Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

l'Angolo dello Sfogo stanza

L'angolo dello sfogo serve a te, che hai superato la tua soglia di sopportazione dentro e fuori il mondo dei videogiochi, dal troll su internet al trapano che ti sveglia alle 06 della domenica mattina. Sfogati!

Partecipa per leggere gli aggiornamenti in bacheca.

Partecipa a l'Angolo dello Sfogo

Johnson

Durante la scorsa estate, ho accettato di fare ripetizioni a mio cugino (16 anni) per varie materie, principalmente matematica e fisica. Chiaramente, facendo lezioni a un parente, potete ben capire i pro e i contro (di pro non ce ne sono): pagamento quando cazzo vogliono loro (se ti pagano) e "salario" molto basso. Ora, nel fare ripetizioni son sempre stato molto diligente: le cose vengono fatte tutte alla perfezione, con schemi, esercizi di riepilogo e pagine e pagine di scrittura per cercare di far comprendere le cose nel modo più semplice possibile. Tale impegno però deve essere (ovviamente) bilanciato dallo studio a casa, dato che non bastano 4/5 ore settimanali per ricoprire tutto. Risultato? Voti pessimi. E il motivo è semplice: a casa non combina un cazzo, studia solo quando viene da me per le ripetizioni.
Ma non è questo il punto. Tralasciando questo, vengo pagato poco: 5€ all'ora. Voi direte "Beh dai, contando che li fai a tuo cugino, non è poi così male". Vero, peccato che non mi vengono mai pagate tutte le ore, mio zio toglie sempre qualcosa; inoltre, vogliono sempre organizzarsi il giorno prima per il giorno dopo o addirittura lo stesso giorno, senza minimamente pensare alla possibilità che io abbia impegni o che ne so, dato che faccio l'università, ADDIRITTURA delle cose da studiare. Ovviamente, non lo faccio per piacere, ma perchè mi servono soldi, dato che non ricevo mance da nessuno ed è l'unico modo che per ora ho per guadagnare qualcosina.

Sfogo scritto oggi perchè ho deciso di fottermene dei soldi e di mandarli a fanculo, perchè per 5€ all'ora (che vengono sempre risicati) non mi perdo nemmeno, né tantomeno vado a perdere la pazienza e tempo per lo studio.
Se i parenti vi propongono qualcosa sotto pagamento, DITE DI NO, DIO CAMMELLO.

Fire

Fire ha pubblicato un video

Io mi ci sto abituando a questa roba, mi ci sto abituando davvero, ma quando vedi uno con 70000 iscritti che dice di non donare per i terremotati e fa un video del genere come fa a non salirti l'odio per l'umanità?

POLITICI andate AFFANCULO non vi do' manco 1 euro per il Terremoto !!!

Lambrenedetto incazzato nero coi politici che vengono ancora a chiedere soldi agli italiani ...

let92

Ieri sera mi serviva la mia chiavetta USB per trasportare uno screenshot dalla PS4 al PC per poterlo condividere qui.
Non trovo la chiavetta nella solita tasca della borsa dove la metto di solito e mi chiedo dove diavolo sia finita, anche perchè era difficile non sentire il rumore della caduta se per sbaglio mi era uscita fuori mentre tiravo fuori altre cose.
A casa niente, altre tasche nulla, l'avrò lasciata a lavoro (ma io ero sicuro di no).

Morale della favola: nella stessa tasca tengo anche un portachiavi con un magnete, la chiavetta si è attaccata al portachiavi nel momento in cui ho tirato fuori le chiavi e le ho messe nella tasca del giubbotto.
La chiavetta poi si è staccata dalle chiavi ed è rimasta nella tasca da sola xd
Trovata stamattina e mi sono messo a ridere rotfl

Crystal

Mesi fa si è aperto un bando universitario per studiare sei mesi in Giappone. Tl;dr: c'è gente di merda al mondo.
Allora, i posti disponibili erano
- un posto per un anno a Waseda (Tōkyō)
- due posti per sei mesi a Meiji (Tōkyō)
- quattro posti per sei mesi a Dōshisha (Kyōto)
A fare richiesta siamo stati sette: una tipa della triennale che per motivi a noi sconosciuti è stata presa per la Dōshisha, una tizia di un'altra magistrale che non sa niente né di Giappone né di giapponese e vuole andare lì, citandola, "perché fa fico e nel curriculum ha valore" e cinque della magistrale in giapponese.
Per fare richiesta a Waseda bisognava studiare giapponese, per Meiji avere delle certificazioni di inglese e/o giapponese (o, in mancanza di esse, fare un test di giapponese e passarlo) e per Dōshisha aver studiato giapponese almeno per un anno.
Un mio amico è stato preso per l'anno a Waseda, meritatissimo. Un altro mio amico è stato preso per il secondo dei quattro posti a Dōshisha.
Restavamo noi altri. Io ho fatto richiesta sia per Dōshisha che per Meiji, un mio amico solo per Meiji e le altre due mie amiche solo per Dōshisha.
Le certificazioni mie e del mio amico non valevano e ci ha inseriti come i due posti mancanti per Dōshisha, lasciando quindi fuori le due ragazze e i due posti per Meiji.
Il 27 noi quattro facciamo il test per Meiji per vedere chi tra noi otterrà quei due posti, e le altre due persone andranno a Dōshisha... O così avevamo deciso.
Si scopre oggi che la tizia dell'altra università, che fino a ieri non aveva certificati, ha una laurea che vale come certificato di inglese... Quando, a quanto pare, lei non ha studiato lingue (ha fatto Scienze Politiche in italiano) mentre la nostra laurea (Mediazione Linguistica) non vale. Quindi, ora il posto per Meiji è uno solo perché lei, che del Giappone non se ne frega niente, è stata presa.
Io ed il mio amico siamo sicuri per un posto in caso non passiamo per Meiji, ma in ogni caso una delle due ragazze non parte sicuro. E mamma se stiamo bestemmiando da ore.
Non è giusto.

Kiryu

Concludiamo la giornata in bellezza con un vaffanculo per la settimana di merda che sto passando a causa di prof stronzi/ritardati e compagne di classe che non sanno gestire i loro fottuti impegni, facendoli ricadere sugli altri. Tanica di benzina best amica

Non ci sono interventi da mostrare.