Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Thomas Was Alone

Sviluppato da Mike Bithell e prodotto da Bithell Games, Thomas Was Alone è un platform game uscito il 12 novembre 2012 per PC Windows · Link: store.steampowered.com

Thomas Was Alone, and then, Well, he Wasn't.

Thomas Was Alone is an indie minimalist 2D platformer about friendship and jumping and floating and anti-gravity. Guide a group of rectangles through a series of obstacles, using their different skills together to get to the end of each environment.
Listen to awesome music by David Housden. Jump over rectangles meticulously placed by Mike Bithell. Listen to voiceover read wistfully and a bit amusingly by Danny Wallace.

Thomas Was Alone tells the story of the world's first sentient AIs, and how they worked together to, well, not escape: Escape is a strong word. 'Emerge' might be better. 'Emerge' has an air of importance about it, while keeping the myriad plot twists and superhero origin stories you'll discover under wraps. We didn't even mention the bouncing. That'd be overkill.
Key Features

Beat 100 levels, and uncover the story of the AIs.

Utilize the unique skills of 10+ characters.

Immerse yourself in David Housden's critically acclaimed procedural score.

Chuckle along to Danny Wallace's narration.

8

Recensioni

16 utenti

Recensioni

8

Media dei voti
16 recensioni degli utenti

zetalue

ha scritto una recensione su Thomas Was Alone

Cover Thomas Was Alone per PC

Malinconico ma dolce, delicato ma intenso. Un racconto che racconta se stesso. Non amo eccessivamente i puzzle game ma questo, nella sua particolarità e nel modo in cui la narrazione accompagna costantemente i vari livelli, è riuscito a conquistarmi. I personaggi sebbene "geometrici" sono caratterizzati talmente bene con le loro pungenti personalità e con le loro più o meno piccole capacità che alla fine è impossibile non provare affetto per ognuno di loro.
L'unica pecca che gli si potrebbe trovare è forse l'eccessiva semplicità con cui si superano i livelli. Le difficoltà sono davvero poche e basta un briciolo di intuitività per procedere oltre e terminare il gioco in una manciata di ore. Ma è giusto che sia così, ci si gode la narrazione, la composizione e la scomposizione di un mondo euclideo e senziente.
Il design è sì scarno ma impeccabile ed evocativo di questa continua situazione di solitudini e incontri su cui è basato l'intero gioco.
Ho adorato anche i brani sempre perfetti con un taglio elettronico e sognante.
Magnetico nella sua semplicità.

Uzume

ha scritto una recensione su Thomas Was Alone

Cover Thomas Was Alone per PC

sinceramente non capisco cosa ci abbia trovato la gente in questo gioco di geniale:
non si può parlare di un vero livello tecnico in un platform piuttosto approssimato dove i "protagonisti" sono dei simil rettangoli colorati che passano da un gradino ad un altro con delle frasi che compaiono in un ordine apparentemente casuale sullo schermo e che nulla hanno a che fare con quello che si vede su schermo o col sistema di gioco stesso
un po come quelli che vomitano il colore sulla tela e lo chiamano arte moderna.
signori, poesia ed arte sono una cosa molto diversa.

Crystal

ha scritto una recensione su Thomas Was Alone

Cover Thomas Was Alone per PS3

Appena finito.
Davvero un bel gioco, la dimostrazione che anche con la semplicità ci si può divertire.
Nel gioco si "impersonano" diverse forme geometriche. La loro storia viene raccontata da una voce narrante (davvero molto bella e carismatica). Scopriamo quindi il loro carattere, i rapporti tra di loro... Si arriva anche a provare simpatia ed antipatia per i personaggi, sebbene siano, ripeto, delle semplici forme geometriche.
La trama è abbastanza semplice e non ci sono chissà che colpi di scena. Il gameplay è il suo punto forte, se vi piacciano i puzzle e/o i platform vi consiglio di giocarlo.
Peccato per qualche bug (ogni tanto i miei personaggi si incastravano), per i livelli che, alcune volte, risultano ripetitivi e soprattutto per la difficoltà poco "omogenea": ho incontrato livelli un po' più complessi seguiti da livelli estremamente facili.
Bella soundtrack, adatta al gioco.

Bianconero

ha scritto una recensione su Thomas Was Alone

Cover Thomas Was Alone per PC

Sebbene l'avessi iniziato a Natale, l'ho finito solo oggi, giocandoci qualche volta quando non avevo nulla da fare.
Thomas Was Alone è un signor gioco, il pregio principale a mio parere (e l'avevo già detto nelle prime impressioni) è quello di riuscire a narrare una storia senza farti vedere nulla. Il gioco riesce perfettamente a donare personalità diverse ai quadrilateri, immedesimando molto bene il giocatore.
Nella maggior parte del gioco il genere dominante è il puzzle, ma soprattutto nelle parti finali Thomas Was Alone strizzerà l'occhio al genere platform. Tuttavia, la difficoltà rimarrà sempre piuttosto bassa, e questo renderà il gioco molto accessibile.
Lo stile grafico è molto originale, così come la colonna sonora, superba.
Se fosse stato un po' più lungo e magari leggermente più impegnativo, il voto sarebbe stato sicuramente più alto. Ma Thomas Was Alone rimane un indie veramente originale e artistico, perfetto per rilassarvi una volta ogni tanto.
Consigliato.

8.5

Voto assegnato da Bianconero
Media utenti: 8 · Recensioni della critica: 8.1

Non ci sono interventi da mostrare.