Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Paul Joestar condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Paul Joestar, aggiungilo agli amici adesso.

Paul Joestar

ha scritto una recensione su Life is Strange

Cover Life is Strange per Xbox One

Spanish Sahara

Ho letto talmente tante cose in giro su Life Is Strange... Gente a cui ha cambiato la vita, a cui ha provocato pianti inesorabili o che ha addirittura scoperto il vero significato dell'amore...
Inutile dire che, come ogni gioco troppo apprezzato, tengo personalmente a mettere stivaloni di piombo prima di giocarlo, onde evitare le solite delusioni che troppi titoli eccessivamente idolatrati mi hanno dato.
Alla fine Life is Strange si è rivelato il mio Dark Souls, un gioco a tratti magnifico che però ha un fandom particolarmente eccessivo.
Ma passiamo al gioco in se. Mai avrei sinceramente creduto che un gioco con un paio di ragazze americane come protagoniste sarebbe riuscito tanto ad appassionarmi.
Life is Strange narra la storia di una portatrice di Stand, tale [Maxine Caulfield] che scopre da un momento all'altro di avere poteri temporali degni dei villain di JoJo's Bizarre Adventure. Il suo Stand [Butterfly Blue ACT1] è un misto del potere di Mandom e della Terza Bomba di Killer Queen, e le permette di riavvolgere il tempo di alcuni secondi, lasciando lei sola come unica persona al corrente dei fatti accaduti dopo un rewind.
Questo potere si evolverà poi in ACT2 (WRYYYYY) e ACT3, questo completamente originale.
Ma Life is Strange non è solo poteri, è una toccante storia scolastica e non, in cui stringeremo tanti rapporti unici, ci improvviseremo detective e ci troveremo davanti situazioni toccanti, inaspettate e a volte disastrose.

https://www.youtube.com/watch?v=1SK_17K- …

Una storia che procede lentamente ed inesorabilmente, nella quale avremo tante volte il sentore di onnipotenza dato dai nostri poteri, salvo poi venire prontamente smentiti dal cocente destino che la differente timeline da noi creata ci riserverà.

https://www.youtube.com/watch?v=vrXpFh2I …

Life is Strange non è una storia già scritta, è un racconto che rischia seriamente di rimanere nel cuore, una "avventura grafica" che prende per mano il giocatore e gli permette di scegliere il destino che preferisce, i rapporti che preferisce e persino di soddisfare il mai troppo velato desiderio umano di tornare indietro nel tempo per cambiare le proprie decisioni con il senno di poi.

https://www.youtube.com/watch?v=cw_0Bxqp …

Ma andando avanti per i capitoli ho capito che giocarlo in questo modo era sbagliato ed ho cercato di ridurre al minimo i rewind personali, per crearmi così la mia storia.
Non credo lo rigiocherò mai, anche se sarebbe bello riprovarci tra 5 anni per vedere se sulla soglia dei 30 farei sempre le stesse scelte.

https://www.youtube.com/watch?v=drIWW4hX …

Come avrete capito, ho apprezzato tantissimo la colonna sonora fatta principalmente di brani "indie", che sinceramente non avevo mai sentito prima... Una scelta azzeccata, che regala al gioco un'atmosfera semplice e precisa per la storia che vuole raccontare.
Un piccolo appunto sul quinto capitolo, che ho notato essere un po' criticato: sebbene mi tocchi dire di aver trovato qualche passaggio che ancora fatico a comprendere, l'ho trovato assolutamente in linea con il gioco e molto toccante sotto diversi aspetti, tra i quali annovero decisamente il finale che mi sono trovato dolorosamente a scegliere.
Come da titolo...

https://www.youtube.com/watch?v=6GJO_RpB …

In definitiva, Life is Strange mi è piaciuto? Tanto, mi pare evidente.
Ma non mi ha cambiato la vita ne ha fatto tutte le altre cose che leggo fin troppo spesso...
Si è guadagnato di diritto un posto nei miei giochi preferiti, ma appunto, ricordatevi che è sempre un gioco, una storia "ideale".
Non mancate però di regalarlo a qualche vostro amico quando potete, penso che sia davvero una esperienza videoludica che dovrebbero provare tutti.

8.8

Voto assegnato da Paul Joestar
Media utenti: 8.7 · Recensioni della critica: 8.8