Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Danganronpa V3: Killing Harmony

Sviluppato da Spike Chunsoft e prodotto da Spike Chunsoft Co., Ltd., Danganronpa V3: Killing Harmony è un gioco d'avventura uscito il 25 settembre 2017 per PC Windows · Link: store.steampowered.com

Welcome to a new world of Danganronpa, and prepare yourself for the biggest, most exhilarating episode yet. Set in a “psycho-cool” environment, a new cast of 16 characters find themselves kidnapped and imprisoned in a school. Inside, some will kill, some will die, and some will be punished. Reimagine what you thought high-stakes, fast-paced investigation was as you investigate twisted murder cases and condemn your new friends to death.

Key Features

A New Danganronpa Begins: Forget what you thought you knew about Danganronpa and join a completely new cast of Ultimates for a brand-new beginning.

Murder Mysteries: In a world where everyone is trying to survive, nobody's motivations are quite what they seem. Use your skills to solve each new murder or meet a gruesome end.

Lie, Panic, Debate! The world is shaped by our perception of it. Fast-paced trial scenes will require lies, quick wits, and logic to guide your classmates to the right conclusions.

New Minigames: Between the madness of murdered peers and deadly trials, enjoy an abundance of brand-new minigames!

9

Recensioni

1 utente

Rei17

ha scritto una recensione su Danganronpa V3: Killing Harmony

Cover Danganronpa V3: Killing Harmony per PS4

Questo gioco è la rappresentazione pura di ciò che Kodaka è in grado di fare e come possa trollarci in modi esagerati e diversi. Dal primo all'ultimo trial, il gioco si mantiene su ottimi livelli, con giusto un piccolo calo, con apice all'inizio e alla fine. I personaggi sono tutti meravigliosi come sempre, praticamente tutti. La cosa che poi ho apprezzato molto è la ripresa della location scolastica, che dava quel qualcosa in più nel primo capitolo. Il cast migliore, il gameplay migliore e forse il Danganronpa migliore (con un finale sì controverso, ma per me eccezionale)

MrIvan

ha pubblicato un video

Non riesco a smettere di ascoltarla rotfl rotfl

New Danganronpa V3 Let's コロシアイ video (Let's kill each other)

Nothing in this video belongs to me. Everything belongs to the copyright owners: Spike Chunsoft, Masafumi Takada, etc. Music from SuperRayMan001's channel https://www.youtube.com/w..

Kiryu

ha scritto una recensione su Danganronpa V3: Killing Harmony

Cover Danganronpa V3: Killing Harmony per PS Vita

"So that was a fucking lie"

Musica d'accompagnamento perché sì: https://youtu.be/CYdImXwmee8

Pur non essendoci fonti ufficiali, mi sembra plausibile ritenere Danganronpa V3 il capitolo finale della serie nata come vn su PSP e che si è poi espansa in seguiti e spin-off tra videogiochi, manga, anime, light novel ecc. Il team che se ne occupava ha anche lasciato Spike Chunsoft l'anno scorso per creare un nuovo studio indipendente, quindi diciamo che si chiude a tutti gli effetti una pagina importante della storia di questa serie.

Quindi, com'è Killing Harmony? Beh, è...particolare. Questo ultimo capitolo ha spaccato in due il fandom, soprattutto a causa del finale, e per quanto si tratti di una delle mie serie preferite in assoluto, devo dire di essere dalla parte di quelli che sono rimasti a bocca asciutta. Ma andiamo con ordine.

Killing Harmony di base inizia come gli altri due capitoli principali: 16 studenti sono rinchiusi in un luogo tagliato fuori dal mondo e per riottenere la libertà devono vincere un battle royale, uccidendo un altro studente senza essere scoperti dagli altri oppure sopravvivendo fino alla fine. Ovviamente poi si susseguiranno, come al solito, montagne di colpi di scena che renderanno la storia un'avventura fuori di testa. Ora, mentirei se dicessi che quell'8 sta lì solo a causa del finale. Killing Harmony ha degli alti e bassi molto forti qualitativamente tra un capitolo del gioco e l'altro, è generalmente un titolo eccellente ma presenta anche alcuni momenti a dir poco brillanti insieme ad altri a dir poco deludenti. Laddove le prime due vn si attestavano dall'inizio alla fine su dei livelli altissimi - eccetto alcune parti che addirittura alzavano l'asticella del divertimento - questo Danganronpa è invece alquanto instabile. Penso che il picco massimo venga raggiunto proprio dal primo caso, a mio avviso un capitolo a dir poco geniale e a mani basse il caso più bello offerto dalla serie. Purtroppo il primo è l'unico capitolo che sia riuscito veramente a farmi provare un vortice di emozioni da fuori classe. Scritto divinamente, con un climax progressivamente sempre più disarmante, ottima caratterizzazione dei personaggi e tantissimo divertimento anche sul lato gameplay. Mi duole dirlo, ma un tale livello Killing Harmony per me poi non lo ha più raggiunto. Lasciando da parte il terzo capitolo, tutti gli altri mi sono piaciuti molto, però devo ammettere che sono un po' troppo prevedibili, rendendo a tutti gli effetti questo il Danganronpa principale meno bello. Ma ripeto, mi sono comunque piaciuti molto perché Killing Harmony più degli altri Danganronpa sa spezzarti il cuore con le implicazioni emotive che ogni nuova verità venuta a galla comporta. Sotto questo aspetto, lo trovo paradossalmente il miglior gioco della serie e per questo motivo non lo posso definire affatto deludente. A parte per il terzo capitolo. Che cazzo è successo lì, io non lo so. Per motivi personali, ho comunque finito con l'apprezzarlo, ma penso sia a mani basse il caso peggiore di tutto Danganronpa. Non è pessimo, ma è pieno di cose discutibili che lo rendono solo l'ombra di quello che sarebbe potuto potenzialmente essere uno dei casi più interessanti. E la cosa mi fa abbastanza incazzare. Quello che mi ha fatto ancora più incazzare, però, è il finale. Ovviamente non posso rivelare nulla nel dettaglio, ma personalmente lo trovo tanto folle quanto pigro come modo di finire la serie. Non mi convince per niente, lo trovo sconnesso, non mi soddisfa affatto soprattutto rispetto ad un finale alternativo che ho pensato e che avrei preferito di gran lunga, per non parlare che il plot twist tramite il quale viene diciamo "presentato" è uno dei colpi di scena più stupidi che abbia mai visto. E da grande fan di DR, mi brucia un sacco 'sta cosa. Quindi sì, per la storia bene ma non benissimo: si poteva fare di meglio, il finale mi fa cagare, ma se non altro il primo capitolo è geniale, mi ha generalmente intrattenuto come solo le vn di DR sanno fare, c'è palesemente una certa crescita nella scrittura che ha davvero dato vita a questo gioco.

Per rimanere in tema, i personaggi risentono molto di questa crescita nella scrittura e forse per questo penso sia il miglior cast mai visto in un DG. Il loro design come al solito mi fa impazzire, in particolare a 'sto giro, ma anche a livello caratteriale sono mediamente più interessanti e/o simpatici dei loro compagni precedenti. Nessun personaggio mi ha lasciato indifferente, tutti hanno avuto bene o male i loro bei momenti, ci sono tanti personaggi che ritengo buoni se non addirittura eccellenti, mi sono palesemente affezionato a loro e durante sia il primo che il quarto caso stavo quasi per piangere (cosa che capita molto raramente lol). Il doppiaggio inglese come al solito è fuori scala, superbo in particolare quello di Kokichi.

Il gameplay come al solito rimane invariato durante il tempo libero e le investigazioni, mentre i processi hanno ovviamente nuove aggiunte. Al contrario del passaggio da DR1 a DR2, lo stacco dal 2 al 3 qui non è così potente in termini di aggiunte di minigiochi. Ci sono nuove aggiunte gradite, ma ho quasi apprezzato di più il fatto che abbiano limato certe cose dei minigiochi precedenti. Comunque le cose bisogna dirle come stanno: Psyche Taxi è effettivamente una bella new entry tra i minigiochi, ma soprattutto lo Scrum Debate. PORCA DI QUELLA PUTTANA. Lo Scrum Debate è un momento durante il processo in cui i personaggi saranno divisi in due schieramenti opposti riguardo una particolare questione e il minigioco consiste in rispondere con le adeguate frasi alle accuse del lato avversario, in una concatenazione di argomentazioni che coinvolge tutti i presenti in un botta e risposta serratissimo e che, manco a dirlo, è di una epicità unica. Lo Scrum Debate da solo è un'aggiunta importantissima, è il minigioco più bello che avrebbero potuto mettere in DR e vi giuro che sono tra le parti più memorabili dei processi. Per il resto, si gioca come al solito: si parla ai personaggi durante il tempo libero, si fanno investigazioni post mortem e si spaccano i culi a ritmo di musica techno nell'aula dei processi.

A proposito, la musica continua ad essere figa. Ho poco da dire riguardo l'ost perché il mio pensiero è sempre quello: Danganronpa ha avuto il culo di avere una gran bella ost già nel primo gioco e da allora non si è mai preso grandi rischi in merito, andando piuttosto a cambiare un po' la formula di base senza allontanarsi troppo da essa. La base musicale è sempre la techno ambient con influenze di altri generi a seconda del gioco, ma devo dire che in Killing Harmony in particolare non si sono fatti grandi sforzi in merito. Non fraintendetemi, la musica è comunque una figata e la ascolto nonstop, ma da un punto di vista della varietà si poteva decisamente osare di più. L'estetica in generale, invece, non delude mai: DR continua ad indossare un'estetica estremamente sfacciata, accesa e vivida che è solo uno degli elementi che fin dall'inizio hanno reso grande il franchise.

E niente, questo mi sa che è tutto ciò che avevo da dire senza finire in territorio sproler. Da un punto di vista più obiettivo, sono a dir poco felice di averlo giocato, è stata una gran bella esperienza. Come fan della serie, non posso fare a meno di essere deluso da quel finale che mi ha veramente lasciato a bocca asciutta. In ogni caso, questa è una serie che nessuno dovrebbe perdersi senza averla prima provata, e lo stesso vale anche per Killing Harmony. Vedremo un po' cosa ci riserverà il futuro in merito all'ip di casa Spike Chunsoft. Fino ad allora

"Goodbye Danganronpa"

Non ci sono interventi da mostrare.