Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

AsterMateus condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere AsterMateus, aggiungilo agli amici adesso.

AsterMateus

AsterMateus ha scritto una recensione su NieR: Automata

Cover NieR: Automata per PS4

The Human [E]quation

Data la popolarità di cui gode Nier: Automata ho deciso, seppur con molto ritardo, di provarlo e devo dire di essere rimasto piacevolmente colpito. Questo rpg action vi immergerà in uno scenario distopico dove dei misteriosi alieni hanno invaso la terra con l'ausilio delle Biomacchine di loro creazione e la razza umana è stata costretta a fuggire sulla luna.
Gli uomini, desiderosi di riprendersi il pianeta, hanno così creato degli androidi, gli YOHRA, il cui scopo è quello di annientare le biomacchine in una guerra che sembra non avere fine. Qui entrano in gioco gli androidi 2B e 9S, incaricati di investigare su certi eventi che hanno luogo sulla terra e che arriveranno a coinvolgere delle biomacchine estremamente evolute che minacciano la luna. Dire altro significa rivelare troppo e, comunque, in un certo senso il bello di questo gioco è ANCHE vedere dove la storia vi porterà e quali sentieri vi farà seguire. Vi avviso che sarà una girandola di emozioni e amerete e odierete personaggi principali e secondari allo stesso modo e il gioco non vi farà sconti, prendendovi a mazzate in faccia con le sue rivelazioni e scelte. Temi ricorrenti saranno l'umanità, l'esistenzialismo, la vita e l'integrazione ed è consigliabile approcciarsi al titolo con un pizzico di elasticità mentale e filosofia.
Trattandosi di un action le battaglie saranno al cardiopalma, veloci, dinamiche e divertenti e, anche se può a primo impatto sembrare un sistema semplice e intuitivo, ci sono diversi "trucchetti" che imparerete a conoscere e che il gioco non vi spiega in alcun modo, che assicurano profondità e varietà a tutto il sistema. I vostri personaggi potranno salire di livello, equipaggiare diverse armi tra spade piccole, spadoni, manopole e lance e utilizzare le abilità dei POD, cioè i robot incaricati di assistere gli androidi. Inoltre attraverso l'uso dei chip inseribili i personaggi potranno godere di abilità e capacità diverse in base alle circostanze, quindi sperimentare farà sicuramente bene. La mappa del mondo di gioco non è enorme ma svolge adeguatamente il suo lavoro e crea un discreto ambiente semi open world, con location diverse e variegate che trasmettono sensazioni malinconiche complice anche la straordinaria OST ma, forse per qualcuno, il titolo potrebbe presentare una dose di backtracking eccessivo. Non c'è solo la storia principale comunque, visto che il gioco vi offrirà diverse missioni secondarie da portare a termine, alcune più sbrigative, mentre altre vi racconteranno qualcosa sul mondo di gioco o sui personaggi secondari e non. Il gioco offre la bellezza di 26 finali, uno per ogni lettera dell'alfabeto, anche se solo 5 sono quelli principali di cui 1 è il true ending, mentre gli altri saranno bad endings che consistono in poche linee di dialogo.
Non ho apprezzato alcuni elementi, come la mappa di non facile consultazione o la rimozione dei chip quando si muore, considerando che la morte funziona come nei giochi della serie Souls, o Bloodborne o ancora, Nioh. Questo significa che, una volta morti, per recuperare i vostri chip e altro dovrete ritrovare il vostro corpo nella zona dove siete stati sconfitti e se il sistema in sè non è un male, rimanere senza potenziamenti e magari perderli definitivamente se si viene uccisi nuovamente prima di recuperare il proprio corpo non è il massimo, per niente.
La OST costituisce un elemento quasi a parte, considerando come per certi versi il gioco andrebbe giocato anche solo per poterla ascoltare; costituita da musiche e canzoni sempre al top, adatte a tutte le situazioni nonché dinamiche, dato che ogni traccia ha delle varianti, vi rimarrà impressa nella mente e certamente vi coinvolgerà. "Alien manifestation", "Grandma", "A beautiful song", "Memories of dust", "Copied city", "Dark colossus" e "Birth of a wish" sono solo alcuni esempi della bellezza della OST di Nier: Automata.
La longevità varia dalle 30 alle 60 ore se fate proprio tutto e la "rigiocabilità" è un concetto particolare in Automata quindi lo scoprirete da soli.
In conclusione un gioco particolare e per certi versi dirompente, con una forte carica evocativa e colmo di significati di non immediata comprensione, un elogio dell' umanità in tutte le sue forme e sfaccettature, certamente non per tutti, ma sicuramente degno di essere provato almeno una volta per subirne il fascino.

9

Voto assegnato da AsterMateus
Media utenti: 9.1 · Recensioni della critica: 8.8

Non ci sono interventi da mostrare.