Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Icepolar condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Icepolar, aggiungilo agli amici adesso.

Icepolar

ha scritto una recensione su Metro Exodus

Cover Metro Exodus per PC

Inizio questa recensione dicendo che mi sbagliavo di grosso. Infatti, fino al giorno d'uscita di questo titolo io continuavo a sostenere che un Metro ambientato al di fuori del suo "contesto" (la Metro di Mosca) e con addirittura l'aggiunta dell'open world sarebbe stato un grandissimo errore. Ebbene, il vero errore è stato proprio pensar questo. Metro Exodus infatti non solo ci porta a visitare luoghi estremamente interessanti e ben realizzati, ma riesce perfino a farci dimenticare i tunnel della metropolitana dei primi due capitoli senza farceli assolutamente rimpiangere.

In questo capitolo di Metro prendiamo nuovamente i panni di Artyom, che non riesce a darsi pace all'idea che Mosca sia l'ultimo luogo al mondo in cui la specie umana riesce a sopravvivere. Lo scopo della nostra avventura, che durerà all'incirca una ventina di ore, sarà infatti proprio quello di riuscire a mettersi in contatto con altre colonie umane al di fuori di Mosca, intraprendendo un viaggio che ci porterà da un ambientazione ad un altra passando per tutte le stagioni dell'anno. Metro Exodus infatti non presenta solo un fantastico sistema meteo dinamico, ma anche un bellissimo ciclo giorno/notte che riesce effettivamente a modificare il gameplay a seconda dell'orario in cui decideremo di effettuare determinate azioni. Inoltre come accennato ci ritroveremo nella nostra avventura ad attraversare tra tutte le stagioni dell'anno, cosa che renderà molto diversificati i vari livelli di gioco.

L'open world di Metro Exodux non è il classico open world che tutti immaginiamo (grazie al cielo), ma delle specie di "livelli aperti" in cui si avrà la possibilità di esplorare liberamente delle grandi zone di mondo, che per completare la main quest ci ritroveremo a visitare completamente (motivo per cui girare a caso ha poco senso).

Il sistema di crafting è molto semplice ed assolutamente non invasivo. Oltre a permettere di poter modificare il proprio armamentario (di cui molte armi dei capitoli precedenti fanno parte) ci permette di creare medikit o filtri per la maschera a gas.

A livello grafico e narrativo penso veramente che i ragazzi di 4A Games migliorino ad ogni titolo che sfornano. Dal primo capitolo di Metro a quest'ultimo sono stati fatti veramente dei passi da gigante. Il gioco infatti non è solo una gioia per gli occhi, ma anche a livello di trama. Non saprei dire se a migliorare è stato l'adattamento delle novelle di Dmitry Glukhovsky, o proprio le novelle stesse, ma il miglioramento si nota tantissimo. Questo capitolo è riuscito stranamente a farmi provare un minimo di interesse in più verso i personaggi al suo interno, che non solo risultano ben caratterizzati, ma anche migliorati dal punto di vista visivo. Per esempio, non ho idea di cosa abbiano fatto ad Anna, ma nella versione odierna è mille volte meglio.

Un plauso va fatto per la cura del roleplay, cosa che in questi anni viene sempre più messa in secondo piano in questo genere di giochi. Veramente ottima e ben curata in ogni dettaglio, così tanto che ci sono letteralmente interi livelli di gioco basati unicamente sul girare all'interno di un ambiente e parlare con i vari personaggi.

L'unica pecca sono alcuni bug tecnici ogni tanto legati ai salvataggi automatici o ad alcune scene scriptate, ma niente che non sia fixabile con una patch che spero arrivi presto.

Spero veramente, vedendo il finale, che questa serie vada avanti perchè vedendo il lavoro svolto fino ad oggi il prossimo capitolo riuscirà sicuramente a superare l'ottima qualità di questo appena uscito.

Non ci sono interventi da mostrare.