Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da From Software e prodotto da SCEA, Bloodborne è un gioco di ruolo uscito il 25 marzo 2015 per PlayStation 4 · Pegi 18+

Avventurati in una città in cui morte, pazzia e creature da incubo si aggirano dietro ogni angolo.

La paura ti guiderà alla salvezza

Da Hidetaka Miyazaki e FromSoftware, creatori dei leggendari giochi di ruolo d'azione Demon's Souls, Dark Souls e Dark Souls II, è in arrivo Bloodborne, un nuovissimo gioco di ruolo traboccante d'azione che porterà terrore senza pietà e senza sosta sulla tua PlayStation 4.

Affronta le tue paure mentre sei in cerca di risposte nell'antica città di Yharnam, flagellata da una strana malattia endemica che si diffonde per strada più veloce del fuoco. Il pericolo è un'ombra onnipresente in questo spaventoso mondo e sta a te scoprirne i segreti più oscuri per riuscire a sopravvivere.

9.2

Recensioni

167 utenti

Sword Fight

Sword Fight ha pubblicato un'immagine nell'album Warrior's Fight riguardante Bloodborne

Ayafunny

Ayafunny ha scritto una recensione su Bloodborne

Cover Bloodborne per PS4

Condividiamo un incubo, ma non piacere

E' limitante dire che un titolo multiplayer riesca ad essere unico artefice di un esperienza di gruppo, a un condividere emozioni o più comunemente un divertimento diverso da quello offerto da un single player io dico comunemente che no, non è vero, non del tutto. Fare una esperienza con più persone può offrirti sensazioni diverse che farlo da soli, ma pensiamo alla bellezza di poter scoprire, senza alcuna influenza esterna data dalle persone o dal web, un segreto che magari qualcuno che conosciamo sta provando con lo stesso titolo. Dare indizi, metterli sulle spine, incitarli ad indagare o dare consigli su cosa fare in caso di difficoltà e restituirci il favore con ostacoli che non riusciamo a capire. Una condivisione basata sul descrivere le nostre esperienze. Ieri e oggi ci sono molti giochi che possono dare questa opportunità, senza puntare alla competizione, e, nonostante il pvp contorni una delle meccaniche di questa serie, i titoli Souls offrono sicuramente tutto questo. All'intuizione di qualcosa al rimanerne felici alla sua veridicità. Questo è perché i single player dovrebbero continuare a vivere: senza di loro i videogiochi avrebbero una vita a metà, una vita della brevità di un titolo che si mette da parte per poter seguire con gli altri il prossimo, una cosa che col tempo nessuno riuscirebbe a ricordare per le loro eccezionali scoperte che ti permettono di condividerli comunque gli altri. Un media incompleto.

Non ci sono interventi da mostrare.