Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Yagami condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Yagami, aggiungilo agli amici adesso.

Yagami

ha scritto una recensione su UNDERTALE

Cover UNDERTALE per Nintendo Switch

You are filled with determination

Ho atteso mesi per recensire questo gioco.
Finito la prima volta a ottobre, già allora me ne innamorai. Tuttavia ho voluto fare una seconda run, cercando di non uccidere nessuno e raggiungendo il true ending.
Che dire di questo gioco?
Ci sono molte parole che potrei usare, ma, allo stesso tempo, nessuna é in grado di spiegare come un gioco così semplice e povero a livello tecnico sia riuscito a darmi più emozioni di giochi tripla A con centinaia di ore di contenuti in più.
Questo piccolo gioiello non dura molto. Una run la si completa in meno di dieci ore senza problemi, tuttavia in quelle poche ore i personaggi ti entrano nel cuore. Faremo la conoscenza do diversi comprimari, tutti con la propria personalità, le proprie aspirazioni e i propri sogni. A noi la decisione :Stroncare i loro sogni o condividerli e aiutarli? Ed é qui che il gioco offre il massimo. Ci saranno battaglie, a cui potremmo prendere parte, uccidendo i nemici che ci si parano davanti. Oppure potremo risolverle in modo pacifico, parlando con i nostri, trovando una soluzione a ciò che stanno chiedendo. A volte basta ascoltare e il comando azione giusto da utilizzare sarà chiarissimo.
Ho finito il gioco in pacifist, e credo sia stato qualcosa di indescrivibile. Ho deciso di essere buono, di salvare tutti, di aiutare le persone, di farmele amiche. Il tutto é stato ampiamente ripagato con un finale maestoso, potente, carico di emozioni. La capacità di questo gioco di farti affezionare ai personaggi é fuori scala. Non ho parlato di meccaniche o trama in questa recensione perché tutti conoscono undertale. E se qualcuno ancora non dovesse conoscerlo..beh, per favore, scaricatevelo e dedicategli qualche ora. Una volta dentro vi troverete completamente travolti dai personaggi, dalle vicende, e sarete realmente interessati a ciò che sta accadendo. Vi sentirete in colpa alla prima run, vi sentirete svuotati quando magari, senza pensare che ci sia una via di uscita, ucciderete il primo personaggio importante della storia. Sul momento magari vi dispiacerà e basta. Poi alla fine capirete. Alla fine di tutto, dopo essere giunti ai titoli di coda vi accorgerete di voler salvare tutti. Vi sentirete quasi in obbligo. Inizierete una seconda run pieni di determinazione, salverei tutti, e avrete in cambio una storia magnifica, sulla diversità, sull'accettazione del prossimo, sull'amicizia, sul sacrificio, sulla disperazione, sulla perdita e sulla rinnovata speranza. Quando tutto vi sembrerà perduto ricordate, siate determinati, avrete grandi soddisfazioni.

Il gioco sarebbe da 9, tuttavia si merita il 10 per un semplice motivo. Mai, e dico mai, prima di undertale, un gioco con una grafica cosi semplice era riuscito a emozionarmi a tal punto. Undertale per me é stata la dimostrazione che anche un ammasso di poligoni può donare emozioni, risultando più vero e profondo di molte altre produzioni, anche più importanti a livello di budget. Quindi undertale per me ti meriti il 10.
Ora iniziamo Deltarune.
E no, la genocide non la farò. Non sono pronto.

10

Voto assegnato da Yagami
Media utenti: 8

Yagami

ha scritto una recensione su Onimusha: Warlords

Cover Onimusha: Warlords per Nintendo Switch

Giappone e demoni.

Premetto che non ho giocato mai in vita mia a un Onimusha, quindi per me questo capitolo è stato un salto nel buio, mi sono fidato solo del nome e della sua fama...e ne sono rimasto veramente colpito.
Il gioco si presenta come un Adventure a telecamera fissa, con combattimenti all'arma bianca (con un raro utilizzo di archi o pistole) ben riusciti, tra parate e schivate. L'aggiunta di tre poteri demoniaci utilizzabili in combattimento al costo di prezioso mana diversifica molto il CS. Avremo a disposizione tre tipi di armi durante il gioco, con diversa potenza, range, e velocità, e tre tipi diversi di magia. I combattimenti sono divertenti, e quasi mai vorrete schivarli.
Per quanto riguarda l'esplorazione anche qui siamo già su solide basi. Ci troveremo ad esplorare un castello giapponese, con passaggi segreti, sotterranei, vie alternative e numerose zone completamente facoltative, che premieranno i più minuziosi nel setacciare ogni angolo del castello. Ci verranno presentati diversi enigmi (non troppo impegnativi a onor del vero) per procedere verso i titoli di coda. Il gioco ci propone anche numerosi collezionabili, a partire da armature, armi e spade aggiuntive (una spada in particolare richiede un certo impegno per essere recuperata, giustificando la presenza così di una sezione facoltativa impostata a "torneo" che appunto se porteremo a termine ci donerà un oggetto indispensabile per sbloccare la suddetta spada) potenziamenti per vitalità e magie, e ovviamente le anime dei demoni, che ci permetteranno di potenziare armi e magie.
Per quanto riguarda la trama l'ho trovata veramente carina nella sua semplicità. Sono un amante del Giappone e dei demoni quindi non potevo che adorare sia ambientazione che struttura narrativa. Dovremo salvare una principessa da un rito oscuro tenuto dai demoni per donare potere a un umano. Molto carina la presenza di libri durante il gioco che ci daranno una visione più chiara del mondo dei demoni e del loro scopo nel nostro mondo. Poche cutscenes , un paio fatte in CGI veramente epiche .
Le musiche sono strabilianti, donano il giusto ritmo al gioco, e vorrete sicuramente ascoltarle più volte.
Il mero lato tecnico è ovviamente difficile da valutare, essendo un gioco uscito su PS2. Il restauro grafico è ben fatto, ma senza impressionare. Comunque molto carino il design dei personaggi e dei nemici primari, più anonimo invece i nemici base che incontreremo per tutto il gioco.
Peccato per la durata, finito in 4 ore , trovando ogni cosa. Vero, per sbloccare tutti i trofei (presenti in game nella versione switch) ci vuole più tempo, ma su 56 trofei, in 4 ore ne ho sbloccati 38.

In definitiva un gioco che consiglio caldamente, non richiede troppo tempo, e regala qualche ora di divertimento in compagnia del nostro samurai Samanosuke.

Yagami

ha scritto una recensione su Marvel’s Spider-Man

Cover Marvel’s Spider-Man per PS4

Personalmente, il mio GOTY

Già dal titolo potrete intuire che questo spiderman mi è piaciuto.
TRAMA: la trama l’ho trovata veramente bellissima, sempre sul pezzo, è sempre interessante, con dei bei colpi di scena, e un finale che beh..ha coraggio, e che personalmente ho adorato.
La gestione delle missioni principali è ottima, i momenti morti pochissimi, ed è un escalation fino alla spettacolare boss fight finale.

GAMEPLAY: niente da dire, gameplay fluido, ottimo, volteggiare per New York è un piacere, ci perderete i pomeriggi.
Il sistema di combattimento è pulito, preciso, molte le mosse. Simile al gameplay di Arkham, ma qui sei spiderman, quindi veloce, fluido, spettacolare.
Sezioni stealth ben riuscite con spiderman, molto più carine qui che su arkham (anche se qui sono meno ragionate).

Personale punto negativo sul gameplay , le sezioni stealth senza Spiderman sono noiose, inutili a livello di gameplay a mio avviso, bastavano le cutscenes.

GRAFICA: New York spettacolare, viva, luminosa. Modelli dei personaggi secondari non troppo curati, ma colpo d’occhio splendido, e le boss fight sfoggiano effetti di luce incredibili.
Ottimo da vedere.

LONGEVITÀ : molto buona, la trama si finisce forse un pelo in fretta, ma le attività secondarie sono tantissime, belle per staccare la spina dalla trama, si completano in fretta ma la varietà è tanta.
Mi mancano due trofei per il platino, in tutto circa 40/50 ore.
Non mi esprimo ancora sui DLC, ho in programma di giocarli appena prenderò il platino.
Bene il New Game Plus.

In definitiva, un gioco spettacolare come il nostro spiderman, che andrebbe giocato da tutti gli appassionati di fumetti e degli action in generale. Spettacolare, coraggioso, divertente, quasi una droga.
Non prende il perfect scopre per le fasi stealth noiose e la semplificazione di alcune meccaniche stealth con spiderman, per il resto le ore di gioco scorreranno senza che voi riusciate ad accorgervene.

Yagami

ha scritto una recensione su Diablo III: Eternal Collection

Cover Diablo III: Eternal Collection per Nintendo Switch

Angeli, demoni e Loot

Credo che Diablo III non abbia bisogno di presentazioni quindi parlerò principalmente della conversione switch e di quello che mi ha dato il gioco.

Premetto che ho giocato solo in modalità portatile.
Il gioco si presenta solido graficamente, con svariati dettagli a schermo è una risoluzione pulita e stabile. Il framerate è granitico, anche nei momenti più concitati. Ho giocato con il negromante e anche in momenti con 40 nemici a schermo più tutti i miei mostri evocati non ho mai avuto problemi, quindi dal punto di vista tecnico il gioco è promosso pienamente.
Per quanto riguarda le meccaniche..beh, è la festa del loot..di solito non divoro i giochi, ma qui in due giorni l’ho finito, spinto a ricercare sempre miglior loot dai nemici, potenziare il mio personaggio e spingermi oltre ogni limite..il gioco spinge il giocatore a sperimentare build costantemente, visto che ogni oggetto equipaggiabile ha caratteristiche e specifiche diverse, alcune che ti migliorano attacco, altre difesa, altre vita o il recupero vita a ogni colpo, altre che ti migliorano danno di un determinato elemento , altre ancora ti migliorano invece le abilità attive del personaggio. Pertanto a ogni equip che trovi puoi variare build, cambiare le abilità del personaggio per avere benefit dai pezzi di armatura che trovi. Il gioco ti permette inoltre di modificare le abilità degli oggetti o di migliorare inserendogli gemme in appositi slot. Va da sè che con la modifica delle proprietà degli oggetti si può anche utilizzare una specifica build cambiando le abilità degli oggetti.
Non manca poi la forgiatura , che permette appunto di forgiare armi e armature.

Per quanto riguarda la trama l’ho trovata molto carina nella sua semplicità. Abbonda di epicità, ma di certo non siamo davanti a una signora trama, personalmente però apprezzo veramente molto il tipo di setting che ha il gioco, con l’eterna battaglia tra angeli e demoni. Molto carina l’idea di inserire nel gioco vari collezionabili sotto forma di diari, che se raccolti raccontano svariati eventi accaduti in passato, per dare alla trama un contorno a 360 gradi.

Per quanto riguarda La difficoltà sono invece rimasto alquanto deluso (probabilmente però a causa del personaggio scelto).
Affrontando la storia con il negromante ho dovuto portare la difficoltà da normale a difficile, poi a esperto, poi maestro, poi tormento e infine a livello Tormento 2 (e comunque ancora non ho trovato una vera sfida) e ho avuto difficoltà solamente con il boss finale, per il resto sono morto una sola volta in tutto il gioco.
Cosa molto interessante, la difficoltà può arrivare fino a Tormento 13. Alzare la difficoltà aumenta la percentuale di oro e esperienza ottenuta(il level cap è il 70, poi ci sono i livelli di eccellenza che ti permettono ad ogni livello di donare un punto a una statistica del personaggio) e la quantità di loot leggendario trovato.

Finita la trama si può andare in modalità avventura, dove i dungeon diventano generati in maniera procedurale e si può trovare loot sempre più potente.

Insomma, un gran bel gioco, che consiglierei caldamente a tutti gli amanti del genere action rpg.
Avere diablo 3 in portatile dove vuoi poi non ha prezzo.

Non ci sono interventi da mostrare.