Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Su Tempesta77

Laureato in Scienze Storiche con una tesi in Antropologia Culturale sull'esperienza videoludica. Appassionato di sollevamento pesi, gatti, k-pop e cultura giapponese. Scrive per IlVideogioco.com

Tempesta77 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Tempesta77, aggiungilo agli amici adesso.

Tempesta77

Steamtrades

E' da qualche mese che ci bazzico (aka ho l'account e il relativo post con offerte ecc), dopo che un gentile utente di Ludomedia me l'ha fatto conoscere. Non sono riuscito a scambiare granchè, ma pare che sia una delle migliori vetrine dove poterlo fare. Il punto sono... I casi umani. A meno che non sfugga qualcosa a me. Ahahahah

Aggiorno la lista contenente da scambiare che possiedo, e quelli a cui sono invece interessato. Vengo contattato da un utente straniero. Dice di essere interessato a Tilt Brush (un software per VR ndr), Jackbox Party Pack 2 e Hollow Knight. Io allora gli rispondo (dopo aver visto la sua lista "i have") di essere interessato a Black Mesa, Hellblade Senua's Sacrifice, Catherine Classic, e My Time at Portia. Preciso, naturalmente, che la conversazione è avvenuta in inglese.

Io gli faccio "questi sono i titoli che interessano a me. Fammi tu un'offerta onesta alla luce di ciò che interessa a te". I miei tre per i suoi 4 non sarebbe stato equo, e infatti io mi sono limitato a elencare ciò che mi interessava della sua lista. E così ho atteso che mi facesse un'offerta. Da lì, il nosense totale.

"Catherine Classic l'ho già scambiato". E qui ok, nessun problema. "Black Mesa non lo scambio con nessuno di quei tre". E vai a capire perchè, visto che alla fine il valore economico di un gioco quello è, ma dettagli. "Hellblade e My Time at Portia non sono disposto a scambiarli in rapporto 1:1". Stavo per fargli notare, ad esempio, che già uno scambio 1:1 Hollow Knight-Hellblade sarebbe stato leggermente svantaggioso per me , quando è avvenuta l'offerta DELIRANTE.

"Se vuoi ti posso dare Hellblade per Hollow Knight e uno tra Tilt Brush e JPP2 (Jackbox Party Pack 2 ndr)".

Allora, fermi un attimo. Tilt Brush è un software, e come saprà chi bazzica tra Steam e siti di key, quasi tutti i software non beneficiano mai di saldi. Di nessun tipo. E Tilt Brush costa 19,99 euro. Hellblade a prezzo pieno viene 29,99, ma in saldo si trova sempre a poco più di 10 euro, sia su un Instant Gaming che sullo stesso Steam (dove è in sconto anche adesso). Mi offri qualcosa che vale la META', e ne vorresti un'altra in aggiunta? Ma sei ammattito?

E mi fermo qui, senza analizzare ulteriormente il valore economico reale degli altri titoli protagonisti. Cosa frulla in testa a una persona del genere? C'è qualche logica che mi sfugge? Ad esempio un altro che mi aveva contattato facendomi un offerta se n'era uscito dicendo che dei giochi presenti "In un bundle attivo" valgono meno (alludendo a Hollow Knight e JJB2, presenti nel COVID-19 bundle di Humble Bundle). Non so quanto possa avere senso, ma almeno è un motivo.

Chiedo spiegazioni al tizio, chiedendogli gentilmente la logica dietro a un'offerta così misera, e questo mi rimuove da Steam, fuggendo ahahahahahahahaha vai a capire....

Tempesta77

ha aggiornato la sua collezione

Tempesta77

ha scritto una recensione su Exit the Gungeon

Cover Exit the Gungeon per PC

Un inferno. Non solo di proiettili.

Link alla recensione completa: https://www.ilvideogioco.com/2020/03/30/ …

Si torna nel gungeon armati fino ai denti, ma stavolta con l’obiettivo di uscirne il più velocemente possibile. Il tutto con una meccanica su base aleatoria che farà storcere il naso a molti puristi del genere roguelike, ma che d’altra parte alza notevolmente sia l’asticella della difficoltà, sia la connotazione strategica del gameplay. Dopo sei mesi su Apple Arcade Exit the Gungeon arriva su Pc e Switch, in presenza di comandi più affidabili e precisi in grado di regalare ancor più precisione e dinamismo al proprio pixelloso avatar.

Uno spin-off dell’acclamato Enter the Gungeon da cui ricicla alcuni asset, ma dal quale prende altresì le distanze in termini di stile. Da un tradizionale e coinvolgente twin stick shooter a un inferno di proiettili bidimensionale dall’elevata componente platform.

Una metamorfosi accattivante frenata solo da una discutibile meccanica di gioco e da alcune incertezze sul lato tecnico, che fanno da piccoli argini a uno scorrevolissimo fiume interamente composto da proiettili, tanto da sparare quanto da evitare. Un’elevata rigiocabilità a prezzi modici che farà la gioia degli aficionados del genere.

Non ci sono interventi da mostrare.