Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Onimusha: Warlords

Sviluppato da Capcom, Onimusha: Warlords è un gioco d'azione e avventura uscito il 15 gennaio 2019 per PlayStation 4.

L'avventura classica dei samurai di Capcom, Onimusha: Warlords, arriva su PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch e Steam. Originariamente pubblicato nel 2001 per PlayStation 2, Onimusha: Warlords ha mescolato un'azione emozionante con una storia cinematografica, che gli ha permesso di vendere oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo. Capcom ripropone l'originale Onimusha: Warlords con caratteristiche aggiornate, grafica ad alta definizione, opzioni di visualizzazione widescreen, supporto allo stick analogico, una nuova colonna sonora e una "Easy Mode" per i nuovi arrivati.

7.5

Recensioni

2 utenti

Monty

ha pubblicato un'immagine nell'album Platini MontyLazyGamer

Platino N°58: il gioco mi è piaciuto da matti. Un capolavoro di PS2 ed, ancora oggi, un titolo valido se si passano sopra ad alcuni problemi di giusta anzianità.

Ho fatto praticamente 5 run ma conoscendo il gioco a memoria lo si completa in giusto 1/2 ore a run. I trofei sono molte sfide classiche per i giochi capcom quindi poco da dire: speedrun, finisci il gioco senza curarti, senza potenziare spade, raccogliendo tutti i collezionabili ecc...

Yozora

ha scritto una recensione su Onimusha: Warlords

Cover Onimusha: Warlords per Nintendo Switch

Giappone e demoni.

Premetto che non ho giocato mai in vita mia a un Onimusha, quindi per me questo capitolo è stato un salto nel buio, mi sono fidato solo del nome e della sua fama...e ne sono rimasto veramente colpito.
Il gioco si presenta come un Adventure a telecamera fissa, con combattimenti all'arma bianca (con un raro utilizzo di archi o pistole) ben riusciti, tra parate e schivate. L'aggiunta di tre poteri demoniaci utilizzabili in combattimento al costo di prezioso mana diversifica molto il CS. Avremo a disposizione tre tipi di armi durante il gioco, con diversa potenza, range, e velocità, e tre tipi diversi di magia. I combattimenti sono divertenti, e quasi mai vorrete schivarli.
Per quanto riguarda l'esplorazione anche qui siamo già su solide basi. Ci troveremo ad esplorare un castello giapponese, con passaggi segreti, sotterranei, vie alternative e numerose zone completamente facoltative, che premieranno i più minuziosi nel setacciare ogni angolo del castello. Ci verranno presentati diversi enigmi (non troppo impegnativi a onor del vero) per procedere verso i titoli di coda. Il gioco ci propone anche numerosi collezionabili, a partire da armature, armi e spade aggiuntive (una spada in particolare richiede un certo impegno per essere recuperata, giustificando la presenza così di una sezione facoltativa impostata a "torneo" che appunto se porteremo a termine ci donerà un oggetto indispensabile per sbloccare la suddetta spada) potenziamenti per vitalità e magie, e ovviamente le anime dei demoni, che ci permetteranno di potenziare armi e magie.
Per quanto riguarda la trama l'ho trovata veramente carina nella sua semplicità. Sono un amante del Giappone e dei demoni quindi non potevo che adorare sia ambientazione che struttura narrativa. Dovremo salvare una principessa da un rito oscuro tenuto dai demoni per donare potere a un umano. Molto carina la presenza di libri durante il gioco che ci daranno una visione più chiara del mondo dei demoni e del loro scopo nel nostro mondo. Poche cutscenes , un paio fatte in CGI veramente epiche .
Le musiche sono strabilianti, donano il giusto ritmo al gioco, e vorrete sicuramente ascoltarle più volte.
Il mero lato tecnico è ovviamente difficile da valutare, essendo un gioco uscito su PS2. Il restauro grafico è ben fatto, ma senza impressionare. Comunque molto carino il design dei personaggi e dei nemici primari, più anonimo invece i nemici base che incontreremo per tutto il gioco.
Peccato per la durata, finito in 4 ore , trovando ogni cosa. Vero, per sbloccare tutti i trofei (presenti in game nella versione switch) ci vuole più tempo, ma su 56 trofei, in 4 ore ne ho sbloccati 38.

In definitiva un gioco che consiglio caldamente, non richiede troppo tempo, e regala qualche ora di divertimento in compagnia del nostro samurai Samanosuke.

Monty

ha scritto una recensione su Onimusha: Warlords

Cover Onimusha: Warlords per PS4

Ricordi non infranti

Quando mi è stata regalata la PS2 mi furono imprestato in concomitanza 4 giochi che hanno segnato giusto un pochino i miei gusti videoludici per gli anni a venire: Sly Raccoon, Jak and Daxter, Beyond Good and Evil e Onimusha.

Mentre io ero attirato molto di più dai primi 3 titoli, mio fratello si buttò sul gioco giapponese di casa Capcom rimanendone stregato. Io lo vedevo giocare, ricordo anche che mi avesse vietato di giocarlo perché troppo violento per un ragazzino come me, infatti, quando non era a casa, lo giocavo di nascosto ma mai andando avanti più di lui, salvando nella seconda Memory card.

Quel connubio di cultura giapponese, componenti GDR, gameplay action "quasi hack and slash", quella telecamera" alla Resident Evil che portava la grafica a livelli da fuori di testa mi incantò.

Anni dopo con la remastered mi sono ritrovato un gioco invecchiato meglio del previsto con i giusti accorgimenti di ammodernamento di alcune meccaniche obsolete.

Abbandonati i controlli Tank, upscaling grafico che aumenta la pulizia e, finalmente, una traduzione in italiano del titolo.

Tutto questo lavoro, comunque un compitino,si nasconde un gameplay semplice, in cui è facile riconoscere meccaniche pionieristiche per il tempo, che hanno apportato ad un invecchiamento ottimo del titolo.

Ottima sorpresa, peccato per la longevità non soddisfacente (5 ore al massimo) che però è bilanciato dall'ottimo prezzo in digitale (19.99)

Non ci sono interventi da mostrare.