Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Icepolar condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Icepolar, aggiungilo agli amici adesso.

Icepolar

ha scritto una recensione su Oxygen Not Included

Cover Oxygen Not Included per PC

Dopo più di 100 ore di gioco, e con l'uscita della versione finale, mi sembra opportuno dire finalmente la mia su Oxygen Not Included. Oxygen è un fantastico gioco manageriale in cui veniamo messi al comando di una colonia spaziale di duplicanti che trovandosi misteriosamente all'interno di un asteroide dovranno far di tutto per sopravvivere e trovare una via di fuga. Tutto quel che si trova all'interno del gioco si basa sulle leggi dell'entropia, nulla si crea o si distrugge, ma tutto si trasforma. Ecco quindi che ogni gas, liquido, oggetto, ha una propria temperatura, peso, pressione, ecc...tutte cose con cui bisognerà imparare a convivere al più presto per non addentrarsi in un esperienza fallimentare. Il gioco infatti non si basa solo sul mantenere in vita i nostri omini cucinando cibo, generando ossigeno, e fornendogli quindi tutto il minimo indispensabile per vivere, ma anche nella gestione di tutto quel che ci troviamo attorno nella nostra avventura verso la fuga dall'asteroide. Bisognerà imparare a gestire tutti i gas, liquidi, e temperature varie per riuscire ad avere successo in questo gioco, e vi assicuro che non ci vorrà poco. Infatti, non è raro per un giocatore novizio ritrovarsi a riavviare la partita una decina di volte prima di riuscire a realizzare una colonia minimamente autosufficiente. Si può vedere il gioco infatti come un susseguirsi di errori che pian piano ci porteranno ad imparare come evitarli per giungere al successo. Ogni sconfitta è frustrante, ogni vittoria una goduria. Nulla è più appagante che veder funzionare qualcosa che all'inizio stava solo nella tua testa, dopo magari innumerevoli tentativi e fallimenti.

Penso che sia veramente difficile riuscire a spiegare Oxygen Not Included nel dettaglio. Penso che solo guardandolo e giocandoci si possa capire la grande profondità e difficoltà che il gioco ci mette di fronte. Certo esiste anche la modalità semplificata ed il sandbox, ma vi assicuro che nulla potrà mai battere la soddisfazione di realizzare una partita classica in survival.

Consiglio assolutamente questo gioco a chiunque ami i manageriali, a patto ovviamente di avere un minimo di pazienza nelle fasi iniziali di apprendimento. ;)

8

Voto assegnato da Icepolar
Media utenti: 8.5

Icepolar

ha scritto una recensione su Wolfenstein: Youngblood

Cover Wolfenstein: Youngblood per PC

Perchè?!

Wolfenstein: Youngblood è uno sparatutto in prima persona simile a tutti gli altri capitoli della famosa serie videoludica, stessa veste grafica di New Colossus, stesso ottimo sistema di shooting, buona ambientazione, eppure c'è qualcosa in questo titolo di molto sbagliato. Infatti all'interno del gioco non ci troviamo davanti solo a cose già brevettate dai suoi predecessori ma a delle meccaniche nuove che sono state inserite solo e soltanto per forzare l'esperienza co-op in un titolo nato per essere single player. Ed ecco che all'improvviso i nemici hanno i livelli, che viene introdotto un finto open world, che l'approcio stealth fallisce solitamente dopo 30 secondi in qualsiasi contesto, che la storia diventa forzata e solo di contorno.

E proprio riguardo alla storia, questo capitolo è ambientato in un ipotetico futuro in cui le figlie di William Blazkowicz si recano a Parigi alla ricerca del padre. Idea carina, poteva diventare uno spin-off ottimo proprio per iniziare magari una storia parallela a quella degli altri capitoli, ed invece hanno creato la trama più banale, stupida e mal scritta possibile giusto per dare un senso a quello che i giocatori devono fare. Se infatti in New Order e New Colossus ho passato le ore a ridere davanti alle situazioni strampalate e surreali che venivano presentate, in questo capitolo tutto cade nel cringe, inserendo anche spoiler riguardanti quello che potrebbe essere un eventuale nuovo capitolo con Blazkowicz come protagonista.

I livelli, per quanto graficamente ben realizzati, in alcuni casi non sono solo identici tra di loro, ma ti chiedono di fare sempre le stesse due cose. Per fare un esempio: è come se all'interno di un gioco si invita il giocatore ad andare al supermercato a comprare il latte, e dopo un ora passata a completare questa quest lo si invita nuovamente a comprare il latte, ma questa volta in un supermercato di una catena diversa, ma quasi identico. Bastava veramente poco per differenziare le missioni principali, ed invece no, sembra che hanno voluto apposta renderle il più identiche possibile. Ci voleva giusto un poco di fantasia. Ci sono 4 zone nel mondo di gioco, tutte e 4 esplorabili da subito, e tutte e 4 presentano una torre "roccaforte". Indovinate cosa bisogna fare per finire il gioco. Ci voleva tanto a creare una storia lineare, con una trama fatta bene, godibile in co-op senza inserire cose da GDR in una delle saghe più iconiche per quanto riguarda gli shooter?!

Personalmente ho giocato tutta l'esperienza insieme ad un amico, completando le quest secondarie, e fermandoci anche a raccogliere i collezionabili. Abbiamo completato il gioco in 10 ore. Ringraziamo che almeno hanno avuto la decenza di venderlo a 30€ data la scarsa durata e impegno impiegato nella realizzazione.

Vi consiglio di giocarlo giusto se avete qualcuno con cui giocare assieme. In single player ve lo sconsiglio caldamente. Recuperate New Colossus piuttosto.

6

Voto assegnato da Icepolar
Media utenti: 7.1

Non ci sono interventi da mostrare.