Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Final Fantasy I & II: Dawn of Souls

Final Fantasy I & II: Dawn of Souls GBA

Sviluppato da TOSE e prodotto da Nintendo, Final Fantasy I & II: Dawn of Souls è un gioco di ruolo uscito il 3 dicembre 2004 per Game Boy Advance.

8.4

Recensioni

9 utenti

Aenima
Cover Final Fantasy I & II: Dawn of Souls per GBA

FF:
Il gameplay ha uno stile molto più simile a quello di giochi come Dungeons & Dragons, piuttosto che ai suoi successori. Ad assicurare il successo del gioco, tra gli altri fattori, vi fu senza dubbio un accenno a trama e colpi di scena. Elementi questi ben rari da trovare in un gioco fantasy a turni in quegli anni, anche se l'unico personaggio definibile come tale era il memorabile boss finale. A causa di vari bug e grafica antiquata, il gioco per i più non è invecchiato bene, ma i vari remake che ha ricevuto hanno contribuito a farlo conoscere alle generazioni successive. Vi è una certa autoironia di fondo, square è sempre stata coscente dei vari stereotipi con cui il genere inevitabilmente si combinava. E così cercavano di creare delle belle storie ma senza mai prendersi troppo sul serio, anche questo è stato un grande
pregio del titolo.
FFII:
Radicalmente diverso, una storia di guerra e tradimenti. Ai tempi del NES vi era una certa tendenza a creare sequel molto diversi dal primo gioco, e Final Fantasy II è un perfetto esempio. Questo gioco è l'antesignano della serie SaGa, altra figlia di Square, conosciuta su Game Boy come Final Fantasy Legend Infatti gli sviluppatori hanno voluto sperimentare molto, prendendosi certe libertà che hanno portato a trovate innovative sotto certi aspetti, ma fallimenti palesi per molti altri. Soprattutto l'inizio del gioco può risultare ostico, ma addirittura in breve tempo si può potenziare la squadra abbastanza da sconfiggere senza difficoltà tutti i nemici. Questo gameplay nel voler dare libertà al giocatore si è rivelato sbilanciato, il tutto perchè si fonda su quella che per qualsiasi jrpg suona come la peggiore delle eresie: non ci sono nè livelli nè punti esperienza: infatti i personaggi accrescono le loro statistiche in altri modi, ad esempio più danno subiscono più aumentano i punti vita, più volte combattono, più aumenta l'attacco. Final Fantasy II introduce i chocobo e Cid, e da qui saranno sempre presenti nella serie. La storia è messa in moto dall'Imperatore, personaggio catalizzante in quanto lui è l'obiettivo ultimo dei ribelli guidati dal giocatore, si può dire che tutto il gioco sia costruito intorno a questa figura così lontana e ineguagliabile, un'antagonista onnipresente. Il sistema di progressione basato sulle attività introdotto qui è stato utilizzato in RPG successivi come Saga, Grandia e the elder scrolls.

8

Voto assegnato da Aenima
Media utenti: 8.4

Pick a Quest - RPG Community

21 Marzo. Sembra strano, ma succedono molte cose oggi, pensateci: è l'equinozio di primavera, è lunedì (ergo ‪#‎lunedìfeels‬) e tanto altro. Tuttavia, per i fan l'ormai illustre saga di ‪#‎FinalFantasy‬, specie per chi ama non solo i giochi ma anche le sue musiche, non finisce qui: oggi Nobuo Uematsu, compositore delle colonne sonore della maggior parte dei capitoli, compie cinquantasette anni.
Noi del PaQ, per festeggiarlo e onorarlo, abbiamo deciso di dedicargli un post feels!
Quanti di voi si sono emozionati all'ascoltare i suoi lavori musicali mentre giocavate, magari anche fermandovi ad ascoltare quella particolare traccia oppure rimanere ancora più colpiti dalla scena in corso grazie alle note che la accompagnavano? Immagino parecchi, me compresa.
Fin da quando lavorava per i primissimi capitoli di Final Fantasy su Super Nintendo, le sue composizioni facevano la differenza rispetto a quelle di molti altri (anche se non tutti quanti, questo è doveroso ammetterlo) nel campo videoludico e in quello degli RPG, che ai quei tempi aveva appena visto la luce nel mercato.
E a proposito di luce, la OST che voglio utilizzare come portavoce della carriera di Uematsu a Square è niente di meno che il Preludio, presente dal primissimo capitolo della famosa saga, nella versione orchestrale del secondo album di Distant Worlds.
Perché proprio il Preludio? La risposta è molto semplice: non solo è una delle musiche significative della saga assieme alla Fanfara o alla Marcia (il Main Theme, per intenderci), ma anche perché è la primissima che sentiamo una volta acceso il gioco: pronti a iniziare una nuova avventura insieme alle storie dei Guerrieri della Luce.
- Kurai
https://youtu.be/GYLdQZQ0YT8

ENJ0Y
Cover Final Fantasy I & II: Dawn of Souls per GBA

FINAL FANTASY

- CONOSCIAMOCI
Final Fantasy (ファイナルファンタジー Fainaru Fantajī?) Final Fantasy, conosciuto comunemente come Final Fantasy I è un gioco di ruolo sviluppato e pubblicato da Square Co., Ltd. per il Nintendo Entertainment System. E' uscito nel 1987 ed è il primo titolo della saga di Final Fantasy.
Final Fantasy è stato ripubblicato per molti diversi sistemi di gioco, inclusi i computer MSX2 e il Bandai WonderSwan Color. E' uscito anche per 2 modelli di cellulari giapponesi: il NTT DoCoMo FOMA 900i series e il CDMA 1X WIN-compatible W21x series.Il gioco è stato distribuito frequentemente con il suo successore, Final Fantasy II. Questo tipo di compilation è stato prodotto per Family Computer, Playstation e Game Boy Advance. Quella di Final Fantasy è stata la sedicesima colonna sonora videoludica composta da Nobuo Uematsu.

- CURIOSITA'
-Il motivo per cui i guerrieri della luce possedessero i cristalli è spiegato in Dissidia Final Fantasy, di cui uno di loro è protagonista: dopo lo scontro con Chaos, il guerriero ritorna nel suo mondo con nient'altro che un frammento di cristallo, si incammina verso Cornelia e il ciclo può ricominciare.
-In Final Fantasy IV: The After Years, i quattro demoni compaiono in omaggio a Final Fantasy come guardiani dei cristalli della luna vera.
-Secondo quanto narrato nei rapporti segreti di Dissidia, il mondo di Final Fantasy conosceva le invocazioni, ma sono state distrutte da Garland.
-Alcuni dei nemici presenti nel gioco furono presi dalla prima edizione del gioco di ruolo "Dungeons & Dragons", come lo psicoflagello e l'Ochu. Nell'edizione per NES giapponese era presente tra i mostri addirittura il Beholder, rimosso dalle edizioni americane e da tutte le successive edizioni del gioco (sostituito con questo mostro) in quanto marchio di fabbrica di Dungeons & Dragons.
-Alcuni degli elementi ricorrenti della saga di Final Fantasy non appaiono fin da subito. Nella versione originale, infatti, non era presente alcun personaggio chiamato Cid, ma un tale Cid dei Lufeniani fu menzionato per la prima volta nella versione GBA. Questo è anche l'unico gioco della serie in cui non compaiono i chocobo, benchè, sempre nella versione GBA siano state aggiunte delle statue nel castello di cornelia, la cui forma ricorda quella dei gialli pennuti.
-La versione Nintendo Entertaiment System di Final Fantasy utilizzava una cartuccia speciale, provvista di batteria. Nelle cartucce normali, infatti, non era possibile salvare i dati di gioco. I salvataggi avvengono nelle taverne e il gioco ricorda sempre di tenere premuto il tasto reset della console mentre la si spegne, altrimenti si perderebbero i dati.
-Nelle prime versioni USA del gioco, è possibile trovare nella città di Elfheim una lapide in cui si trova una scritta curiosa: "Qui giace Eldrick". Eldrick non è altro che il nome americano di Loto, protagonista della serie videoludica Dragon Quest. In tutte le altre versioni, tuttavia, la scritta è "Qui giace Link", in riferimento al protagonista della celeberrima saga The Legend of Zelda.
-Oltre alla lapide ad Elfheim, un altro riferimento alla saga The Legend of Zelda è presente nella fata in bottiglia, acquistabile da un mercante nel deserto vicino ad Onrac. Nel gioco l'oggetto serve ad accedere al santuario sommerso, mentre nella saga di Zelda le fatine (eventualmente conservate nelle bottiglie vuote) servono a ripristinare una buona quantità di salute a Link.

- DOVE SI FA? COSA SI FA?
“Il mondo è avvolto dall'oscurità. Il vento cala... Il mare s'infuria... La terra imputridisce... Ma la gente crede in una profezia, attendendone pazientemente l'avverarsi. "Quando il mondo sarà avvolto dall'oscurità, compariranno quattro Guerrieri della Luce." Dopo un lungo viaggio, quattro giovani viandanti appaiono alfine. Ognuno con un cristallo in mano...”

La grande e florida civiltà di Lufenia divenne tanto tecnologicamente progredita da riuscire a creare macchine che incanalassero l'energia del cristallo del vento che, unita alla levitite, un minerale più leggero dell'aria, diede loro la possibilità di dare vita a invenzioni come l'aeronave o le fortezze volanti. In una di queste, i Lufeniani nascosero il cristallo del vento quando la loro civiltà cominciò a decadere e lo lasciarono lì, dove ben presto perse la sua energia e si oscurò. Due secoli più tardi, l'antico santuario dov'era custodito il cristallo dell'acqua sprofondò nello stesso oceano che per secoli lo aveva sostenuto, finchè anche il cristallo dell'acqua non si oscurò. Altri due secoli dopo, toccò al cristallo de fuoco del monte Gulg e al cristallo della terra di Melmond, che persero la loro energia e rovinarono le zone che per lungo tempo avevano protetto. Le genti invocavano l'arrivo di una nuova luce, che potesse ricondurre i cristalli al loro antico splendore. Il saggio Lukahn parlò allora con calma: "Quando il mondo sarà avvolto dall'oscurità, giungeranno quattro guerrieri della luce."

Un giorno, quasi per caso, quattro giovani si incontrarono nei pressi del regno di Cornelia, ognuno con in mano un frammento di cristallo. Nessuno seppe da dove fossero venuti, nè quale fosse il loro vero scopo, fatto sta che arrivarono proprio mentre il regno era nel panico più totale: Garland, un ex paladino del regno, assetato di potere, rapì la giovane Principessa Sarah con l'intenzione di chiedere il regno come riscatto. Il Re di Cornelia, vedendo nei quattro giovani i guerrieri descritti dalla profezia, chiese loro di salvare la sua amata figlia: in cambio avrebbe ultimato la costruzione del ponte per il continente nord orientale, verso cui i quattro erano diretti. I guerrieri raggiunsero il nascondiglio di Garland, un vecchio tempio in rovina conosciuto come Santuario del caos, e sconfissero il cavaliere, ottenendo così la gratitudine del regno e un misterioso liuto da parte della principessa.

Ecco dunque che con il salvataggio della principessa i 4 prescelti partono nella loro più grande avventura...iniziando così...l'ultima fantasia! ( beh sappiamo tutti che non è stato poi così ma evitiamo asd ).

- E QUINDI TI PIACE O NO ?

- PRO

- I quattro Dungeon speciali sono magnifici
- Remake ottimo sotto il profilo della pulizia grafica e degli effetti delle magie
- Eccellente traduzione italiana
-
- CONTRO

- Difficoltà veramente molto bassa
- Storia abbastanza banale
- Scarsa longevità e gioco forse un pò lineare

In generale giocarlo è stato un piacere, mi mancavano questo tipo di JRPG e mi mancava conoscere e giocare questo capostipite. Nonostante i contro siano notevoli , quasi da far pensare che si abbia davanti un brutto gioco, invito tutti voi a provarlo, mi è durato 37 ore e scoprire ogni singolo Boss mi ha divertito non poco!

Dunque.....Enjoy!

8.5

Voto assegnato da ENJ0Y
Media utenti: 8.4

Non ci sono interventi da mostrare.