Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Random condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Random, aggiungilo agli amici adesso.

Random
Random

ha scritto una recensione su The Last of Us Part II

Cover The Last of Us Part II per PS4

Non sono un tipo da recensioni, infatti questa è la prima... ma questo gioco ti segna e la merita.
Spoiler.

Partiamo dai difetti (non è vero): caro dolce Druckmann. Capisco che nel nuovo millennio le cose siano cambiate, che bisogna aprire la mente, che viva la libertà di tutti, pace e amore. Però:
1-Ellie è più maschiaccio di un maschio ed è lesbica.
2-Dina è una lesbica incinta. Ma volevo fare la scena della famiglia omo felice! Ammazziamo il padre.
3-Abby è un incrocio tra un armadio e un orso.
4-il bambino asiatico in realtà è una bambina, un futuro da trans.
Allora dolce Druckmann, per me va bene tutto... ma un certo punto che due maroni eh. La promozione dell'eguaglianza non deve diventare un tritatesticoli. Lo so che sei mmmericano e che quindi è tuo dovere di vita essere un politically correct da voltastomaco. Va bene Neil, viva le donne, viva lgbt, parità di sessi, le donne sono forti. Non sia mai che nel mondo sia sopravvissuta una donna con femminilità, è segno di debolezza. Mancava solo il titolo del gioco con i colori dell'arcobaleno. Ora posso giocare Neil?

Ora i pregi: tutto il resto.
Il livello tecnico lo tralascio, è il top assoluto e con un doppiaggio italiano magistrale (fanculo a chi lo gioca in inglese).
Riguardo la storia non credo di avere mai giocato una cosa del genere, di una crudeltà che ti colpisce, dove nelle prime due ore ti ammazzano in modo brutale il protagonista... e ripensi a come ti hanno preso in giro nei trailer per nascondere gli spoiler. Mai avuto uno shock così grande in un videogioco. Dove a metà gioco ti fanno usare l'armadio, per farti capire che ci sono i punti di vista, che ognuno ha la sua storia e la sua gente. Dove ti ammazzano i compagni/amici a ruota. E alla fine un amaro in bocca, missione mezza compiuta ma nessuno può riportarlo in vita o parlargli un'ultima volta.
Come nella realtà, è questo il punto, le situazioni che si creano sono perfettamente logiche e plausibili. Nella vita succedono cose che non vuoi succedano e Druckmann ha avuto il coraggio di portare tutto questo in un gioco.
Penso che TLoU II passerà alla storia per il coraggio dei contenuti.
Questo gioco ti fa volontariamente desiderare che non fosse mai esistito, perchè con il primo era andato tutto bene, ne uscivi felice, tranquillo, in pace. Qua ne esci distrutto, ma non trovi difetti nell'avventura.

Vabè non sono bravo ad esprimermi, sicuramente ho dimenticato qualcosa. Non do facilmente i 10, ma sono dell'idea che se non lo dai a questo gioco allora non lo dai a nessuno.

Non ci sono interventi da mostrare 😔