Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Nioh 2 – Recensione

Nioh 2 è un action RPG che prende in prestito le basi tecniche dal suo predecessore e, pur non discostandosi molto da esso, tenta di migliorale e rinnovarle in una veste unica, fallendo in parte nel tentativo. Spostandoci sulla trama, invece, notiamo che Nioh 2 si pone come prequel rispetto al primo capitolo, fornendo dunque basi storiche e una maggior comprensione degli avvenimenti di Nioh. Una piccola premessa che mi sento di farvi è che le immagini che vedrete nella recensione (effettuata su una PlayStation 4 vecchio modello) fanno riferimento alla prima metà del gioco. Questo volutamente, per non rischiare di fare spoiler importanti. Adesso districhiamoci insieme fra le orde di demoni e svisceriamo tutte le peculiarità del titolo targato Team Ninja.



Fino alla punta dei capelli… letteralmente



Mi sono sentito di dedicare un paragrafo a parte all'incipit del gioco e alla tanto amata personalizzazione del personaggio. Esatto, in Nioh 2 potremo, finalmente, costruire e modellare il nostro protagonista grazie a un menù di customizzazione di ultimissima generazione. In questo modo potremo definire qualsiasi curva, spigolo e rientranza delle fattezze del viso del nostro personaggio e curarne ogni dettaglio, letteralmente fino alla punta dei capelli. Inoltre è presente la possibilità di personalizzare perfino le tre forme Yōkai che potremo assumere durante l'avventura.



Altra menzione di merito va fatta per il tutorial, che in questo capitolo è stato curato in modo massiccio rispetto al primo Nioh, in cui il buon William veniva gettato direttamente nella mischia. Avremo la possibilità di provare tutti i tipi di armi presenti nel gioco (molte vecchie conoscenze e qualche nuova sorpresa) e scegliere con quali di esse iniziare la nostra avventura. Non solo, avremo anche modo di scegliere quale forma Yōkai adottare per prima e il nostro primo Spirito Guardiano. Indi per cui: complimenti! Finalmente un tutorial come si deve.



https://i0.wp.com/www.playstationbit.com/wp-content/uploads/2020/03/Nioh-2-8.jpg?resize=600%2C338&ssl=1



L'ABC del periodo Sengoku



Nioh 2 affonda prepotentemente le sue radici nella storia del Giappone, precisamente nel tardo 1500, durante il periodo Sengoku, uno dei più sanguinosi e violenti che la Terra del Sol levante ricordi, rivisitato in chiave folkloristica. Impersoneremo Hide, un essere dalle fattezze umane e dal passato oscuro, metà umano e metà Yōkai, un cosiddetto “metamorfo”. Di lui sappiamo solo che da bambino ha assistito all'uccisione della madre Yōkai da parte di una figura misteriosa e che, prima di essere colpito a sua volta, riceve un pugnale fatto di pietre dello spirito. Un frammento di una leggendaria spada, dalla madre morente; qui finisce il flashback sul passato del protagonista.



Hide si dimostra essere un abile cacciatore di Yōkai e fa di ciò la sua ragione di vita fino a quando non riceve una lettera nella propria capanna in mezzo alla foresta. Gli viene chiesto di salvare un villaggio infestato dai demoni del folklore giapponese ed è proprio alla fine di questa prima missione che faremo la conoscenza di Tokichiro, detto “la Scimmia”. Il legame che Hide svilupperà con Tokichiro lo porterà a diventare partecipe degli avvenimenti forse più importanti dell'era Sengoku, e a conoscere personalità estremamente influenti. Infatti il protagonista e la Scimmia prenderanno presto servizio presso Oda Nobunaga, nel pieno della sua campagna di conquista del Giappone, rendendosi protagonisti in prima linea e aiutandolo dalla sua ascesa, fino alla sua caduta.



Continua la lettura su www.playstationbit.com

giovedì alle 19:00

Condiviso da popcornking e altri 4.Piace a 8 persone

 

Bel gioco, ho provato la demo e sono rimasto piacevolmente colpito. Nulla più che un "more of the same" del primo ma ben prodotto, realizzato e curato. Recupererò più avanti.