Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Willy Hunter condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Willy Hunter, aggiungilo agli amici adesso.

Willy Hunter
Cover Deus Ex: Human Revolution per PC

Steampunk, Blade Runner, e ganassa Jensen

Anni 2000, videoludicamente parlando, una seconda età dell'oro.
I giochi sono diventati maturi, sfruttano le potenzialita' delle nuove schede video; il mercato ha nuova linfa grazie anche alle console di seconda generazione e nascono generi nuovi che mixano magistralmente stili gia' consolidati.
Deus Ex nasce in questo contesto: Eidos tira dal cappello qualcosa di magico, irripetibile, originale. Un FPS miscelato ad un RPG in salsa Open World.
Terreno allora mai esplorato da nessuno.
Ne viene fuori un capolavoro che rimarrà ricordato nel tempo.
Passano gli anni: 12 ( siamo nel 2012 )son tanti ma il ricordo del primo Deus Ex non muore e finalmente prende vita il sequel.
Grafica rinnovata, introduzione di un nuovo carismatico attore, Adam Jensen, sceneggiatura degna della miglior Spy Story in salsa Sci-Fi, libertà d'azione lasciata al personaggio. Il tutto nel rispetto della tradizione steampunk del primo DE.
Ho adorato questo gioco, in tutto e per tutto.
Adam e' ganassa da vendere, carismatico come pochi, riesce ad coinvolgere nella sua ricerca della verità.
Anche il contesto e' eccellente: il mondo e' ormai dominato dalle nanotecnologie, capaci di fondersi con la natura, e di creare cyborg, o potenziati. Esseri umani con innesti cybernetici e con abilità eccezzionali.
Gameplay vario ed avvincente: consentiti tutti gli approcci, dallo Stealth ( appagante e preferibile secondo me ) , allo stile Commando.
Arsenale notevole ma spazio nell' inventario piuttosto limitato.
Villains sottotono ma nel complesso quest sfidanti e tante, tante cose da fare.
Avventura da gustare con calma per godersi tutte le chicche che ha da offrire.
Gran gioco insomma

8.8

Voto assegnato da Willy Hunter
Media utenti: 8.5 · Recensioni della critica: 8.7