Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Square Enix, Final Fantasy Type-0 HD è un gioco di ruolo uscito il 20 marzo 2015 per PlayStation 4 · Pegi 16+

FINAL FANTASY TYPE-0 combina un universo coinvolgente, personaggi memorabili e la grande qualità che ha reso famosa la saga, con un gameplay avvincente e una trama all'altezza della migliore tradizione di Final Fantasy.
Questo nuovo titolo vi trasporterà a Orience, un mondo affascinante e pieno di vita che rischia di essere annientato da una violenta guerra civile. Seguite le avventure della classe Zero, un gruppo di studenti di una accademia militare d'eccellenza costretti a difendere il loro paese dall'invasione di una nazione confinante: l'Impero.
Nel brutale scontro che vi aspetta, avrete a disposizione un nuovo sistema di battaglia, che vi permetterà di sfruttare un'ampia serie di incantesimi e tecniche di combattimento per sconfiggere l'Impero e scoprire le vere ragioni della guerra.

7.9

Recensioni

33 utenti

Mickey Mauser

ha scritto una recensione su Final Fantasy Type-0 HD

Cover Final Fantasy Type-0 HD per Xbox One

HD ma non troppo

Uhm, dove cominciare parlando di quest Type 0?
Ho davvero tanto da dire, ma cercherò di essere sintetico. Il gioco mi è piaciuto molto sotto diversi aspetti, mentre l'ho trovato abbastanza odioso per altri versi.
Iniziamo dalle cose belle: la trama. La trama di Type 0 è davvero diversa da quella di ogni altro Final Fantasy cui abbia giocato fin'ora. Non c'è la tematica del viaggio, ma quella della guerra fra quattro regni. Una guerra sanguinosa, cruda, in cui non c'è molto spazio per le emozioni. Già da qui, in effetti, si capisce quanto Type 0 sia da considerarsi una mosca bianca all'interno del brand.
Il fatto di essere stato concepito originariamente per una console portatile ha spinto gli sviluppatori ad optare per una narrativa silenziosa. Gran parte dei dettagli riguardanti il mondo di gioco e le stesse vicende principali, infatti, saranno comprensibili soltanto chiacchierando con i vari npc o assistendo a delle scene d'intermezzo totalmente opzionali, o magari leggendo il codex che il gioco ci mette a sua disposizione. La situazione, quindi, non è quella di Final Fantasy XV, in cui comprendere la trama è a momenti davvero impossibile, ma ricorda un po' di più Dark Souls, per modo di dire.
Il giocatore superficiale potrebbe perdersi molti momenti interessanti, anche se mi rendo conto che qualcun avrebbe preferito più filmati o spiegazioni più in bella vista. Ad ogni modo, le vicende di Type 0 sono perlopiù interessanti, anche se molto criptiche. Mi è piaciuto molto il focus sulle emozioni dei membri della Classe Zero, l'importanza mostrata da alcuni di essi per i ricordi perduti a causa del potere dei Cristalli, la riflessione sulla vita, sulla morte e su quello che rimane di una persona dopo di essa. In più, alcune sequenze sono semplicemente affascinanti nel loro svolgimento. Niente lacrimoni, però: il tono si mantiene sempre distaccato, quasi stessimo osservando la scena da lontano, con un cannocchiale. Per una volta un jrpg è stato in grado di sollecitare il mio interesse in una maniera un po' diversa dal solito, e vorrei fare un plauso ad Hajime Tabata per il lavoro svolto.
Ho apprezzato molto la struttura del gioco, con la possibilità di scorazzare per la scuola e spendere le ore di tregua fra una missione e l'altra nel modo che preferiamo, completando qualche sub quest o andando a zonzo per la mappa del mondo. Quasi come fosse un Persona, ma in una maniera estremamente semplificata.
In generale, Type 0 riporta alla mente i vecchi Final Fantasy per molte sue caratteristiche. La mappa del mondo di cui parlavo sopra, appunto, o gli incontri casuali, o il sistema a livelli dei personaggi. Esplorare il mondo di Orience sarà divertente, anche perché ci saranno delle zone opzionali e dei dungeon "segreti", cosa che apprezzo sempre moltissimo. Anche il combat system è piacevole, almeno nel suo funzionamento base. Tutti i personaggi sono diversificati molto bene e sono divertenti da usare, anche se alcuni rompono il gioco in una maniera allucinante (si, Jack, King, Seven: sto guardando voi).
Allora, la trama c'è, il combat system c'è, la mappa del mondo c'è. I presupposti per un Final Fantasy splendido ci sono tutti. Peccato che alcuni difetti rovinino irrimediabilmente l'esperienza.
Il primo è dovuto alla struttura portatile del titolo, che invoglia a rigiocare spesso le stesse missioni e, soprattutto, impedisce di gestire il party (che consta di ben 12 personaggi, lo ricordo) in una maniera adeguata.
Il secondo è collegato al primo, e consiste nella dose eccessiva di grinding richiesta dal gioco per addentrarsi in alcune zone. Se la trama principale può essere completata tranquillamente con i personaggi al livello 30, i dungeon opzionali avranno spesso creature molto, molto più forti di noi.
Il fatto che l'esperienza non sia condivisa fra i vari membri del party, quindi, ci spinge a spendere molte ore a grindare ancora, ancora e ancora. In più non potremo cambiare personaggi quando vorremo, ma soltanto alla morte di uno di questi potremo sostituirlo con un guerriero lasciato nelle retrovie. Un sistema macchinoso che ci costringe, ogni volta, a tornare in città. Non ho trovato un senso in questa scelta di game design, se non le possibilità limitate offerte dai comandi della PSP, la macchina di riferimento della versione originale.
In più i dungeon non hanno un level design. Essi sono semplicemente una sequenza di stanze, il che lascia l'amaro in bocca, visto che l'ultimo jrpg che avevo provato prima di questo è stato Etrian Odyssey, che invece aveva un level design a tratti molto interessante.
Tolti questi problemi, però, Type 0 è un bel gioco, anche molto rigiocabile, visto che completare la trama una seconda volta ci permetterà di avere a disposizione dei finali alternativi.
Tecnicamente il gioco è quello che è: a parte i modelli dei protagonisti principali (che sono stati rifatti da zero) ed una risoluzione più alta, il titolo è stato sviluppato per una console di due generazioni fa, e si vede, ma la direzione artistica è molto buona, come anche l'accompagnamento musicale.
Type 0 è un Final Fantasy in tutto e per tutto, forse migliore sia del tredicesimo che del quindicesimo capitolo. Mi piacerebbe vedere alcune delle idee sviluppate in questo gioco anche nei prossimi capitoli, sperando che gli errori di Final Fantasy XV non si ripetano mai più.
Ma si sa, chi vive sperando, muore...

7.9

Voto assegnato da Mickey Mauser
Media utenti: 7.3 · Recensioni della critica: 7.4

ToreYakumo

Finito! Finale meraviglioso davvero! Anche se il gioco nel complesso non mi ha fatto impazzire devo dire che tutta la parte finale è stata davvero bella.
Ormai ho capito che Tabata da il meglio nel finale...

Non ci sono interventi da mostrare.