Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Tales of Zestiria PC

Sviluppato da Bandai Namco Games, Tales of Zestiria è un gioco di ruolo uscito il 15 ottobre 2015 per PC Windows.

8.1

Recensioni

6 utenti

sekagalin

ha scritto una recensione su Tales of Zestiria

Cover Tales of Zestiria per PS4

Brutto

Ho giocato a quasi tutti i titoli tales of e questo è il più brutto di tutti,personaggio principale col carisma di Maurizio Costanzo trama piatta e scontata,ho piantato li il DLC perché era qualcosa di orrendo

Johnlocke07

ha scritto una recensione su Tales of Zestiria

Cover Tales of Zestiria per PS3

Umani e Serafini in un mondo privo di armonia, dettagli e atmosfera!!!

https://youtu.be/tW0_LGSGFvw?list=PLfseE …

Dopo aver giocato e apprezzato molto Tales of Symphonia e Xillia diedi una possibilità a entrambi i sequel che ahimè hanno riscontrato diversi problemi, da allora decisi di non toccare mai più un sequel di un capitolo principale della saga, dato che sono sempre 50 ore del mio tempo che avrei potuto benissimo dare a titoli ben più meritevoli. Non solo questi sequel non hanno proposto nulla di geniale e innovativo, ma tanto più hanno avuto sceneggiature penose e protagonisti veramente da rivedere. Ho sperato che questo nuovo capitolo così tanto apprezzato su Ludomedia potesse sorprendermi come i 2 giochi sopracitati all'inizio, invece mi sono ritrovato un Tales of dello stesso livello medio qualitativo di Dawn of the new world e Xillia 2. Ecco dove andavo a parere, era questa l'antifona xd

Come da titolo il primo grosso difetto è il game design, il mondo di gioco, scandalosamente più vasto dei predecessori, non ha fatto altro che mettere in risalto fin da subito lo scarsissimo comparto tecnico, grafico, ma soprattutto artistico. Ciò che ci propongono è un mondo dannatamente spoglio, privo di qualsivoglia dettaglio, con i dungeons più brutti esteticamente e monotoni che abbia mai visto in un Jrpg, addirittura ho sentito dire che in Berseria siano anche peggio... MA COME è POSSIBILE? fermosi Togliendo i soliti dungeons elementali, ancora classicamente e noiosamente riproposti, tutti gli altri variano giusto in un paio di occasioni, ma ripercorrono lo stesso preciso schema labirintico, risultando molti, quindi ripetitivi, scialbi, noiosi, inutili e squallidi, mero mezzo per allungarne la longevità.

Ogni Tales of si porta da sempre un comparto tecnico poco decente per la generazione attuale, e su questo ormai non c'è più da sorprendersi, ma ora dico basta, non ne posso più, perchè questo sta dietro a generazioni decennali. Tales of Zestiria tecnicamente riesce ad essere peggiore in tutto di tutti quelli da me giocati, un OBBROBRIO per la vista, persino nell'anno 2000 uscirono giochi nettamente superiori. Dunque non vi sono possibilità? Non vi è il budget o gli strumenti necessari per sostenere la grandezza del mondo? Perfetto non ampliatelo, non fatelo, lasciateci i corridoi di Final Fantasy XIII piuttosto, che è meglio per quanto mi riguarda. Le ambientazioni dunque non mi sono piaciute perchè non hanno avuto quella massiccia dose di atmosfera che celava tutto il disastro estetico. Esempio, Fennmont di Xillia per dirvi, risulta mooolto più ispirata, questo perchè ha atmosfera.

Come ogni Tales of che si rispetti la storia inizia ad ingranare dopo una ventina di ore, la storia di Zestiria non ingrana affatto, alla base vi sono come al solito 2 razze protagoniste, umani e serafini in questo caso, e vede come sfondo una guerra tra 2 continenti, guerra di cui non ne ho mai compreso l'origine nemmeno guardando l'anime, anche li altro capolavoro, ( L'armatizzazione di Alisha coff coff rotfl ) ma si nel mondo vi è praticamente malevolenza scaturita da un prequel di Zestiria, ma non si conoscono realmente le motivazioni precise di questa guerra fra le 2 fazioni, la fretta poi con cui concludono " magistralmente " le sottotrame dei secondari è da prendere il gioco e fargli fare un bel volo: Maltran, Mayvin, Il nonno di Sorey, personaggi poco carismatici, tutta la storia e il rapporto relativo a Edna e suo fratello è tra le cose peggio scritte mai inserite in una trama. Zestiria ha giusto 2 momenti emotivamente intensi che ricorderò anche con nostalgia, e uno di questi 2 non è certo il finale, della durata di soli 4 minuti circa, finale che ho trovato frettolosissimo e poco profondo, che SICURAMENTE tramite esso il gioco non guadagna affatto punti. Il combattimento finale l'ho trovato proprio brutto nella gestione e a dir poco snervante.

Ora eh scusatemi mi è capitato di leggere "" caratterizzazioni encomiabili, momenti finali memorabili e simbolici, la magnificenza scesa in terra e i colpi al cuore, telecamera e momenti cinematografici, maturità di base" CAZZO NON STAI PARLANDO DI FINAL FANTASY IX O DI METAL GEAR SOLID 4, STAI PARLANDO DI STO ZESTIRIA DI MERDA xd ...... TU NON HAI GIOCATO MAI A UN CAZZO DI VIDEOGIOCO SE SCRIVI QUESTE COSE!!!! xd xd xd Io penso che per quanto un fanboy/girl possa lasciarsi coinvolgere dalla curiosità, dalla storia, divertirsi con il gameplay, apprezzare la caratterizzazione dei personaggi, ci sta che possa farlo anche in questo caso, ma perchè fare tutto sto teatrino di elogi che non ha senso di esistere per un gioco che ha da migliorare praticamente tutto, visto e considerato anche i predecessori??

Tales of Zestiria anche nei momenti finali, la narrazione viene DISTRUTTA dagli sketch service che credetemi se da sempre li ho considerati il punto forte della saga qui sono il punto debole, non mi piacciono assolutamente il modo in cui vengono proposti... non sono dosati e ci appaiono in soli 3 specifici modi
1 Recandoci su un salvataggio avremmo la spammata di Sketch uno dietro l'altro, dopo un evento più o meno importante e questo rende finto il viaggio.
2 Pernottare continuamente nelle locande sbloccherà innumerevoli sketch inutili
3 e forse l'unico momento sensato sono i punti di interesse, ovvero viaggiando per il mondo i personaggi commenteranno delle rovine o degli animali in zona avvicinandoci a questi... perchè sensato? Perchè sono gli unici sketch che compariranno durante il viaggio, quindi l'unico momento che permette conversazioni di questo tipo in tempo quasi reale durante il loro viaggio.

Gli sketch di Zestiria sono troppi, i Meebo sono troppi, l'ennesimo morto di figa è troppo, la saputella del gruppo anche... la fiera dello stereotipo che a una certa ti manda in nausea.

Nel titolo ho voluto rimarcare uno dei principali difetti del gioco, perchè Zestiria non mi ha lasciato molto, anche guardando l'anime dopo, anche aver atteso tanto dal completamento del gioco prima di scrivere qualcosa di più approfondito, molte ore sono scivolate senza lasciare nulla. Vi era un continuo spostarsi da un luogo ad un altro senza che accadesse nulla all'interno delle città, offrendo una parte centrale il cui obiettivo era acquisire i poteri di redentore... senza che però accadesse nulla... Gli enigmi tanto elogiati nei templi non sono minimamente paragonabili all'anello dello stregone presente in Symphonia, finalizzato per risolverne i puzzle.

I personaggi non maturano, gli unici personaggi che secondo me sono stati piacevoli e ben fatti sono Rose e Dezel e da secondario Sergei xd tutto il resto, Tabula Rasa. Mikleo è odioso e schifoso come pochi, Sorey è il classico bonaccione inutile stereotipo dallo spirito di scoperta, Edna rimane se stessa dall'inizio alla fine, Leilah sembrava racchiudere dentro di se tutti i misteri del mondo e alla fine 2 cosette teneva per se, Zaveid banale, un Ringabel gli caga in testa, e un Edgar caga in testa a entrambi xd vuole essere figo, ma non raggiunge il carisma di un Alvin o Rowen. Alisha paradossalmente è tra i personaggi più caratterizzati..... e la più inutile rotfl rotfl riveste principalmente un ruolo politico e per quanto mi sia piaciuto un episodio che la vede centrale, le manca il carisma peggio degli altri.

Personaggi stereotipati, macchiette sicuramente caratterizzate come ogni Tales of, ma non carismatici, anche sull'antagonista e la sua serafina ci sarebbe tanto da dire, e qui mi riallaccio ai filmati di animazione racchiusi per lo più in delle sfere da trovare nel mondo e nei dungeons orribili... esse vengono utilizzate per svelare il passato e il declino del mondo... quindi scordatevi un bel filmato d'animazione dove sono centrali i protagonisti perchè così non sarà. La storia poteva essere fatta meglio, ci sono troppi elementi conclusi superficialmente o frettolosamente, altri che non si comprendono appieno... però tutto sommato si lascia seguire e di tanto in tanto è piacevole.

Altro difetto per me grave è la telecamera e il sistema di fusione dell' equipaggiamento e i normin sparsi nel mondo... no troppo penoso e confusionario, avevo un inventario zeppo delle medesime cose. Preferivo il sistema di crescita dei negozi di Xillia, mentre il sistema di sviluppo dei personaggi l'ho trovato abbastanza semplificato. La personalizzazione estetica è na vaccata invece, non ci ho neanche voluto perdere tempo.

Passiamo ai veri pregi

Tales of Zestiria ha un buon gameplay che all'inizio non sembra, invece man mano la parte gestionale si arricchisce di contenuti fornendo bene o male una buona dose di strategie da adottare, certo giocarlo a difficoltà normale basterà semplicemente far mutare Sorey nell'elemento di cui è debole il nemico e si spamma il solito tasto, ma a difficoltà moderata o maggiore il battlesystem diviene compatto e si ha una maggiore libertà di scelta. Detto in soli 3 aggettivi anche in questo caso il gameplay è solido, sensato, divertente.

La colonna sonora è buona, Zestiria vanta innumerevoli tracce musicali, l'ho trovata superiore a Xillia, in particolare le ost dei Templi elementali donavano enfasi e una ampiezza vocale assolutamente appagante. Poi vi sono altri brani che come detto sono piacevoli da ascoltare nel contesto, fuori un po meno, perchè come detto il gioco non risulta essere profondo e indimenticabile. Buono anche il doppiaggio.

Tales of Zestiria non è affatto tra i migliori Tales of, è un gioco che da più che sufficiente massimo buono poteva essere tra i migliori, sia per le premesse narrative, sia per la mole di personaggi, ma la grandezza del mondo in questo caso non è sinonimo di pregio, solo di una pretenziosità da parte degli sviluppatori per non innescare critiche sul punto di vista della linearità, ma create un mondo vasto e vuoto con quell'abominio di dungeons... MEH... non è sinonimo di intelligenza ne di bravura, ne di pregio. Storia e personaggi è stato fatto un grande passo indietro rispetto Symphonia e Xillia, gli Sketch sono gestiti male e sono troppe chiacchiere inutili. Tutto il resto lo salva il Gameplay e la colonna sonora buona. Pur chiudendo 2 occhi sul comparto tecnico, e non dando troppo peso ai difetti sopracitati, riesco a valutarlo come un buon gioco d'intrattenimento, piacevole per gli amanti del genere, anche per il Fanboy sfegatato ritroverà dal nulla in Zestiria pregi e soddisfazioni laddove non esistono.

Non sono convinto se questo sia un buon capitolo per approcciarsi alla saga, un mio amico iniziando da Zestiria, non ha il benchè minimo interesse di giocarsi altri Tales of, eppure gli ho detto che questo era quello che mi era piaciuto meno. Nei Tales of è giusto che ci sia fanservice e i soliti clichè giappo.... ma si deve creare un equilibrio tra questi contenuti fanservice, lo sviluppo e la maturità narrativa... in Zestiria è un lavoro dove prevale il clichè e lo stereotipo.

Per quanto riguarda le persone, i fan che l'hanno elogiato in maniera così smisurata fin dai primi minuti io credo che in voi c'era più quella frenesia e quell'entusiasmo di mettere le mani sull'ennesimo Tales of piuttosto che concentrarsi su quelli che erano davvero i pregi contenuti nel gioco. Troppo impulsivi. Tales of Zestiria rimane confinato attualmente sotto gli altri.

" MA STA ZOCCOLA AAAAAAAHAAH ma mi vuoi dì do ccazzo dobbiamo andààà?? "Citazione CELEBRE di Lordjashin rimarrà nella storia come best citazione.

https://www.youtube.com/watch?v=wCkaq1Gs …

7

Voto assegnato da Johnlocke07
Media utenti: 7.1 · Recensioni della critica: 7.9

Non ci sono interventi da mostrare.