacoli per salvarci la vita e mi sono scese le lacrime nei momenti in cui per lui sembrava finita, un applauso agli sviluppatori che sono riusciti a creare un personaggio quasi reale, quasi vivo, complimenti davvero.
Questo unito alle musiche SPETTACOLARI, sopratutto appunto quella dell'epilogo (che poi è quella del trailer di cui vi parlavo all'inizio) e a quel senso di mistero e di maestosità che le ambientazioni di gioco offrono, vanno a comporre un opera d'arte capace di nascondere o quasi i difetti tecnici del titolo.
La cosa più sensazionale di The Last Guardian per quanto mi riguarda è il fatto di riuscire a stupire, di appassionare, di emozionare senza una trama complessa, senza utilizzare praticamente mai dialoghi o testi e forse riesce addirittura a coinvolgere e lasciare al giocatore qualcosa in più rispetto ad un qualsiasi gioco che punta tutto su una trama complessa, non lo avrei mai detto prima di giocarlo.
Nel complesso secondo me è quasi un capolavoro, dico quasi perchè ha dei difetti, è inutile negarlo, per esempio non lo ho detto nella recensione ma è molto ripetitivo e praticamente nell'intero gioco svolgeremo le stesse azioni di continuo, ma riuscire a colpire così tanto il giocatore con quasi il solo rapporto che si viene a creare tra il bambino e Trico non è da poco.

Non ci sono interventi da mostrare.