Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Umineko no Naku Koro ni Chiru

Umineko no Naku Koro ni Chiru PC

Sviluppato da 07th Expansion, Umineko no Naku Koro ni Chiru è un gioco d'avventura uscito il 15 agosto 2009 per PC Windows.

9.6

Recensioni

4 utenti

Recensioni

9.6

Media dei voti
4 recensioni degli utenti

XenoRoot
Cover Umineko no Naku Koro ni Chiru per PC

Che dire il finale mi è piaciuto molto, anche se non sono proprio d'accordo con la spiegazione "ufficiale", ma a parte questo piccolo dettaglio sono soddisfatto, OST rimane come la prima parte su alti livelli, non credo ci sia un altro OST di quantità cosi alta che ha questo genere di qualità! Alla fine come emozioni e feels il primo mi ha preso un pochino di piu, ma rimane l'opera piu riuscita di R07 finora

9.5

Voto assegnato da XenoRoot
Media utenti: 9.6

DemoKnight
Cover Umineko no Naku Koro ni Chiru per PC

Son settimane che devo recensirlo ed ora ho talmente poco tempo che posso scrivere solo du cose.
Con patch ps3 fa la sua bella figura.
Ost sopra la media ma ho delle grosse riserve in merito.
Trama più che ottima ma il finale non m'è piaciuto, l'ho trovato gestito male sia per quanto riguarda le scene, che alcune le ho trovate meh ed una l'ho trovata trash, e per la gestione del climax che l'ho trovata davvero pessima.
Però nulla di rovinoso ed il finale è ok alla fin fine.
Prolisso ma scorre comunque alla fine.

9

Voto assegnato da DemoKnight
Media utenti: 9.6

TanoX_93
Cover Umineko no Naku Koro ni Chiru per PC

Ordunque, benvenuti alla parte finale di questa epopea. Umineko Chiru comprende, come già sapete, i 4 archi finali dell'opera che, a differenza di Higurashi, non sono definiti effettivamente come “di risposta” perché, a conti fatti, non lo sono. Per farla breve, questi ultimi 4 archi servono a fornire al lettore gli ultimi suggerimenti per scoprire la verità e risolvere il mistero di Rokkenjima da sé. Avete letto bene. Ryukishi ha avuto la brillante idea di non dare una vera e propria soluzione, bensì di riempirti di hints che dovrai essere tu, giocatore, a ricordare e poi mettere insieme, PER CONTO TUO, per risolvere l'intero mistero proposto.
Tutto ciò è frutto della mente contorta di Ryu che non solo si diverte a vederci soffrire con le sue opere, ma non contento se la gode pure mentre ci osserva tutti non capire un cazzo di quello che sta cercando di comunicarci. Che genio.
Seriamente parlando, è tempo di terminare questa intro ed iniziare la review di questo Chiru, su cui cercherò di dilungarmi meno sulla trama (perché ovviamente sarebbe tutto “spoiler”) focalizzandomi di più sulle mie impressioni.

Come già detto, Chiru ci mette di fronte a 4 archi che non sono di risposta, non riprendendo lo stesso format di Higurashi. Si potrebbe dire che tra la fine del quarto arco e l'inizio del quinto (il primo di Chiru) si verifica uno stravolgimento quasi totale della routine a cui ci avevano abituati i precedenti episodi, come se l'intera scacchiera all'interno della quale si consuma il duello tra Magia e Realtà fosse crollata. Avremo modo di notare come il duello Battler-Beatrice ora diventa qualcosa di ben diverso e non necessariamente limitato ai due protagonisti. Il duello tra le due parti diventa più acceso e per certi versi più crudele, coinvolgendo ancora nuovi personaggi e raccontando nuove situazioni, trasformando il tutto in un enorme scontro Realtà vs Magia. Non solo, appariranno ulteriori nuovi personaggi, quelli già presenti verranno approfonditi ulteriormente e molti verranno allo scoperto per ciò che sono realmente. Il villain principale di Umineko inoltre, il cui nome non vi dirò perché “spoiler”, è diventato prepotentemente il mio preferito tra i suoi colleghi cattivoni di sempre. Unica nota negativa è data dal fatto che purtroppo alcuni personaggi si perdono un po', diventando meno interessanti rispetto ai primi quatto archi, ma sono veramente veramente pochi.
Pur raccontando eventi del tutto nuovi, gli archi del Chiru riescono comunque a risultare di pregevole qualità esattamente come i precedenti e, per quanto mi riguarda, superandoli per giunta. L'opera raggiunge picchi qualitativi assurdi con il quinto, sesto e settimo episodio. Quest'ultimo, in particolare, è probabilmente il mio preferito dell'intera opera, non solo perché è quello che ti sbatte letteralmente in faccia la stragrande maggioranza di suggerimenti (oserei chiamarli hints anti-retard, ma comunque), ma anche perché è quello che mi ha saputo emozionare di più, con tutte le sue rivelazioni. L'ottavo arco risulta invece essere sottotono rispetto a tutti gli altri e lo dico a malincuore nonostante nel complesso io non l'abbia disprezzato e perché si focalizza sul mio personaggio preferito in assoluto. Gli indovinelli (INTERATTIVI) proposti li ho trovati una noia, mentre la parte di effettivo gameplay in cui va risolto un caso mi è parsa interessante al punto che se fosse stata curata leggermente di più non mi sarebbe dispiaciuto averla in ogni singolo episodio dell'opera, ma questa è solo una mia preferenza. Il finale mi è invece piaciuto molto, pur avendomi fatto soffrire allo stesso modo.



Ciò che fa discutere di Umineko nella sua interezza è proprio quello di cui vi parlavo nell'introduzione, il suo essere criptico e misterioso fino alla fottuta fine. Ho realizzato che questa si tratta di una scelta piuttosto del cazzo, passatemi il termine. Mi sta bene il voler realizzare un'opera volutamente misteriosa, sono il primo a supportare qualcosa del genere, tuttavia Ryukishi deve spiegarmi di grazia come dovrebbe fare un povero cristo che ha speso più di 100 ore sulla sua madonna di opera ad avere un qualche riscontro, una qualsiasi cosa che confermi le sue teorie, perché alla fine della giornata la cosa vera è che tu potrai fare tutti i tipi di speculazione possibile, ma non c'è nulla che tu possa andare a controllare per verificare se hai torto oppure ragione.
Confrontarsi con altri utenti è problematico allo stesso modo: chi mi dice che quello che hanno risolto loro sia a tutti gli effetti la verità? Potranno aver formulato tutte le teorie più veritiere di questo mondo, ma senza un riscontro ufficiale, per me tali restano. Teorie che POTREBBERO essere vere, niente di più.
Ora, prima che mi ammazziate, lasciatemi dire altre due parole. Con tutti gli hints che Ryukishi fornisce, scoprire l'identità ed il movente del colpevole è piuttosto semplice se si è stati attenti o se, come me, lo si è stati in maniera così maniacale da prendere appunti attivamente durante la lettura. A dire il vero, diventa ancor più divertente farlo e non vi nascondo che aver capito queste cose ben prima del settimo arco mi ha soddisfatto non poco (anche se chi mi ha seguito sa bene quanto ero rincoglionito alla fine di quell'arco), la cosa su cui io non transigo e critico pesantemente, è la scoperta del cosiddetto “howdunnit”, il modus operandi del colpevole. Con determinati hint forniti durante il penultimo episodio (sempre in maniera criptica perché non sia mai) si può speculare fino all'anno prossimo, il problema sarà sempre il non avere una fonte, una qualsiasi tipo di cosa ALL'INTERNO DEL GIOCO che ci permetta di capire se siamo stati bravi a risolvere il mistero oppure no.



Questa che avete appena letto, signori miei, è una parte che non sarebbe dovuta essere all'interno di questa recensione. È una parte scritta mesi fa, non molto dopo aver finito Umineko, estratta da una prima bozza di recensione che ormai non esiste più. Avendoci riflettuto molto successivamente ho cambiato drasticamente la mia opinione, ma questa parte mi ha fatto così ridere nel rileggerla che non potevo non mettervela per farvi fare due risate. Di seguito trovate il vero parere.

Rileggendo i miei appunti ho poi avuto l'illuminazione. L'obiettivo che vuole raggiungere Umineko, il messaggio che ti vuole trasmettere, non necessita per forza la comprensione del “come ha fatto tizio a uccidere caio nella stanza chiusa e ad uscirne”. Certo ho elaborato le mie teorie e sicuramente mi sono divertito un casino nel farlo, ma per come la vedo io tutto ciò va oltre quello che Umineko vuole trasmettere perché tenetevi forte, sto per rivelarvi perché questa cazzo di opera è così bella.
Umineko è un'opera complessa, lunga ed intricata che si basa sul mistero, uno in particolare, avvenuto in un posto nel quale si è consumata una tragedia e nessuno ha idea di cosa sia successo veramente. La verità è rinchiusa all'interno dell'isola stessa. Noi non siamo nessuno di speciale, non siamo né Battler né Beatrice, noi siamo un qualunque tizio esterno ai fatti che è venuto a sapere di questa storia e vogliamo scoprire cosa è successo. Elaboriamo teorie, impazziamo architettando cose sempre nuove e sempre più fuori di testa, oggi incolpando qualcuno, domani qualcun altro, ma alla fine cosa ci resta? Nulla. Esattamente. Ecco che le mie lamentele si trasformano in stupore, sentimento accompagnato da un sospiro e un sorriso deficiente sulla faccia. A me, e a molte persone, mancava l'elemento fondamentale che mi impediva di vedere la verità, quella sola singola cosa che smuove il mondo e che ossessiona la stragrande maggioranza di tutti noi. Ero ossessionato dal risolvere questo mistero lasciandomi sfuggire la cosa più importante. Eppure Umineko non ha fatto che ripetermelo per 100 lunghe ore, che ironia. Il bello di Umineko è proprio il fatto che grazie a questa sua voluta misteriosità ed alla passione per l'opera stessa è possibile specularci su all'infinito e se si è abbastanza bravi riuscire a rendere vera perfino una teoria che è completamente sbagliata, ma chi sono io per dirlo? Sono solo un altro pecorone che si aggira su Internet ossessionato dalla scoperta della verità. Ma io mi sono distinto, ho aperto gli occhi e ho realizzato che la verità ce l'avevo davanti fin dall'inizio, il vero messaggio che Umineko vuole trasmettere, e non è la risoluzione di uno stupido crimine.
Forse è per questo che mi sono così tanto affezionato alla figura di Ange ed anche perché la ritengo il mio personaggio preferito. Con lei ho condiviso questa mia ossessione per codesto mistero, soffrendo nello stesso modo in cui anch'ella ha sofferto, provando per lei tanta pietà e affetto.

Con questo si conclude la mia recensione su una delle opere più belle giocate negli ultimi anni, che occuperà per sempre un posto nel mio cuore e che difficilmente dimenticherò mai. Peccato per alcuni personaggi ed un ultimo arco sottotono rispetto a tutti gli altri, altrimenti Chiru avrebbe raggiunto il 10 senza dubbio alcuno.
Non posso fare altro che chiudere riconsigliandola fortemente a tutti, anche a chi non è un tipo da VN. Se avete avuto il coraggio di reggere la mia recensione allora riuscirete a reggere pure Umineko.

PS: Come faccio per tutti i giochi “a più parti”, dopo aver valutato la prima e la seconda è arrivato il momento di dare un voto anche ad Umineko nella sua interezza.
Non sentendomela di dargli il massimo dei voti, nonostante ci sia molto vicino, il mio voto finale DEFINITIVO per Umineko è 9,6.

9.7

Voto assegnato da TanoX_93
Media utenti: 9.6

DovahGhost
Cover Umineko no Naku Koro ni Chiru per PC

Umineko Chiru raggruppa i 4 archi di risposta alle domande sollevate dal suo prequel, Umineko......o almeno questo è ciò che dovrebbe essere sul piano teorico; differentemente da Higurashi Kai, infatti, Umineko Chiru spiega ben poco dei precedenti archi di domande, chiedendo di fare ciò al lettore e risultando quindi in un'opera abbastanza complessa non tanto da seguire ma più che altro da decifrare.
Come detto dallo scrittore stesso infatti, Umineko non è solo una celebrazione del genere Mistery, ma anche un'opera che vuole andare a "punire" i lettori più casual, quelli che voglio tutte le risposte pronte per filo e per segno.

Detto ciò, Umineko Chiru, qualitativamente parlando, si pone sulla stessa lunghezza d'onda di Umineko, riuscendo però incredibilmente a migliorarlo sul piano della Soundtrack, che è da 15/10.

Le uniche cose che mi hanno """"deluso""""" sono il finale, dove l'autore ha optato per una scelta narrativa e strutturale che sinceramente non ho condiviso, come è inquadrato il mondo magico del When The Cry Universe, e la Soluzione di tutta l'opera, non in se, ma solo per il fatto che risulta praticamente impossibile da raggiungere senza l'aiuto di qualcuno che l'ha già letta e capita a sua volta.

E quindi perché 10 seppur ci hai trovato queste sbavature? Semplice: perché Umineko, al netto dei gusti personali, è un fottuto capolavoro.
Se con Higurashi Ryukishi07 si era confermato un genio, in Umineko si innalza ad un dio, perché solo un dio può possedere una mente tale da creare delle trame di questo tipo; difatti Umineko è diventato ufficialmente la mia opera di finzione preferita riguardo la trama, un'esperienza che consiglio di provare a tutti, anche a coloro che, come me, non sono proprio appassionati del genere.

Ora non ci resta che aspettare il When They Cry successivo per vedere se Ryu riuscirà a superare anche lo status di Dio.

10

Voto assegnato da DovahGhost
Media utenti: 9.6

Non ci sono interventi da mostrare.