Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Call of Cthulhu: The Official Video Game

Sviluppato da Cyanide Studios e prodotto da Focus Home Interactive, Call of Cthulhu: The Official Video Game è un gioco di ruolo uscito il 30 ottobre 2018 per PC Windows.

8.6

Recensioni

1 utente

PlayStation Bit

Disponibile la guida ai trofei di Call of Cthulhu

Uscito da un paio di settimane, Call of Cthulhu è un titolo che gli appassionati di Lovecraft e di avventure horror (come ben presto vi sveleremo in un'ampia recensione) non possono farsi proprio scap … · Leggi tutto l'articolo

talesofmanu

Nel complesso, mi è piaciuto.
Il suo più grande problema è che prova a fare tante cose, ma non va fino in fondo con nessuna.
Ambientazione molto riuscita e in linea con l'immaginario di riferimento, ma esplorabile solo in modo lineare e poco interattiva.
Trama interessante, avvincente e pienamente calata nelle tematiche Lovecraftiane, ma scrittura dei dialoghi altalenante e non sempre con il giusto livello di approfondimento. Soprattutto nei finali.
Sistema di gioco ibrido, che vuole essere un investigativo con elementi ruolistici e qualche licenza stealth e di altro tipo. Il problema qui è che nonostante la buona varietà di situazioni e scenari, nessun elemento è approfondito al punto da risultare realmente interessante. Anche il sistema delle scelte, o dell'influenza che le abilità dovrebbero avere sulle indagini, è chiaro solo a tratti nel suo impatto sul gioco. Quando lo è, funziona, ma per il resto del tempo si va avanti senza badare eccessivamente a indizi e abilità.
Artisticamente ha dei momenti molto molto ispirati, nel complesso è una trasposizione credibile dei suoi riferimenti, ma ha grossi problemi tecnici. Su tutti i volti dei personaggi che si oscurano, animazioni facciali pessime e una generale sciatteria tecnica. Aspetto perdonabile considerando i valori produttivi non elevatissimi.
Più di tutto, mi è dispiaciuto che non riesca a tenere botta per tutte le sue 10 ore nel proporre l'inquietudine e gli orrori "invisibili" di Lovecraft, a tratti sconfinando in scenari horror più convenzionali.
Comunque, l'ho giocato con piacere e gli riconosco diversi meriti. Mi ha lasciato addosso un bel po' di disagio, quindi il messaggio è stato recapitato. E non è poco.

Game Legends

Call of Cthulhu – Recensione, sconfinate nella follia di H.P. Lovecraft

Game Legends Call of Cthulhu – Recensione, sconfinate nella follia di H.P. Lovecraft Le avventure investigative sono sempre state uno scoglio nell'industria videoludica: difficili da realizzare in te … · Leggi tutto l'articolo

Marchiato
Cover Call of Cthulhu: The Official Video Game per PC

Trilogia di Halloween '18: Malattia

Quando annunciarono questo nuovo capitolo di Call of Cthulhu mi si illuminarono gli occhi. Ho fatto diversi giochi ispirati ai racconti di Lovecraft, fra cui Prisoner of Ice (si, doppiato in italiano metteva anche altri tipi di ansie rotfl), gli stessi primi capitoli di Alone in The Dark, The Dark Eye, Shadow of The Comet, Magrunner: Dark Pulse e altri che ora non mi vengono in mente e, probabilmente anche dato dal fatto che sono un appassionato, mi hanno lasciato sempre un bel ricordo. Lo stampo Lovecraftiano mi affascina come pochi e trasporta facilmente nel suo mondo. Call of Cthulhu coinvolge fin da subito per la sua atmosfera e per la caratterizzazione dei suoi personaggi distorti. Come investigatore privato verremo ingaggiati per far luce sull'accidentale morte di una pittrice. Molte le scelte da effettuare durante l'avventura e che ci porteranno ad uno dei molteplici finali. Per quanto mi riguarda Dark Corner of The Earth rimane imbattuto, il vero capolavoro ambientato nel mondo dei Grandi Antichi, ma finalmente hanno ripreso lo stesso concetto che a mio avviso immedesima alla grande e angoscia come pochi. Lo stato psicologico del protagonista sarà anche qui influenzato dalle situazioni, con conseguente annebbiamento della vista piuttosto che tremarella o battito cardiaco accelerato. Questa peculiarità rende il tutto ancor più suggestivo e imprevedibile. Molta cura nei dettagli e scenari che mettono curiosità nell'esplorazione, conditi da musiche ed effetti sempre all'altezza.

Ora una curiosità per le piccole somiglianze che ho riscontrato casualmente, anche perché giocati di fila. Mi sono soffermato spesso ad ammirare i quadri di Layers of Fear, molto realistici e macabri, così come mi sono soffermato a guardare quelli di Call of Cthulhu. Guarda a caso in entrambi i giochi si indaga su pittori presi dalla follia e nei loro dipinti si nascondono messaggi. Il protagonista di Call of Cthulhu si chiama Edward Pierce e, neanche a farlo apposta, porta sempre con se una lanterna ad olio che in alcuni casi usa per scacciare creature... proprio come Edward Carnby, lo storico protagonista della saga di Alone in The Dark. Nei filmati di intermezzo si nota pure una certa somiglianza fisionomica. Coincidenza? Neanche tanto visto che da sempre Alone in The Dark prende spunto dai racconti di H.P.Lovecraft e il suo mondo. Infine il fuoco che, per un motivo o per l altro é il vero protagonista di tutte e tre le opere.

Non ci sono interventi da mostrare.