Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Io Interactive e prodotto da Square Enix, Hitman è un gioco d'azione e avventura uscito l'11 marzo 2016 per PlayStation 4 · Pegi 18+ · Link: store.playstation.com

Porta a termine i contratti ed elimina gli obiettivi in località esotiche di tutto il mondo nei panni dell'Agente 47. Prossime ambientazioni - Ad aprile, 47 arriverà a Sapienza, in Italia, alla ricerca di uno scienziato, per poi spostarsi, a maggio, tra le strade di Marrakesh, in Marocco. Il mondo degli assassini si espande sempre più, con nuove missioni in Thailandia e negli Stati Uniti, prima del gran finale, nella seconda parte del 2016, in Giappone.

8.1

Recensioni

16 utenti

Recensioni

8.1

Media dei voti
16 recensioni degli utenti

Oldboy

ha scritto una recensione su Hitman

Cover Hitman per PS4

47(+) modi per uccidere

Sesto titolo dell'omonima serie di videogiochi e primo ad approdare sull'attuale generazione di console, Hitman è un gioco di genere stealth sviluppato dalla casa di produzione danese IO Interactive. Un titolo che, a conti fatti, può definirsi dignitosamente riuscito. Pur non essendo esente da alcune sbavature più o meno influenti, il nuovo ciclo di missioni con protagonista l'Agente 47 riesce a raggiungere quell'obiettivo che si prefissa visibilmente già dalle primissime fasi di gioco. L'opera distribuita da Square Enix punta infatti a regalare soprattutto un gameplay solido, piuttosto stratificato e potenzialmente molto longevo per riuscire a divertire il giocatore sia sul breve che sul lungo termine. Un obiettivo che, come già detto, viene centrato senza grosse difficoltà.
L'aspetto più curioso di Hitman si identifica senz'altro nella particolare struttura scelta per consentirne la fruizione al giocatore. Per la prima volta nella storia della serie, infatti, la nuova avventura di 47 si pone come un prodotto suddiviso in episodi, dove ogni missione viene rilasciata con una cadenza di tempo più o meno regolare.
Se l'idea di un videogioco che storicamente si è sempre distinto per le sue meccaniche stealth, dove ogni nuovo livello deve stavolta essere atteso per un periodo di tempo specifico può far storcere il naso a molti, la resa finale delle missioni presenti cancella abbastanza velocemente i comprensibili timori iniziali.
L'enorme mole di lavoro fatto per intrattenere il giocatore più tempo possibile in una singola mappa di gioco e in compagnia di 47 è forse l'aspetto più sorprendente dell'opera. Non solo le sopracitate mappe (6 location variegate che spaziano da Parigi al Colorado, senza contare anche la base ICA che funge da scenario per narrare il prologo) sono infatti di dimensioni considerevoli, ma garantiscono tutte un numero di attività tendenzialmente infinito. Agli immancabili obiettivi primari da portare a compimento per proseguire nella storia, si aggiungono infatti tutta una serie di corpose attività secondarie, quali sfide in cui uccidere i nostri bersagli in determinate condizioni, oggetti, armi e travestimenti da sbloccare. La libertà e la varietà d'azione disponibili all'interno dei macroscopici livelli permetterà al giocatore di elaborare le migliori strategie possibili e di sperimentare continuamente con il suo modus operandi. Ogni obiettivo potrà essere raggiunto (meglio ancora, potrà essere assassinato) sfruttando tutta la fantasia e gli strumenti a propria disposizione. Dall'avvelenamento del cibo al colpo di pistola con silenziatore, dall'annegamento nel wc del povero malcapitato di turno fino alla "incidentale" spinta da una balconata. Ogni elemento d'interazione degli scenari di gioco potrà essere impiegato a vantaggio del giocatore per portare a compimento la missione con successo. E per chi ama particolarmente "menar le mani", anche l'approccio action è consentito. Va precisato, comunque che risulta essere un approccio davvero poco stimolante (oltre che fortemente punitivo in termini di punteggio, dato che parliamo sempre di un gioco di natura stealth), e che rappresenta quella strada che probabilmente nemmeno il giocatore più svogliato deciderà di intraprendere. Hitman, dopotutto, è un gioco che richiede un continuo raziocinio e una discreta dose di pazienza. Lo studio elaborato della mappa e delle situazioni che si presenteranno per accedere ad una zona specifica o per compiere particolari azioni sarà sempre un passaggio fondamentale per garantirsi un feeling positivo con l'opera.
Ad arricchire ulteriormente la già alta longevità di gioco ci pensano poi una serie di missioni bonus, ma soprattutto l'interessante componente online. In Hitman avremo, tra le varie cose da fare, anche la possibilità di creare dei contratti da condividere con la community, ovvero la facoltà di indicare dei bersagli da uccidere all'interno di una mappa secondo le condizioni che più ci aggradano. Si tratta di un aspetto da non sottovalutare, in quanto capace di farci passare agevolmente ulteriore tempo in uno scenario di gioco. Inoltre, la competizione online data dalla ricerca del miglior punteggio possibile all'interno della comunità, garantisce un certo grado di coinvolgimento.
Anche dal punto di vista tecnico, Hitman sfoggia una veste grafica più che soddisfacente, che si mette in mostra in particolare per le belle ambientazioni, curate e ricche di dettagli. Più anonimo invece il comparto sonoro.
Parlando invece della difficoltà, questo Hitman risulta essere decisamente più accessibile rispetto, ad esempio, ai primissimi capitoli della serie. Ma va comunque segnalato che raggiungendo specifiche soglie di punteggio sarà possibile per il giocatore sbloccare non solo dei nuovi punti della mappa in cui poter iniziare la missione, ma anche un nuovo livello di difficoltà, che limita o complica alcune caratteristiche del gioco (ad esempio il numero di salvataggi manuali viene ridotto a 1 per missione). Il giocatore desideroso di provare una sfida più impegnativa si renderà subito conto di quanto l'opera sia soddisfacente anche da questo punto di vista.
Passando invece alle note dolenti del titolo, dobbiamo innanzitutto dire che per un'opera fortemente curata sul versante gameplay, di contro c'e invece una sceneggiatura abbastanza carente e che forse avrebbe meritato un po' piu di attenzione da parte degli autori. La componente narrativa di Hitman è infatti pressoché dimenticabile, oltre che ridotta più che altro a qualche breve cutscene tra una missione e l'altra. Questo nonostante il finale aperto crei delle discrete premesse per un seguito. Si tratta di un difetto, quello relativo alla storia, comunque piuttosto relativo dato che il gioco (cosi come tutta la serie) è sempre stato focalizzato sul regalare un'esperienza soddisfacente sulla parte giocata e non su quella narrata.
Difetto un po' più concreto e un po' meno passabile è invece quello relativo ai bug presenti nel gioco. Non che questi siano chissà quanto frequenti, ma purtroppo risultano spesso problematici per il giocatore. Un corpo che non si riesce a trasportare perché si incastra nelle textures o un nemico che vi "vede" nonostante non siate nel suo campo visivo sono eventi rari, ma se succedono possono compromettervi parzialmente la missione e quindi punirvi ingiustamente sul punteggio finale. Pensate oltretutto alla difficoltà più alta, dove il salvataggio manuale per ogni missione è singolo e quando siete arrivati alla fine si presenta senza preavviso un problema del genere. Abbastanza seccante.
Va fatta una menzione non positivissima anche per l'IA dei nemici, che in piccoli frangenti mostra lacune surreali, come azioni criminali misteriosamente non viste nonostante una distanza pressoché ravvicinata con il nostro protagonista.
Nonostante i suoi difetti, Hitman, come detto in apertura di testo, può considerarsi a conti fatti un ottimo titolo da parte di IO Interactive, con una mole di contenuti altissima e una libertà d'azione quasi sconfinata. Una garanzia di forte giocabilità nell'immediato e, per chi ne rimarrà particolarmente affascinato, anche nel futuro.
Bentornato all'opera, Agente 47.

ninh0

ha scritto una recensione su Hitman

Cover Hitman per PS4

Inarrestabile Agente 47

Il gioco è sempre lo stesso da anni ma rispetto alle origini l'Agente 47 ormai è diventato meglio di James Bond nelle sue infiltrazioni e nei suoi mitici travestimenti... ovviamente la grafica è spettacolare e le varie combinazioni per raggiungere gli obiettivi sono sempre più intricate e aumentano la giocabilità di ogni singolo livello di parecchio. L'ambientazione pseudo italiana Sapienza è veramente uno spettacolo sembra di stare a Capri. Non vedo l'ora di prendere la collection.

Whiskers is Jericho

ha scritto una recensione su Hitman

Cover Hitman per PC

"Let the sky fall..."

"Mister Tobias, Hitman: Absolution è stata una figata incredibile... però, che ne direste di tornare a Blood Money?"

"...."

https://www.youtube.com/watch?v=XAYhNHhx …

Hitman è tornato. Certo, in realtà non se ne era mai andato(non troppo), però è bello dirlo no? HITMAN E' TORNATO!

Come dicevo nell'introduzione, io amo Hitman: Absolution, ok? Penso sia una delle eccellenze del genere stealth, però lo considero un po spin off della saga.

Sì sì, è vero, per uccidere quello li a Chinatown ci sono mille milioni di modi, blablabla, lo so... ma non c'entra nulla. Absolution ha preso una strada totalmente diversa da Blood Money, è palese. Ha preso ciò che ha reso grande Blood Money e lo ha ficcato in uno stealth piu o meno lineare molto più quadrato e cinematografico.

E VA BENE COSI', Absolution è fantastico! Ha addirittura una trama interessante oh! Non è mai successo in nessun altro Hitman!

Però dopo averci giocato mille miliardi di ore, sentivo sempre quella nostalgia di Blood Money, del poter pianificare cosa fare nel grande parco giochi che era ogni livello di quel titolo. Questo è un po un guilty pleasure, perché Blood Money come stealth non vale manco un pelo di Absolution... però io amavo Blood Money per il suo essere "sandbox" più che stealth.

Fare l'infiltrato alle feste, andare nei luoghi appartati, uccidere gente, e tornare in bella vista... era tutto sublime!

Insomma... Absolution è un mezzo capolavoro e Blood Money era un immensa figata... come lo facciamo quindi sto Hitman nuovo? Absolution o Blood Money?

La risposta è:

E N T R A M B I

Hitman ha preso i controlli perfetti di Absolution e li ha schiaffati in un gioco che ha il level design di Blood Money sparato a 1000.

La prima stagione (sì, pare ce ne saranno altre) si sviluppa in 6 ambientazioni (+ le due missioni prologo e le missioni bonus). "Poche" direte voi. "Seh certo" vi rispondo io. Ogni ambientazione è ENORME (a parte il Colorado, bleh). Per farvi capire, è come se per crearle avessero preso 2 o 3 missioni di Blood Money e le avessero fuse assieme.

Ogni ambientazione ha centinaia di NPC (potenziali bersagli per la modalità contratti), tantissimi modi per uccidere i bersagli e delle missioni secondarie chiamate Escalation.

Le Escalation sono in pratica delle serie di missioni a difficoltà crescente in cui dovremo (ovviamente) uccidere dei bersagli secondo determinati parametri.

In piu ogni ambientazione può essere "livellata" per sbloccare nuovi punti di ingresso, nuovi rifugi in cui poter trovare l'equipaggiamento che sceglieremo e nuovi oggetti per ampliare il nostro arsenale.

Questo vi fa capire quanto si è puntato sul sandbox e sul voler creare una libertà d'azione quasi totale.
Quindi rispetto ad Absolution si abbandona LEGGERMENTE lo stealth puro, anche con la scelta di semplificare il sistema Istinto e rendendo i travestimenti sgamabili solo da qualcuno e non da tutti, ma le semplificazioni finiscono li, perchè Hitman 2016 prende il sandbox di Blood Money ma lo rende molto più hardcore.

Menzione d'onore merita la colonna sonora, che cambia continuamente in base a ciò che state facendo e al livello di allerta e, personalmente, mi ha dato un adrenalina assurda.

In conclusione, Hitman secondo me, è il miglior simulatore di Ethan Hunt/James Bond mai uscito. Vi sentirete tantissimo degli agenti segreti calati in missioni impossibili che saranno totalmente nelle vostre mani guantate.

Fatelo sembrare un incidente, massacrateli senza pietà, avvelenateli, usate tiri di precisione con i fucili da cecchino, avrete tantissime opportunità per agire.

Entrate in un mondo di assassini, accettate il contratto E PER L'AMOR DI DIO, ESEGUITELO!

https://www.youtube.com/watch?v=PNkvcY0J …

10

Voto assegnato da Whiskers is Jericho
Media utenti: 9 · Recensioni della critica: 8.4

pi4c3

ha scritto una recensione su Hitman

Cover Hitman per PS4

Bello, a tratti troppo pilotato.

In questo titolo, brevemente, la storia non ingrana praticamente mai e ci si trova a dover affrontare 6 missioni in 6 location, alcune giganti e stupende altre meno.
Alcune riuscite (Sapienza, Marrakech) altre che risultano troppo bloccate e praticamente impossibili senza seguire le opportunità (Colorado la peggiore e anche Hokkaido).
Le opportunità infatti, se da un lato sono un buon modo di portare a termine le missioni, dall'altro, cioè quello del gameplay, risultano semplicemente come delle cose da fare quasi obbligatoriamente, in sequenza, sapendole a memoria, altrimenti non puoi uscire vivo da una mappa.
Cercare di entrare in smoking, uccidere ed andarsene sarà praticamente impossibile soprattutto in certe mappe, a meno di sapere ogni npc cosa fa a memoria ed ogni posto.
il gunplay poi scomodo ti obbliga a morire quasi sicuramente in scontri a fuoco prolungati..
La grafica non è eccelsa ma ci sta.
Mi sento di consigliarlo per 30 euro massimo visto che dopo 6 mappe, che probabilmente una volta ultimate vi usciranno dalle orecchie, diventerà un gioco con poco altro da dare, se non rifare ancora cambiando magari metodo o uccidere nuovi bersagli ma sempre nelle stesse mappe..
Comunque un buon titolo che a parte qualche difetto mi ha divertito.

Non ci sono interventi da mostrare.