Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

ODINOvsDANTE condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere ODINOvsDANTE, aggiungilo agli amici adesso.

ODINOvsDANTE

ha scritto una recensione su Final Fantasy XIV: Online

Cover Final Fantasy XIV: Online per PC

Bigger, Better Final Fantasy

Parere estremamente veloce, in futuro probabilmente andrò più nel dettaglio.

Final Fantasy XIV è l'esperienza che non sapevo di necessitare. E' prima di tutto un MMO estremamente fedele alla saga, ma con abbastanza idee originali da espandere i concetti stessi sui quali essa è così dipendente. Il gameplay e le meccaniche di gioco sono profonde abbastanza da rendere il gioco in sé un'opera mastodontica che riesce a rubare tanto di quel tempo che mi è difficile raccomandarlo a qualsiasi persona che non sia interessata alla saga, anche perché ritengo che sia necessario apprezzarla profondamente per trarre il massimo da questo gioco in particolare.
L'ambientazione, la musica e la storia sono le tre caratteristiche che più mi premono in un videogioco, e personalmente Final Fantasy è la saga che riesce meglio di tutte le altre che ho provato in questi ambiti, e sono appunto queste le caratteristiche che XIV mette in primo piano e riesce a sviluppare (sempre personalmente) meglio della maggior parte di tutti gli altri capitoli.
Detto questo mi ritengo soddisfatto dalla capacità dell'opera di offrire, nel suo complessivo, un'esperienza che considererei decisamente tra le più coinvolgenti ed intrattenenti che ho mai vissuto in un videogioco, al punto che posso probabilmente affermare di considerarla il mio nuovo videogioco preferito, il che dimostra i meriti che può avere come gioco nei confronti di un fan della saga.

Un piccolo parere sulle espansioni, che si meriterebbero ben più che semplici lodi:

Heavensward - espansione fenomenale ricca di morali e momenti emozionanti pungenti nella loro intensità, mi è piaciuta anche nei suoi momenti meno belli e l'ho adorata quando ha deciso di dare il tutto per tutto.

Stormblood - decisamente l'espansione meno riuscita, molto solida e ben scritta ma allo stesso tempo non priva di parti che considererei abbastanza noiose. Vale comunque il vostro tempo se il gioco vi è piaciuto fino a questo punto

Shadowbringers - semplicemente l'apice di un gioco già di per sé fenomenale. Non mi sono annoiato per un secondo, è perennemente interessante, intrattenente e scritta alla perfezione. HW mi ha fatto piangere di più ma se devo essere sincero è perché mi sono trovato anche un filo in difficoltà nel valutare davvero quanto sia fenomenale tutto questo contenuto. Sono stato in perenne apnea emozionale fino alla fine dove ho realizzato quanto giochi di questo calibro non sono presenti per me nell'industria, non in quanto non siamo circondati da una marea di giochi ottimi, ma perché davvero, nulla riesce a colpirmi come un FF ben fatto, e questa espansione ha le carte in tavola per essere liberamente inserita in una discussione sui migliori capitoli della saga.

Fatevi un favore: se siete davvero fan della serie e lo sentite da dentro che FF vi da quel qualcosa che altre serie non riescono a darvi, allora provate FFXIV, che con la giusta pazienza ha il potere di spiazzarvi emozionalmente e regalarvi qualcosa che (anche in vista della sua durata) va ben oltre la classica concezione di "gioco solido" che vi potreste aspettare, e rimanervi impresso per molto molto tempo come un'opera indimenticabile.

10

Voto assegnato da ODINOvsDANTE
Media utenti: 9.2 · Recensioni della critica: 8.7

ODINOvsDANTE
Cover Final Fantasy XIV: Heavensward per PC

Premetto le buone anime che leggeranno questo parere che probabilmente andrete incontro alla sfrenata parlantina di un fan innamorato perso per questa saga, e mi auguro che possiate identificare le mie parole come vero amore per quest'opera, piuttosto che puro cringe. Detto questo, se siete anche voi dei fan della serie ma non avete mai giocato a FFXIV, mi fareste un enorme favore a leggere fino alla fine.

La mia esperienza con Final Fantasy XIV non è stata priva di punti bassi, e sebbene consideri il gioco base un'opera molto ben riuscita, è difficile contestare che il suo comparto narrativo, anche se non necessariamente malvagio, possa risultare agli occhi di molti come noioso.
Ciò non è il caso con Heavensward.

Sebbene preferisca concentrare la mia attenzione su opere che ritengo valide, piuttosto che criticare ciò che invece non mi è piaciuto, mi ritrovo spaesato quelle poche volte che esprimo un parere riguardo lavori che entrano di prepotenza tra le mie esperienze preferite nel media: sarà comunque un piacere, oggi, fare proprio ciò.
Questa è semplicemente una delle migliori esperienze che ho avuto all'interno della mia saga preferita di sempre, il che la rende davvero speciale per me.

La storia di Heavensward è spettacolare. Ciò che prima di questa espansione avrei definito come un intreccio ben costruito, ma raramente appassionante, è diventato narrazione estremamente competente, con un ritmo solido e accadimenti coinvolgenti. Heavensward offre alcuni tra i temi più maturi dell'intera saga, dal semplice razzismo al pericolo che la cieca fede può portare, dall'importanza di lasciarsi alle spalle il passato all'effetto che le decisioni in una determinata società possono avere sulle generazioni future.
La cosa che preferisco di tutto ciò è che il gioco non si dimentica di chi, come me, oltre ad apprezzare la sostanza etica di un'opera, desidera anche che essa si accosti alle sue aspettative all'interno di una saga. Per farla breve, Heavensward è sì un'opera matura e con i piedi per terra, ma anche una grande epica fantasy al suo nucleo. Anzi, mi permetto di affermare che, almeno personalmente, ho trovato più lo spirito del classico Final Fantasy qui rispetto a qualsiasi altra esperienza successiva a Final Fantasy IX.

Non so se è così anche per qualcun altro, ma io gioco a Final Fantasy per motivi particolari, ben diversi dai motivi per cui giocherei un RPG qualunque. Per me Final Fantasy è un parco giochi per la mente, esattamente come può esserlo Dungeons & Dragons per gli appassionati. Non c'è concetto più affascinante, personalmente, di un gruppo di compagni che vagano per il mondo, assieme, alla semplice ricerca di avventure: e questo è un aspetto che Heavensward non solo comprende, ma esegue alla perfezione.
E' impressionante assistere all'evoluzione così marcata di personaggi che ho imparato ad amare e al contempo incontrare alcuni tra i migliori esponenti di un cast che fa onestamente impallidire TUTTA la saga ad esso antecedente. Scartando le pronunciate fondamenta archetipe classiche dell'industria giappnese, questi personaggi sono meticolosamente costruiti in relazione agli accadimenti narrativi, e reagiscono a questi in maniera credibile, non però a discapito di momenti drammatici ed emozionanti, che qualora avvengono sono molto più efficaci in via di questa cura realistica dello sviluppo caratteriale.

Capisco come questi possano sembrare concetti noiosi o esigenti di un'attenzione della portata al di fuori di un giocatore comune, ma è qui che entrano in gioco le situazioni in cui questo titolo pone il giocatore, gli stessi accadimenti che sono riusciti ad emozionarmi profondamente (modo elegante per dire che ho pianto come una frigna) non una, ma tre volte.

Ho esplorato ambientazioni dalla bellezza (personalmente) difficilmente pareggiabile, rincontrato personaggi a me cari da più di 12 anni, assistito ai miei stessi nemici piangere in preda alla sofferenza, combattuto draghi millenari al suono di una triste canzone che nel mentre mi ricordava della futilità di ogni colpo inferto in una guerra scatenata dalla mancanza di una prospettiva comune e la semplice esistenza della diversità tra due popoli.

Questo gioco è a dir poco emozionante, e neppure un'estensiva esperienza nella saga mi ha potuto preparare a quanto l'avrei amato.

Potrei essere più concreto nell'esprimermi, parlare di come le mie due classi preferite di tutta la serie siano state implementate singolarmente da questa espansione, di come essa abbia introdotto alcuni dei miei dungeon e battaglie preferiti del gioco. Potrei elencare molte migliorie, aggiunte contenutistiche, o postare degli screenshot capaci, probabilmente, di esprimere più di quanto sono riuscito a fare io in molto meno tempo. Invece quello voglio fare è mettere a rischio la stessa utilità di questo mio parere escludendo nel mentre molte persone che non si possono definire fan di vecchia data. Invito invece chi si ritrova in questa definizione a chiudere gli occhi e cliccare il link sottostante. Ciò che segue, almeno personalmente, va ben oltre ogni parola che posso provare ad esprimere tramite il limitato spettro di emozioni che il mio vocabolario è capace di evocare: è pura e semplice magia.

https://youtu.be/orvKqkgWZOc

Se anche solo una persona che sta leggendo riesce a provare quanto provo io a sentire questa musica allora potrò considerare queste due ore di scrittura (sì, sono lento a scrivere) come tempo ben speso.

Ho dedicato tutto il mio cuore, e sono intenzionato anche a dedicare parte del mio corpo, a questa espansione, e non posso fare altro se non rinnovare il mio invito ai pochi interessati che mi hanno seguito fino a questo punto del parere: vi prego, VI PREGO, giocate Final Fantasy XIV.

ODINOvsDANTE

ha scritto una recensione su Super Smash Bros. Ultimate

Cover Super Smash Bros. Ultimate per Nintendo Switch

Happy feet, WOMBO COMBO (that ain't Falco)

Scrivo un parere rapido solo per esprimere quanto questo gioco sia, a mio giudizio, il miglior picchiaduro che abbia mai giocato (non ci si aspetti sostanza dal parere, è totalmente a caso). Nonostante la mia generale avversione per il genere, non posso negare che questo mio primo approccio alla saga mi abbia regalato (fino ad ora) una novantina di ore di divertimento puro, riuscendo a solidificarsi come un pilastro fondamentale del genere nell'album dei miei ricordi videoludici: non dimenticherò mai questa estate passata con Smash.

Il gioco è straripante di contenuti: moltissime modalità di gioco e stage di battaglia, opzioni di personalizzazione ampissime, una colonna sonora ai limiti del finito per un picchiaduro, e ovviamente un roaster che non penso sarà mai superato da nessun altro concorrente.

Il lato tecnico è solido come pochi altri first party Nintendo, con risoluzione e framing perfetti sia in modalità fissa che in quella portatile: Smash non fa proprio compromessi sotto questo aspetto.

Davvero, l'unico problema del gioco è la modalità Spiriti, che nonostante parta bene, con un concept che trovo onestamente solido, si perde in un'esecuzione mediocre rivolta unicamente alla buona vecchia quantità prima della qualità.
Sarebbe potuta durare un quarto di quanto è durata, e se questo quarto fosse stato riempito dai momenti davvero ben fatti (che onestamente ci sono), allora la modalità sarebbe potuta risultare un successo, almeno personalmente.

Ciò però non basta ad intaccare più di tanto quella che rimane comunque una delle esperienze più memorabili che ho avuto con un picchiaduro (seconda solo ai Dissidia su PSP), e onestamente anche la migliore.

Nella mia testa adoro pensare che se Breath of the Wild è la saggezza ed Odyssey il coraggio, allora Smash è il tassello mancante della triforza di Nintendo Switch: complimenti al miglior crossover mai creato.

WHERE YOU AT
WHERE YOU AT

9.4

Voto assegnato da ODINOvsDANTE
Media utenti: 9.1 · Recensioni della critica: 9.5

ODINOvsDANTE

ha scritto una recensione su Final Fantasy X

Cover Final Fantasy X per PS2

To Zanarkand

Parere super veloce che esiste praticamente solo perché voglio vedere questo gioco in cima alla collezione quando filtro per voto: più avanti ci farò una recensione serissima, dove cambierò tutto meno che il titolo.

Sarò conciso: Final Fantasy X è niente di meno di un capolavoro. Non esiste nessuna componente principale che normalmente va a costruire un gioco che in FFX non sia almeno ottima, e ciò non è da tutti i giochi.

Il gameplay è complesso quanto basta, funziona benissimo e soprattutto è divertentissimo (uno dei pochi combat system nella saga verso il quale ho sviluppato una sorta di dipendenza).

Graficamente (e tecnicamente) è ECCELSO, specialmente per il suo tempo, e riesce a reggere il test del tempo anche 18 anni dopo la sua uscita.

La storia e il comparto narrativo sono di primissima categoria, e a mio parere si uniscono per costruire una delle storie più belle di tutto il media, a mani basse.

Per finire, ovviamente, anche la colonna sonora è ottima. Anche se non composta interamente da Uematsu, è chiaro che i suoi due aiutanti si sono rivelati più che abili nel comporre una OST degna della serie.

Realisticamente, l'unico difetto del gioco può essere la linearità, ma non per tutti. A me (stranamente) non da fastidio, e a mio parere il gioco si da abbastanza da fare per risultare costantemente interessante (tranne voi, Cloisters of Trials) da giustificare un avanzamento così guidato.

Emozionante, divertente, longevo e curato, Final Fantasy X è uno dei capitoli migliori della saga, e non vedo l'ora di rigiocare il IX per poter finalmente decidere quale dei due si aggiudica la mia personale medaglia d'oro in ambito di Final Fantasy 3D.

9.5

Voto assegnato da ODINOvsDANTE
Media utenti: 9.1

Non ci sono interventi da mostrare.