Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Sonic Colours

Sonic Colours DS

Sviluppato da Sonic Team e prodotto da Sega, Sonic Colours è un platform game uscito il 12 novembre 2010 per DS.

7

Recensioni

1 utente

Judgement Fil

ha pubblicato un video

Ogni tanto

Sonic Colors "Aquarium Park Act 1" Music

Aquarium Park Act 1 from Sonic Colors. Full Sonic Colors OST playlist: https://www.youtube.com/playlist?list=PLB723FA23FFF047FF I'm doing requests for sonic music. If you want to h..

kingabri

ha scritto una recensione su Sonic Colours

Cover Sonic Colours per Wii

Fighissimo!

I livelli sono ben organizzati e i collezionabili sono presenti nella giusta quantità in ogni livello.
La particolare meccanica de Wisp è ben fatta e non scontata, i livelli sono ampi e danno al giocatore la possibilità di poter usare al meglio la velocità del riccio blu.
Nonostante le apparenze il livello di difficoltà del gioco può diventare una sfida anche per i giocatori più esperti, specialmente se si intende platinarlo.
La storia tutto sommato è carina (stiamo pur sempre parlando di un Sonic).
La modalità 2 player è esaustiva è può regalare qualche ora di svago con gli amici.
E poi vogliamo parlare della opening? Mado' quante volte l'avrò risentita?!?!

NB4Y

ha scritto una recensione su Sonic Colours

Cover Sonic Colours per Wii

L'M GONNA REACH FOR THE STAAAAAAAAAAAARS

https://youtu.be/eODArFqHbf0
Per accompagnare.

Uscito un po' all'ombra di quell'aborto di Sonic 4, Sonic Colors è circa il passo che volevo che la serie prendesse dopo Unleashed.
Un problema che la serie ha SEMPRE avuto in 3D dal punto di vista dello sviluppo è la difficoltà di creare un gioco AAA con le meccaniche di base che ha avuto la serie in 2D.
Non siamo più negli anni '90 quindi:
- fare un gioco che duri un paio d'ore o poco più per una SH così grande non è più accettabile;
- fare un gioco 3D rispetto a 2D implica ovviamente un lavoro davvero maggiore;
- fare un platform basato sulla velocità ha forti ripercussioni sull'ottimizzazione del lato tecnico e un bisogno di livelli molto più grandi della norma;
- il passaggio alla terza dimensione richiede un sacco di cambiamenti di gameplay sia per rinnovare lo stile della serie sia per dare una precisione o un feeling simile ai titoli 2D (da questa necessità è appunto nato l'homing attack).

Con tutte queste cose è difficile non notare la difficoltà che la serie ha avuto nel passaggio alla terza dimensione.
Fino a Sonic Unleashed ognuno di questi problemi ha ricevuto varie risposte.
I primi tre punti sono stati un po' evitati grazie ad una varietà di personaggi e di gameplay che rallentavano il ritmo generale, permettevano un riutilizzo di vari asset e riempivano il tempo per raggiungere lo standard delle SH di questo livello.
Il quarto invece ha fatto molta fatica a trovare una risposta e fino a questo punto la serie ha dovuto sperimentare tanto senza realmente trovare una vera soluzione fino all'arrivo di Unleashed.
La soluzione di Unleashed è semplice ed efficace: puntare su un gameplay 2.5D piuttosto che puro 3D scartando di continuo una delle 3 dimensioni in modi diversi. Il risultato era buono seppur abbastanza grezzo e 3 su 4 problemi rimanevano ancora con le pseudo-soluzioni citate prima.

Perché faccio tutta 'sta premessa sulla serie? Perché Sonic Colors è il primo che tenta realmente di affrontare tutti e quattro questi problemi.
Il problema della durata viene accettato. Il gioco dura infatti 4 orette, ma in compenso propone degli ottimi collezionabili e un'ottima rigiocabilità.
I due problemi successivi vengono risolti con un sistema di zone simile alla saga Genesis. Ogni zona ha il suo stile, il suo aspetto ben definito e 6 livelli che non durano troppo. Ogni zona riesce quindi a trovare il tempo di mostrare nuove meccaniche e di espanderle senza avere livelli lunghi e ripetitivi e permettendosi di riciclare gli ambienti in modo giustificato.
Mentre il quarto problema riprende un po' la soluzione di Unleashed rendendo il gameplay meno grezzo e più sviluppato.

L'esclusività Nintendo e il successo continuo della saga di Mario dà spazio ad una forte ispirazione nella base di Sonic Colors, che sia nell'utilizzo dei vari mondi o nella presenza di powerups.
I powerups danno varietà al gioco permettendo di affrontare i livelli in modi diversi o di trovare passaggi segreti o collezionabili inaccessibili senza, risultando quindi in un'ottima alternativa alla presenza di più personaggi.
Inoltre, lo stile gioco si concentra un po' meno sulla velocità e un po' di più sul platforming, aggiungendo più similitudini tra le due saghe.

Il gioco purtroppo non è perfetto, il level design è abbastanza altalenante con livelli che mischiano molto bene le carte a disposizione o che illustrano un concetto interessante e livelli che abusano della linearità e dello script, specie verso la fine del gioco. I boss fight sono divertenti, puntando su un approccio più attivo rispetto a buona parte dei Sonic 3D precedenti, ma decisamente troppo facili.

La presentazione del gioco invece è una delle migliori di tutta la serie.
La storia continua ad essere qualcosa di molto infantile e si tratta di un classico Sonic vs Eggman senza minchiate varie. Ha un senso dell'umorismo che ho molto apprezzato, nonostante alcune battute un po' troppo forzate, e i dialoghi tra personaggi sono molto piacevoli.

Graficamente è il Sonic migliore che abbia visto finora e dubito che verrà superato dai titoli usciti finora. Ogni zona è piena di vita, di atmosfera e di originalità mostrando bene il tema e il senso con il solo aspetto estetico. Starlight Carnival è uno dei posti più belli che abbia visto in un videogioco e il suo primo livello, pur essendo estremamente scriptato, è puro orgasmo.
Aggiungo anche il fatto che Dolphin riduca ulteriormente i limiti della console con texture pack e 60 fps, ma anche di base è davvero impressionante per il Wii.

Il lato sonoro offre un ottimo doppiaggio con un nuovo cast e funziona davvero bene, soprattutto per Tails. La soundtrack invece l'ho trovata molto safe rispetto alle madonne che offre la serie. Planet Wisp, Aquarium Park e l'intro sono gli unici brani che mi sono davvero piaciuti mentre il resto l'ho trovato giusto buono. Lo metto quindi ai livelli della soundtrack di Heroes per la quale ho circa gli stessi commenti.

Quindi sì, insomma, giocatelo.

Non ci sono interventi da mostrare.