Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Life is Strange

Sviluppato da DONTNOD Entertainment e prodotto da Square Enix, Life is Strange è un gioco d'avventura uscito il 29 gennaio 2015 per Xbox 360 · Pegi 16+

Life Is Strange è una storia in cinque capitoli che si prepara a rivoluzionare il genere dei giochi a episodi. Il suo innovativo sistema di scelte e conseguenze ti permetterà infatti di riavvolgere il tempo modificando il passato, il presente e il futuro.

Vesti i panni di Max, una giovane studentessa di fotografia che salva la vita alla sua amica Chloe e si accorge di possedere lo straordinario potere di riavvolgere il tempo. Mentre indagano sull’improvvisa sparizione di una loro compagna di scuola, le due amiche si rendono conto che la cittadina di Arcadia Bay ha un lato oscuro.

Nel frattempo, Max comincia ad avere delle premonizioni, e fatica a comprendere le implicazioni dei suoi poteri. Scoprirà presto fino a che punto modificare il passato può compromettere il futuro.

Nappone il Saggio

ha scritto una recensione su Life is Strange

Cover Life is Strange per PS4

Io lo dico qui e subito all'inizio: Life Is Strange è un titolo abbastanza frainteso. Ho letto numerose recensioni e tutte, anche quelle dei videogiocatori intellettuali, erano praticamente divise in due paragrafi: gameplay/storia. E porco giuda, tutte le recensioni dicevano "il gameplay è scarno consiste semplicemente nel fare X, ma la storia è la parte centrale ed è..." ed ecco le mille parole che tentano di inserire dati oggettivi nel commento di una storia. Come fai a parlare oggettivamente di quanto una storia ti sia piaciuta? I peggiori sono quelli poi che iniziano a parlare del "contesto": "nel contesto teen drama la storia è molto bella". Quindi mi dici che come film surrealista LiS non funziona? Se paragoniamo Life Is Strange all'ultimo Bunuel che succede?

Ecco, togliamo il dente fin da subito: dopo millenni di letteratura, un secolo di cinema e qualche decennio di videogioco le storie sono già state tutte scritte, quindi parlare di quanto oggettivamente sia bella e originale una storia è credo una delle cose più stupide di sempre. Potrei dirvi soggettivamente cosa mi ha fatto più immedesimare in Max, cosa ho amato (o odiato) più di Chloe, cosa mi ha comunicato la vicenda di Kate, ma basta, è tutto lì, tutto soggettivo.

Quindi a tutti i detrattori di Life Is Strange perché "la storia è banale" faccio presente che il vostro videogioco preferito che ha la storia divisa in diciotto bluray non regge comunque il confronto con Suikoden 2 che è il mio videogioco preferito e oggettivamente ha la storia migliore della vostra, non del vostro videogioco preferito, proprio della vostra, in senso genealogico.

Spostiamo dunque il focus, analizziamo di LiS non tanto la classica storiella dell'adolescente hipster dalla sessualità ambigua che si ritrova al college nella stagione degli amori, parliamo invece di ciò che importa sul serio ossia "come la storia viene raccontata".

Parliamo di regia, parliamo di game design e smettiamo, lo dico per l'ultima volta, di guardare superficialmente alle semplici vicende che si susseguono nel gioco.
Dopo questo bello sproloquio proviamo ad andare nel dettaglio.
In Life Is Strange la storia è raccontata in maniera più che discreta, ma con climax che a mio parere potevano essere gestiti meglio.

Dopo un inizio perfetto nel quale si ricrea perfettamente l'esperienza scolastica della noia dell'aula e dell'appagante uscita di scuola con un To All Of You di Syd Matters che tutti ha fatto innamorar del gioco, il gioco inizia ad utilizzare una narrazione "a picchi" che non mi ha del tutto soddisfatto. Il colpo di scena è infatti spesso non frutto di un climax crescente durante tutto l'episodio, ma è semplicemente "buttato lì" con una creazione della tensione che inizia da pochissimo prima, troppo poco prima. Ritengo questo un difetto oggettivo più che una scelta stilistica, se un attimo prima mi trovo a collezionar bottiglie e l'attimo dopo mi trovo a salvare una ragazza che sta per finire sotto un treno incolpo l'autore del gioco che non ha creato la tensione, ma ha usato il semplicissimo escamotage del jumpsacre (ovviamente in maniera diversa).

Il gameplay è inoltre creato per questa storia. Senza fronzoli di sorta, è lì al servizio della narrazione, non serve ad altro.
Non è spoglio, è "funzionale"

Ecco, se vogliamo fare i recensori e dunque parlare di oggettività nella storia è così che dobbiamo farlo. Sono io troppo presuntuoso? Probabile, ma comunque la storia di Life Is Strange è migliore di quella del novanta per cento delle serie tv che guardate.
Storia di Life is strange che parla di bimbe hipster >>>>>>> storia di quattro bimbi un po' scemi in bicicletta.

7.5

Voto assegnato da Nappone il Saggio
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 8.8

Ammiragliobyrd

ha scritto una recensione su Life is Strange

Cover Life is Strange per PS4

Life is Strange - PS4

Finito in questo momento

Grandissima avventura, molto bella dall'inizio alla fine, anche se inizialmente ero molto titubante. L'evolversi del gioco ti porta a intrecciare il cervello e a spremerlo quante siano le situazioni. Momenti toccanti non mancano nel gioco, davvero scelte difficili da fare, ma per il bene di tutti andavano fatte. Il gioco merita un voto alto un 8. Il finale forse avrei preferito più allegro, ma ci sono sempre delle spiegazioni che nel corso del gioco ti portano ad una crudele scelta.

8

Voto assegnato da Ammiragliobyrd
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 8.8

Monsty

ha pubblicato un'immagine nell'album Lollate varie

Non ci sono interventi da mostrare.