Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Raffa120393 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Raffa120393, aggiungilo agli amici adesso.

Raffa120393

ha scritto una recensione su Red Dead Redemption 2

Cover Red Dead Redemption 2 per PS4

Outlaws for life.

Quando giocai il primo Red Dead Redemption, nel lontano 2010, rimasi folgorato dalla capacità di Rockstar di riuscire a creare un meraviglioso ecosistema in cui narrazione e gameplay riuscivano a fondersi insieme alla perfezione, il tutto al di fuori di GTA. Poiché si, RDR fu il mio approccio con il genere western, il bimbominkia che viveva in me, ancora adolescente, era rimasto a bocca aperta dinanzi ai paronami mozzafiato, una vera e propria prova di forza per le console di passata generazione. Era rimasto inoltre ancora più a bocca aperta dinanzi al meraviglioso finale, che è rimasto nel suo cuore per tutti questi anni, e che, probabilmente, lo rimarrà per il resto dei suoi giorni. Tornando al presente, i miei dubbi, dinanzi all’annuncio di RDR2 erano numerosi: la grande R stellata sarebbe riuscita a replicare, se non superare, la coinvolgente quanto commovente narrazione del primo capitolo? A rendere il mondo altrettanto interessante da visitare e da vivere? Il protagonista sarebbe stato all'altezza del mitico John Marston?
La risposta a tutte queste domande è: si. Cazzo, si.

Il gioco, essendo un prequel del primo capitolo, narra le avventure e la caduta della temibile banda di Dutch Van Der Linde, nel 1899, una banda investita dai venti di cambiamento che stavano soffiando su tutta l'America. Il tempo dei fuorilegge stava volgendo alla sua conclusione, per lasciare posto ad un paese in cui, finalmente per alcuni, purtroppo per altri, emergevano la legge e l'ordine. Quello che colpisce in questo capitolo è la cura per i dettagli, in tutti gli aspetti, che sia esplorare un bosco, osservare le tracce lasciate da una carovana sul terreno, acquistare un’arma o delle provviste all'emporio, scambiare qualche chiacchiera con gli NPC ecc. NPC che, invece di sembrare tali, finalmente sembrano prima di tutto persone, ognuno con un suo carattere, con una sua personalità, con un suo modus operandi caratteristico. Vestiremo i panni di Arthur Morgan, un protagonista che non ha nulla da invidiare al buon vecchio John e che, anzi, riesce in molti aspetti a superarlo. Diverse sfaccettature del suo carattere sono particolarmente evidenziate nel suo diario personale, consultabile in qualunque momento, su cui non voglio soffermarmi in questo momento, preferisco lasciarvi il piacere della scoperta. Quest'ultima affermazione può valere per tutto il resto della recensione, in quanto RDR2 è un titolo che va scoperto e degustato nella totale inconsapevolezza di ciò che sta accanendo o che sta per accadere, il tutto ascoltando una delle migliori colonne sonore che Rockstar abbia mai proposto in un suo progetto, perfetta in ogni situazione, risultanti mai stucchevole e sempre azzeccata. Il titolo ha un ritmo molto lento, forse fin troppo per i giocatori più Casual, tuttavia è proprio questo il punto di RDR2: l’obiettivo degli sviluppatori dell'opera non è tanto il portarvi dal punto x al punto y e fine, è farvi vivere in tutto il suo realismo e in tutta la sua bellezza tutto ciò che sta nel mezzo, per farvi sentire veramente parte di quel mondo e di quel contesto storico. Uniche piccole note dolenti consistono in una lenta risposta dei comandi in una sorta di input lag, tuttavia è il prezzo da pagare per poter ammirare animazioni così perfette in tutte le sue situazioni.

Comcludendo, ci troviamo davanti ad un capolavoro, che non solo ha abbondantemente superato il livello qualitativo del primo capitolo, ma che ha soprattutto alzato l'asticella del genere open world per sempre. RDR2 è, semplicemente, il miglior open world che abbia giocato in tutta la mia vita fino ad ora, e una pietra miliare nell'industria, che, si spera, ispiri tutta essa a raggiungere nuove vette, per poter dare sempre più senso alla frase “i videogiochi sono arte”.

10

Voto assegnato da Raffa120393
Media utenti: 9.5 · Recensioni della critica: 9.8

Raffa120393

ha scritto una recensione su To the Moon

Cover To the Moon per PC

Più che un videogioco: un’esperienza

Nell'industria videoludica, di questi tempi, è molto difficile che un’opera trasmetta una carica emotiva come To the Moon. Ho giocato ieri questo titolo, finendolo in circa 5 ore. 5 ore che hanno rappresentato un vero e proprio vortice di emozioni, sentimenti, gioie, dolori e lacrime...tante lacrime. Difficilmente un titolo riesce a farmi piangere ( ci erano riusciti solo The Last of Us, FFX e Persona 5, per quanto mi riguarda), ma questo TTM ci è riuscito alla grande...diverse volte. Vengono trattate tematiche come la vita, la morte, l'amore, la distanza, la depressione, le patologie psichiatriche, le gioie e i dolori causati dalla crescita e dal carico di responsabilità, l'importanza dei sogni e della fragilità della vita. Tutto contribuisce alla più totale presa nei confronti del giocatore, a partire dalla pixel art davvero deliziosa e piacevolmente old school, passando per una soundtrack che mi è entrata nel cuore e che non ne uscirà mai più. Se non l'avete ancora giocato, supportate questa Gemma e fatela conoscere a più persone possibili. “Everything’s Alright”...a volte vorrei tanto che sia così....chissà quante volte ce lo ripetiamo nella nostra testa, sperando che tutto scorra...sperando di volare via da qui, oppure che qualcuno arrivi per modificare i nostri ricordi più bui, cercando di mettere ordine nelle nostre menti così fragili e colme di rimpianti e sogni infranti. I videogiochi sono arte pura. To the Moon ne è un esempio di spessore.

9

Voto assegnato da Raffa120393
Media utenti: 9.1 · Recensioni della critica: 8.7

Raffa120393

ha scritto una recensione su God of War

Cover God of War per PS4

Kratos è tornato.

Troppi anni sono passati dall'ultimo capitolo di questa saga. Kratos approda su PS4 con un’avventura inedita, capace di reinventarsi e di rinnovarsi nel migliore dei modi. Questo capitolo, infatti, si presenta più story driven e lento rispetto al passato. Presenta un gameplay più ragionato, più tecnico e, per certi versi, più soddisfacente. La prima metà del gioco, dal punto di vista narrativo, è un po' strana, con una storia interessante di sicuro, ma che tuttavia fatica a decollare. Nella seconda metà di gioco, questo God of War sprigiona con una violenza spaventosa la sua vera natura, aumentando notevolmente il ritmo con un crescendo di qualità dal punto di vista narrativo e della spettacolarità. Senza fare spoiler...vi dico solo che, se avete giocato i capitoli precedenti, rimarrete a bocca aperta. L'ambientazione lascia senza fiato, il passaggio dalla mitologia greca a quella norrena è più indolore del previsto, presentando spunti narrativi eccezionali, soprattutto per una potenziale nuova trilogia. A condire il tutto, ci pensa un comparto tecnico a dir poco fenomenale, che saprà regalarvi un colpo d'occhio memorabile, sia in 1080p che in 4K. Kratos è tornato. È tornato per un nuovo inizio. Solitamente si dice: “ chi ben comincia è a metà dell'opera”. Non oso immaginare cosa ci potrà riservare il futuro con questo brand. Unica nota dolente: la scarsa varietà di nemici e mid boss. Con una varietà maggiore questo titolo avrebbe puntato tranquillamente il 10, dal mio punto di vista. Se avete una PS4, questo è un acquisto obbligato, nel caso in cui siate appassionati del genere. Buon divertimento.

9.5

Voto assegnato da Raffa120393
Media utenti: 9.3 · Recensioni della critica: 9.6

Raffa120393

ha scritto una recensione su Persona 5

Cover Persona 5 per PS4

Capolavoro

120 ore. Probabilmente le 120 ore spese meglio di questa generazione in ambito PS4. Se dovessi descrivere in una parola il rapporto che ho avuto con Persona 5 sarebbe: “Assuefazione”. Il titolo mi ha letteralmente rapito dal momento in cui ho cliccato l'opzione new game. Parlare di un capolavoro del genere non è affatto semplice, così come non è semplice spiegare come quale sia il segreto dietro alla sua magnificenza: forse la colonna sonora (tra le più belle che abbia mai trovato in un videogioco in assoluto), il gameplay divertente che non porta mai alla noia, la trama, i personaggi, l'estetica, la morale, le emozioni...tutto si unisce in maniera perfettamente armonica per formare un mosaico meraviglioso. Un JRPG come non ne vedevo da anni. Sono un novizio di questa saga, essendo questo il mio primo Persona. Ora voglio approfondire sempre di più questa serie, Shin Megami Tensei in primis. Se la mancata localizzazione in italiano per voi non è un problema, se amate i JRPG a turni, l'estetica che sprizza Giappone da ogni poro, compratelo ad occhi chiusi. Personalmente, il mio game of the year, a pari merito con The legend of Zelda: Breath of the wild. Grazie Atlus per questa avventura che mi porterò nel cuore per tutta la mia vita.

10

Voto assegnato da Raffa120393
Media utenti: 9.4 · Recensioni della critica: 9.3

Non ci sono interventi da mostrare.