Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Thomas Was Alone

Sviluppato da Mike Bithell e prodotto da Bithell Games, Thomas Was Alone è un platform game uscito il 12 novembre 2012 per PC Windows · Link: store.steampowered.com

Thomas Was Alone, and then, Well, he Wasn't.

Thomas Was Alone is an indie minimalist 2D platformer about friendship and jumping and floating and anti-gravity. Guide a group of rectangles through a series of obstacles, using their different skills together to get to the end of each environment.
Listen to awesome music by David Housden. Jump over rectangles meticulously placed by Mike Bithell. Listen to voiceover read wistfully and a bit amusingly by Danny Wallace.

Thomas Was Alone tells the story of the world's first sentient AIs, and how they worked together to, well, not escape: Escape is a strong word. 'Emerge' might be better. 'Emerge' has an air of importance about it, while keeping the myriad plot twists and superhero origin stories you'll discover under wraps. We didn't even mention the bouncing. That'd be overkill.
Key Features

Beat 100 levels, and uncover the story of the AIs.

Utilize the unique skills of 10+ characters.

Immerse yourself in David Housden's critically acclaimed procedural score.

Chuckle along to Danny Wallace's narration.

8

Recensioni

16 utenti

zetalue

ha scritto una recensione su Thomas Was Alone

Cover Thomas Was Alone per PC

Malinconico ma dolce, delicato ma intenso. Un racconto che racconta se stesso. Non amo eccessivamente i puzzle game ma questo, nella sua particolarità e nel modo in cui la narrazione accompagna costantemente i vari livelli, è riuscito a conquistarmi. I personaggi sebbene "geometrici" sono caratterizzati talmente bene con le loro pungenti personalità e con le loro più o meno piccole capacità che alla fine è impossibile non provare affetto per ognuno di loro.
L'unica pecca che gli si potrebbe trovare è forse l'eccessiva semplicità con cui si superano i livelli. Le difficoltà sono davvero poche e basta un briciolo di intuitività per procedere oltre e terminare il gioco in una manciata di ore. Ma è giusto che sia così, ci si gode la narrazione, la composizione e la scomposizione di un mondo euclideo e senziente.
Il design è sì scarno ma impeccabile ed evocativo di questa continua situazione di solitudini e incontri su cui è basato l'intero gioco.
Ho adorato anche i brani sempre perfetti con un taglio elettronico e sognante.
Magnetico nella sua semplicità.

Nintendo Hall

ha pubblicato un'immagine nell'album Nintendo Hall

Finito, davvero carino anche se corto sisi
https://miiverse.nintendo.net/posts/AYQH …

Non ci sono interventi da mostrare.