Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Hitman: IO Interactive ha ricevuto diverse proposte di acquisizione molto 'interessanti'

Nel giugno 2017, IO ha negoziato un management buyout (MBO) con Square Enix che l'ha resa nuovamente uno studio indipendente, in un accordo che l'ha vista anche mantenere tutti i diritti su Hitman. L'MBO, che è stato completato circa 15 mesi dopo l'uscita di Hitman del 2016, è stata una mossa decisamente rischiosa per IO. Il CEO dello studio e co-proprietario Hakan Abrak ha infatti raccontato che quando l'azienda danese è diventata indipendente, "aveva letteralmente tre mesi di flusso di cassa prima di dover chiudere bottega".



IO ha attirato un certo numero di pretendenti che avrebbero potuto alleviare la pressione finanziaria sulla società. Lo studio creatore di Hitman dice infatti di aver ricevuto offerte di acquisizione "davvero interessanti", dovute tra le altre cose al miglioramento delle performance di Hitman nel corso degli anni.Nonostante Hitman del 2016 abbia avuto un avvio lento, IO ha mantenuto la fede nella sua visione per la serie, che è stata costruita intorno a vendite continue più che a quelle istantanee. Hitman 2 del 2018 è stato più veloce a raggiungere i suoi obbiettivi di vendita, e Hitman 3, del 2021, ci è riuscito in meno di una settimana, il che ha permesso allo studio di poter rimanere indipendente e di rifiutare le avances ricevute dai vari compratori.



Uno dei pretendenti aveva suggerito di ridurre il numero di sviluppatori dell'azienda e di assumere invece degli analisti nel tentativo di ottimizzare i contenuti futuri, ed è venuta fuori anche l'idea che che Hitman diventasse un free-to-play, che Abrak ha commentato così: "Penso che il free-to-play sia molto interessante, penso che ci siano alcune esperienze davvero belle che sono adatte a questo, ma l'Hitman che abbiamo fatto nel 2016 non è uno di questi". Abrak ha detto che IO ha discusso vari modelli di business con potenziali investitori, ognuno dei quali aveva la propria visione di come l'azienda avrebbe potuto apparire in futuro, alcuni dei quali pensa che avrebbero potuto funzionare, ma nessuno dei quali corrispondeva alla visione dello studio stesso.



Leggi altro...

Continua la lettura su www.eurogamer.it

8 aprile alle 18:01

Condiviso da Sam Fisher e un altro.Piace a 1 persona