Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Videogiochi, molestie e discriminazione parla Bungie: 'dobbiamo respingere questa cultura persistente'

Il California Department of Fair Employment and Housing ha intentato una causa contro Activision Blizzard per "violazioni dei diritti civili dello stato e delle leggi sulla parità di retribuzione". L'indagine, durata due anni, ha scoperto che la società aveva creato "territorio fertile per molestie e discriminazioni contro le donne".



In seguito a questa vicenda, Bungie ha rilasciato una dichiarazione, sottolineando la sua politica di tolleranza zero su molestie e abusi. Activision Blizzard è stato l'editore della serie Destiny di Bungie fino al 2019, quando le due parti hanno concluso la partnership. Le aziende hanno iniziato a collaborare tra loro nel 2010.



Lo studio dietro Destiny non sembra essere stato menzionato nella causa, ma il thread di Twitter pubblicato la scorsa notte suggerisce che la società è desiderosa di prendere le distanze dal suo ex partner. "Bungie si basa sul potenziamento delle nostre persone, indipendentemente da chi siano, da dove provengano o da come si identifichino", ha scritto la società tramite Twitter. "Abbiamo la responsabilità di riconoscere, riflettere e fare il possibile per respingere una cultura persistente di molestie, abusi e disuguaglianza che esiste nel nostro settore".



Leggi altro...

Continua la lettura su www.eurogamer.it

23 luglio alle 12:20