Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Il CEO di Epic Games si scaglia contro Android, iOS, le loot-box e le commissioni sulla vendita dei giochi

Tim Sweeney, CEO di Epic Games, ha aperto oggi l'evento DICE Summit a Las Vegas con un appello per rendere il settore più aperto e liberarlo dalle pratiche monopolistiche dei proprietari di piattaforme come Google e Apple. In un accorato discorso sulla sua visione dei videogiochi nel prossimo decennio, Sweeney ha criticato la maggior parte dei protagonisti del settore dei giochi.



Sweeney ha definito Android come un "falso sistema aperto" per creare barriere di fronte agli utenti quando Epic Games voleva consentire ai giocatori di caricare Fortnite direttamente dal sito di Epic Games, piuttosto che attraverso il Google Play Store. Sweeney ha affermato che Google ha creato pop-up "spaventosi" per gli utenti (per quanto riguarda virus e malware), oltre ad altri passaggi che gli utenti hanno dovuto fare per ottenere Fortnite su Android. Epic ha dichiarato di aver avuto "discussioni difficili" con Sony, Microsoft e Nintendo per rendere Fortnite disponibile come titolo cross-play.



Il CEO ha inoltre detto la sua per quanto riguarda la politica ed i videogiochi affermando che i social media devono essere un luogo in cui le persone possano esprimere in tranquillità le proprie opinioni politiche. La frecciatina era rivolta ovviamente a Blizzard che lo scorso anno ha cacciato il pro player Blitzchung dai campionati di Hearthstone per essersi schierato a favore delle proteste in Cina.



Leggi altro...

Continua la lettura su www.eurogamer.it

14 febbraio alle 18:10