Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

m4ddok condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere m4ddok, aggiungilo agli amici adesso.

m4ddok

Ragazzi, mi hanno detto che i videogiuochi sono belli, è vero? Me li consigliate?

Reita.Roses

Reita.Roses ha pubblicato un'immagine nell'album 100 Day Movie Challenge

Day 27: A scary film.
Ad alcuni potra sembrare strana questa scelta... ma in realtà è terribilmente scontata, perchè se penso ad un film che mi ha terrorizzato la scleta ricade al 100% su Bambi, perchè siamo seri... per un bambino un film del genere è traumatico, e sappiamo tutti di quale scena sto parlando... ora penso che Bambi lo abbiamo visto tutti, e spoilerare un film di più di 70 anni fa mi pare un pò estremo... però vabbè, la scena della morte della madre di Bambi penso che per qualsiasi bambino sia un trauma. Che poi è tutto tranne che un film banale, basti pensare al fatto che l'unico vero villain è l'uomo stesso, che non viene mai mostrato chiaramente, un capolavoro.

PagliaccioZurgosa

ho puffato il grandepuffo dei puffi inpuffinati mentre si impuffinava quella grande puffa imputtanita e mi sono ritrovato il puffo inpuffato nel puffoso grande puffo dei signori puffi che vestono di puffo inpuffinante con puffetta che e' una STRONZA.

m4ddok

Daaaaaiiiiiii, kaffffèèèèèèèèèèèèè!!!!!1 Cche fate a ferragosto??????? Spakkiamociiiii!

m4ddok

m4ddok ha pubblicato un'immagine nell'album m4ddok è idiota riguardante No Man's Sky

Nulla cambia, tutto cambia sisi

m4ddok

m4ddok ha pubblicato un'immagine nell'album le cosine di m4ddok

"Non ci resta che piangere", pellicola del 1984 firmata da due grandi del cinema comico italiano: Benigni e Troisi. Devo fare una premessa però, mentre considero Troisi uno dei grandi davvero, che nonostante avesse una parlata quasi incomprensibile era comunque in grado di farsi comprendere benissimo, un uomo davvero dalla sensibilità particolare; dall'altra parte considero Benigni un intellettuale "per forza" che sinceramente in molti suoi lavori successivi non mi è piaciuto per nulla. Troisi a parer mio ha avuto una piacevole ascesa qualitativa, fino al meraviglioso "il Postino" o a perle quasi sconosciute come "il viaggio di Capitan Fracassa", ma ahimé ci ha lasciati nell'ormai lontanissimo 1994 anche se io lo immagino come grande attore negli anni successivi, non solo di commedie, certo.

La pellicola ha una trama semplicissima, quanto assurda: Mario e Saverio (rispettivamente bidello ed insegnante della stessa scuola) sono in strada, guida Saverio, ma un noiosissimo stop al passagio a livello li porta ad imboccare una viuzza laterale per far prima. Colti da un improvviso acquazzone e da un'empasse che blocca l'auto decidono di chiedere rifugio ad una vicina cascina.
Si sveglieranno nel "1400, quasi 1500", rimanendone basiti a causa dell'inspiegabilità assoluta (anche filmica) di questo avvenimento che pone la pellicola al limite dell'assurdo. Due viaggiatori del tempo nostrani che incontrano la Toscana quattrocentesca tra gag e difficoltà che non pensavano nemmeno di dover affrontare sentendosi migliori degli altri poiché provenienti dal futuro, quindi più "intelligenti".

Il personaggio più misterioso del film, ebbene sì, è l' "amazzone" spagnola, che verso il finale prima scocca una freccia contro il carro dei due protagonisti, spinti in Spagna dalla folle idea avuta da Saverio di bloccare Colombo prima che parta per impedirgli di scoprire l'America; verà poi incontrata una seconda ed una terza volta, ed in quest'ultima circostanza la donna misteriosa gli comunica che aveva ricevuto l'ordine di bloccare "qualsiasi straniero alla frontiera di Spagna fino alla partenza di Colombo". Qui l'assurdo trascende, quasi come Colombo o chi per lui sapesse che qualcuno venuto dal futuro e straniero (italiano) volesse fermarlo. Un mistero, quello dell'amazzone, che rimane come tale nell'assurdità della commedia in sé, come anche la stupidità di Leonardo che Saverio chiosa con "sarà colpa nostra" quando deluso se ne va dalla tenda del vate.

Siamo di fronte ad una commedia semplice e liscia, non certo un capolavoro, ai più oggigiorno stancherebbe dopo breve visione, ma comunque una commedia piacevole completamente basata sulla percezione da parte del pubblico di quest'assurdità, senza la quale tutto appare macchiettistico e farsesco, quasi banale.

Da avere? Sì e no. Guardatela solo se siete già in grado di assaporare la coppia Troisi-Benigni e soprattutto una commedia dell'assurdo come questa, altrimenti vi prenderete solo una bella botta di noia costellata da qualche risata per acune scenette rimaste nella storia della commedia italiana, la lettera a Savonarola, i due che parlano a Leonardo, il "ricordati che devi morire! Mo me lo segno proprio" che tutti conoscono.
Ragazzetti, siete avvisati! ;)

m4ddok

m4ddok ha pubblicato delle immagini nell'album m4ddok è idiota

Ecco uno screen del nuovo scanner O.O
I pianeti sono molto più vari, la grafica certamente migliorata. Pur mantenednomi il salvataggio mi ha rigenerato da zero il sistema però! Beh, meglio, è comericominciare con l'quipaggiamento migliore, ho un multitool ed una nave classe A asd

Non ci sono interventi da mostrare.