Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

WWE 2K20, i voti della critica deludono Take-Two

Sin da quando Yuke's ha passato il testimone nelle mani di Visual Concepts, i dubbi hanno cominciato a sollevarsi sulla qualità di WWE 2K20, purtroppo fondati. Nelle settimane successive al rilascio del titolo di 2K, utenti e critica hanno espresso il forte disappunto per il nuovo gioco di wrestling, definendolo incompleto e tecnicamente peggiore delle scorse iterazioni, giudizio che non sembra essere andato tanto a genio a Take-Two Interactive.



“Siamo rimasti delusi dalle recensioni e dal feedback degli utenti per WWE 2K20, ma Visual Concepts ha rilasciato una patch che dovrebbe aver risolto molti dei problemi segnalati e sicuramente continueranno a migliorare ancora l'esperienza del gameplay. Il brand WWE continua a espandersi in tutto il mondo, abbiamo ancora molto tempo per far crescere la serie WWE 2K e migliorarne la qualità.” dice il presidente di Take-Two Karl Slatoff, ma è stato di tutt'altro avviso Hiromi Furuta di Yuke's, che invece punta il dito contro il suo ex publisher:



“Osservando le richieste del mercato, i giocatori si aspettano qualcosa di nuovo ogni volta che sviluppiamo un gioco, e questo ci fa sentire di non aver raggiunto il nostro scopo con il prodotto. Per fare un esempio, a causa di alcune imposizioni siamo stati costretti a riutilizzare vecchi asset e a non riuscire nei nostri intenti originali.”



Proprio a causa di queste pressioni, il team giapponese di Yuke's ha recentemente deciso di slegarsi da 2K e Take-Two per sviluppare un nuovo videogioco di wrestling per dare competitività al mondo della lotta videoludica. WWE 2K20 è ora disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC, e presto arriverà anche il nostro verdetto.

Continua la lettura su www.playstationbit.com

domenica alle 18:30

Condiviso da popcornking e un altro.Piace a 3 persone

 

Se lo meritano quest'anno il gioco sembra davvero una versione alpha, nemmeno una versione beta e spero che decidano di sviluppare un bel remake di Here Comes the Pain ma fatto come si deve, ovviamente Chris Benoit escluso. sisi