Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Remothered: Tormented Fathers – Recensione Switch

Come ben saprete, dopo anni di sofferenze e di lotte contro l'oscurantismo che affliggeva il nostro paese, il Made in Italy si sta facendo spazio anche sulle piazze più importanti a livello mondiale. Ogni anno possiamo ammirare come nuovi talenti facciano strada in questo vasto mondo videoludico: alcuni dei più grandi capolavori mai creati sono proprio nostrani, iniziando da Mario + Rabbids Kingdom Battle, Daymare: 1998, Detective Gallo, Close to the Sun e molti altri ancora. Possiamo fortemente affermare che, finalmente, lo sviluppo dei videogiochi è vigorosamente in crescita anche nel nostro splendido paese.



Una delle perle miliari che vorremmo aggiungere alla lista sopracitata è sicuramente quella dei ragazzi di Stormind Games, ovvero uno dei piccoli studi italiani presenti sul suolo siciliano: quest'ultimi ci hanno regalato una delle migliori avventure horror presenti nel panorama videoludico, Remothered: Tormented Fathers. Dopo il discreto successo dell'opera, il titolo diretto da Chris Darril si appresta a sbarcare sulla piccola di casa Nintendo con un porting totalmente nuovo. Sarà capace di colpire anche gli utenti di Nintendo Switch? Scopriamolo insieme in questa recensione!



Per chi non lo sapesse, il titolo è già disponibile per PlayStation 4, Xbox OnePC; mentre presto saranno rilasciate novità sull'attesissimo sequel del gioco: Remothered: Broken Porcelain.



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/05/Gameplay-Screenshot-01.jpg



Un'avventura spaventosa…



Per chi come noi ha già potuto godersi il titolo sulle piattaforme casalinghe, saprà bene di che pasta è fatta la narrativa del gioco che, ancora oggi, resta tra le migliori in assoluto: i ragazzi di Stormind Games hanno sempre puntato più alla qualità narrativa che a quella tecnica, sfornando in fine una delle storie horror più degne di nota. La storia di Remothered è ambientata in una grande dimora in cui il proprietario, il Dottor Felton, si vede costretto a vivere nell'ombra a causa di una malattia grave, quasi incurabile.



La figlia del povero Felton, Celeste, scompare senza lasciare traccia e la protagonista Rosemary inizierà ad investigare sulla questione e dovrà muoversi nel tentativo di far chiarezza sui misteri che avvolgono il passato del Signor Felton e la sua inquietante famiglia.



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/04/Remothered-Tormented-Fathers.-800x334.jpg



Durante la sua investigazione la nostra protagonista incontrerà Gloria, ovvero l'infermiera che si prende cura del signor Felton che, a seguito di alcuni persistenti interrogatori, farà infuriare il padrone di casa che sbatterà fuori Rosemary dalla sua”umile” dimora. Il nostro obiettivo sarà quello di rientrare in casa per scoprire gli oscuri e macabri segreti che si celano in quelle quattro mura.



Ovviamente aspettatevi di trovare nemici spaventosi e ambientazioni cupe e tetre. Riuscirà la nostra protagonista a risolvere tutti gli enigmi e a scoprire i misteri di casa Felton? Scopritelo acquistando il gioco completo!



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/04/Remothered-Tormented-Fathers-800x450.jpg



Squadra che vince non si cambia!



Remothered: Tormented Fathers su Switch non subisce grandi variazioni riguardo il gameplay, anzi resta fedele a quanto visto sul PlayStation 4 e Xbox One: la visuale ci è apparsa alquanto buona anche nel momento in cui ci nascondiamo o quando sfuggiamo dagli “Stalker”. I comandi sono pressoché invariati rispetto a quanto visto sulle console casalinghe, abbiamo anche un piccolo tutorial per testate i comandi e la presa dei Joy-Con che, a dirla tutta, non intaccano ne migliorano minimamente l'esperienza di gioco.



Crediamo che le funzioni dei Joy-Con e della piccola Switch in generale, non siano stati sfruttati a dovere: non sarà possibile utilizzare il touch per sfogliare i documenti o gli oggetti ritrovati, mentre i controller non sfruttano nessun tipo di caratteristica (peccato).



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/05/Gameplay-Screenshot-02.jpg



A quanto pare, questa versione di Remothered: Tormented Fathers non supporta nessuna feature di Nintendo Switch in particolare, e sembra essere un porting sin troppo semplice e senza un minimo di impegno. Per fortuna, resta un audio in inglese (ben fatto) accompagnato dai sottotitoli in italiano: in modalità TV i sottotitoli sono troppo piccoli ed è davvero difficile leggerli con attenzione; la situazione migliora in modalità portatile per fortuna.



Il mancato supporto all'HD Rumble lo noteremo sin da subito: il sistema di vibrazione è esente da questa versione, ma siamo certi che sarebbe stato un punto a favore per il piccolo studio italiano e per la loro opera multimediale.



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/05/Gameplay-Screenshot-22.jpg



Grafica e Sonoro



Purtroppo, graficamente parlando, le avventure di Remothered: Tormented Fathers su Nintendo Switch non sono all'altezza di quanto visto su PC e Console: il titolo su Switch è graficamente inguardabile, abbiamo notato una grafica di seconda generazione con delle texture sgranate, oggetti sfocati e ambientazioni poco definite.



Anche il sistema d'illuminazione è da rivedere e non escludiamo alcuni problemi di pop-up presenti nel gioco: ci è capitato di notare alcuni oggetti sparire nel nulla o caricarsi solo una volta avvicinandosi all'oggetto in questione, mentre alcuni effetti di luci ci sono apparsi poco intuitivi. I filmati di gioco invece, ci sono apparsi ben dettagliati e molto ridefiniti: vi sembrerà strano, ma i filmati di gioco girano in maniera eccezionale su Nintendo Switch, sia in modalità portatile che TV.



https://www.gamesource.it/wp-content/uploads/2017/05/Gameplay-Screenshot-04.jpg



Anche se le performance di Nintendo Switch non sono ai livelli di PlayStation 4 o Xbox One, non basta giustificare le problematiche presenti in questa versione di Remothered: Tormented Fathers: prendiamo ad esempio il porting di Detective Gallo o di Spyro, ci sono apparsi entrambi perfetti e ben definiti sull'ibrida Nintendo nonostante le performance della console.



Il comparto sonoro è invece ben caratterizzato e definito, portando al giocatore quel senso di ansia e tensione durante tutta la durata dell'avventura: i rumori del legno e i lamenti del vecchio Felton, ci terranno costantemente in guardia e stato d'allerta costantemente.




Remothered: Tormented Fathers è un titolo consigliato per tutti coloro che amano le avventure horror in terza persona, e consigliamo vivamente di provarlo per chi non lo ha ancora giocato sulle console di casa Sony e Microsoft. Su questa piattaforma non godrete di tutto il potenziale che quest'opera multimediale può offrire, ma se accettate qualche compromesso – principalmente grafico – sarà un piacere giocarlo anche su Nintendo Switch. Il titolo è acquistabile sull'eShop Nintendo alla modica cifra di 29,99 €, mentre la versione retail dovrebbe arrivare nel corso dei prossimi mesi.



L'articolo Remothered: Tormented Fathers – Recensione Switch proviene da GameSource.

Continua la lettura su www.gamesource.it

11 settembre alle 18:30