Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Painkiller: Hell & Damnation (PC)

Painkiller: Hell & Damnation PC

Cover Painkiller: Hell & Damnation (PC)
Genere
Sparatutto in 1a persona
Data di uscita
31 ottobre 2012
Produttore
Nordic Games Publishing
Sviluppatore
The Farm 51
Età consigliata
18+

"Painkiller Hell & Damnation è come un vecchio cantante rugoso che sale sul palco e si traveste da quello che era cercando di illudere il pubblico che gli anni non sono passati. Il pubblico, vecchio come lui, con qualche ruga di troppo e magari con una famiglia alle spalle, annuisce incantato e sfrutta l'illusione per sognare della giovinezza perduta. A seconda di come si guarda la scena, possiamo vederci l'idealismo di aver mantenuto uno spirito giovanile nonostante l'età, oppure il patetico tentativo di esorcizzare la morte riattualizzando un tempo mitico che si percepisce come migliore del presente, ma che di fatto non lo era.
Qualsiasi sia il punto di vista scelto per leggere il gioco, rimane aperta tutta una serie di questioni che lo rendono problematico da consigliare senza riserve, come la mancanza di nuovi contenuti di rilievo tranne la Soul Catcher o, paradossalmente, il fatto che proprio l'unico contenuto di rilievo mortifichi tutto il resto dell'arsenale, rendendolo inutile." da multiplayer.it

8.5

Recensioni

8 utenti

Visitatore

Aggiungi alla collezione

"Painkiller Hell & Damnation è come un vecchio cantante rugoso che sale sul palco e si traveste da quello che era cercando di illudere il pubblico che gli anni non sono passati. Il pubblico, vecchio come lui, con qualche ruga di troppo e magari con una famiglia alle spalle, annuisce incantato e sfrutta l'illusione per sognare della giovinezza perduta. A seconda di come si guarda la scena, possiamo vederci l'idealismo di aver mantenuto uno spirito giovanile nonostante l'età, oppure il patetico tentativo di esorcizzare la morte riattualizzando un tempo mitico che si percepisce come migliore del presente, ma che di fatto non lo era.
Qualsiasi sia il punto di vista scelto per leggere il gioco, rimane aperta tutta una serie di questioni che lo rendono problematico da consigliare senza riserve, come la mancanza di nuovi contenuti di rilievo tranne la Soul Catcher o, paradossalmente, il fatto che proprio l'unico contenuto di rilievo mortifichi tutto il resto dell'arsenale, rendendolo inutile." da multiplayer.it