Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

SimoRovo condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere SimoRovo, aggiungilo agli amici adesso.

SimoRovo

ha aggiornato la sua collezione

SimoRovo
Cover Ni no Kuni II: Revenant Kingdom per PS4

Tocca a Ni No Kuni 2, gioco che si è preso ignobili quantità di odio per il solo fatto di condividere il nome con il suo predecessore. Tuttavia, ho avuto la fortuna di approcciare il titolo grazie alle raccomandazioni di un'amica senza aver avuto modo di provare il primo capitolo (all'epoca non avevo ancora una PS3 e della remastered del primo non si sapeva ancora nulla), e devo dire che ne sono rimasto piacevolmente colpito. Non parliamo certo di un capolavoro, sia chiaro. A deludere sono principalmente personaggi, generalmente piatti tranne per alcune piacevoli eccezioni, e trama, quest'ultima puramente accessoria: infantile, superficiale, e utile solo a svelare poco a poco le nuove meccaniche e aree di gioco che andremo a toccare con re Evan. Tolta delusione per il lato narrativo, il resto svolge ottimamente il proprio compito a partire proprio dal gameplay: considerando che il titolo è volutamente rivolto a un target piuttosto giovane la fusione tra battagli campali, lato gestionale legato allo sviluppo del regno di Gatmandù e combat system action funziona a meraviglia (con il primo dei tre sicuramente meno pregevole degli altri) e si fonde in maniera decisamente interessante. Tutto questo assuefante ben di Dio, unito allo spirito avventuroso, alla bellissima grafica e character design che sembrano usciti da un film di Ghibli (si ricordi la collaborazione con lo studio per la creazione del primo NNK), alle musiche di Joe Hisaishi (talvolta fuori luogo ma molto gradevoli, con alcuni picchi di qualità eccelsa) e a una grande abbondanza di attività collaterali (si parla comunque di 100 ore per il raggiungimento del platino) ben più intriganti della main quest contribuisce al donarci un prodotto dai mille difetti, certo, ma dagli altrettanti pregi, che vale la pena giocare fino a fondo (o almeno, per me la pena è valsa, e mi ci sono divertito un casino). Consigliato col cuore.

SimoRovo
Cover Star Ocean: The Last Hope International per PS3

[Premessa: ho mollato il titolo a 22 ore di gioco, quindi il mio giudizio vale solo fino al punto in cui sono arrivato]
Attirato dagli elogi profusi da molti sul web riguardo al titolo lo presi usato nel mio negozietto di fiducia di Padova, nella speranza di incappare in una piccola gemma del ruolismo: visto il voto, mi pare inutile dire che non sia andata così. Non fa nulla di particolarmente sbagliato, e forse questo contribuisce alla mia repulsione nei confronti del titolo, perchè generico a livelli insopportabili, a partire dalla trama. Parte da una premessa allucinante (un jRPG con un setting futuristico à la Star Wars) per evolversi in quanto di più anonimo possa esistere (passino i clichè del genere, ma di tutte le specie esistenti nella galassia proprio le donne gatto e le elfe ignude dovevano colonizzare i pianeti che andiamo a visitare?), e i personaggi, fogli di carta che sembrano aver scritto STEREOTIPO sulla fronte, non aiutano di certo a invogliare il giocatore o me, nello specifico, a progredire. Nota a parte per il combat system, figlio dei papà dei Tales e, di conseguenza, decisamente interessante ma non abbastanza per giustificare altre 30 ore di personaggi, ambientazioni e sviluppi di trama scialbissimi.
Detto ciò, prima o poi dovrò finirlo.

Non ci sono interventi da mostrare 😔