Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Eidos Montreal e prodotto da Square Enix, Deus Ex: Mankind Divided è uno sparatutto in 1a persona uscito il 23 agosto 2016 per PlayStation 4.

Siamo nel 2029 e l'età dell'oro dei potenziamenti è finita. Gli esseri umani potenziati sono stati dichiarati fuorilegge e vivono completamente segregati dal resto della società.

Adam Jensen è ormai un esperto agente dell'antiterrorismo, ma si muove in un mondo che disprezza quelli come lui. Dotato di un nuovo arsenale di armi e potenziamenti di ultima generazione, dovrà scegliere una strategia e capire di chi può fidarsi veramente per riuscire a sventare una cospirazione mondiale.

8.1

Recensioni

38 utenti

Matthews

Matthews ha scritto una recensione su Deus Ex: Mankind Divided

Cover Deus Ex: Mankind Divided per PS4

Finalmente dopo un anno sono riuscito a dedicare il giusto tempo ad un gioco come Mankind Divided per portarlo a termine. Ne sarà valsa la pena? Mankind Divided è ambientato 2 anni dopo gli eventi narrati in Human Revolution, riprendendo in modo diretto gli avvenimenti anche all’inizio del gioco con un lungo filmato esplicativo che riprende gli eventi del capitolo precedente. I potenziati sono nell’occhio del ciclone e son visti male dalla società, in questo scenario l’agente Adam Jensen cercherà di sventare un complotto che vede coinvolta l’agenzia per i diritti dei potenziati. Il gameplay è in linea con quanto mostrato in Human Revolution, confermandosi di ottimo livello, ma con un necessario ambientamento iniziale, una volta fatto sarà un piacere giocarci. Le ambientazioni presentano di fatto dei livelli sandbox nei quali sarà possibile completare anche delle missioni secondarie prima di proseguire nella storia principale, seguendo quindi un modello presenti anche in giochi come Dishonored, consentendoci quindi di sbloccare nuovi potenziamenti per il nostro protagonista consentendoci di completare il gioco con minori difficoltà. Interessante il sistema dell’inventario, che ricorda un po’ quelli di Resident Evil, con uno spazio da gestire ed amministrare al meglio. Molto interessante è stata l’idea alla base dei potenziamenti: non è possibile scegliere tutto liberamente, ma alcuni potenziamenti sovraccaricheranno il sistema e sarà necessario disattivare in modo permanente per rendere il tutto stabile, personalizzando di conseguenza Jensen in base alle nostre esigenze a al nostro modo di giocare. Passando al lato tecnico qualcosa c’è da dire: la grafica a livello generale è di discreto/buon livello, ma quello che spiazza in senso negativo sono i volti: alcuni modelli, come ad esempio Jensen, sono fatti in maniera divina, altri li considero semplicemente orribili. Presenti anche delle scene nelle quali il personaggio parla, ma non c’è riscontro nei movimenti della bocca. Il sonoro è buono, ma i dialoghi hanno un volume estremamente basso e a volte non tutto quello presente nei sottotitoli viene ripetuto nei dialoghi.

PRO:

-GAMEPLAY: il gameplay è molto buono, divertente e interessante

-POTENZIAMENTI INTERESSANTI: già detto come i potenziamenti li ho trovati molto interessanti perchè permettono di adattare il personaggio alle proprie esigenze

CONTRO:

-VOLTI: c’è poco da fare, i volti sono bruttarelli, ad eccezioni di pochi come Jensen, che tra l’altro è fatto molto bene

-DIALOGHI: i dialoghi potrebbero essere fatti meglio, un po’ macchinosi, a volume basso e non sempre coincidono con i sottotitoli

Ludopatia

Ludopatia ha pubblicato un'immagine nell'album Ludoimmagini riguardante Deus Ex: Mankind Divided

Sabato sera a casa senza nessuno
Birra e droga ci sono
Voglia di deus ex anche
Ma la gioia non è di casa oggi

Vauxhall

Vauxhall ha scritto una recensione su Deus Ex: Mankind Divided

Cover Deus Ex: Mankind Divided per PS4

Ci risiamo

Dopo la mia personale delusione con Human Revolution, credo che non avrei mai comprato questo Mankind Divided ma, il plus ce lo ha dato e quindi l'ho provato. L'impatto iniziale è stato decisamente migliore di quello avuto col suo predecessore. Esteticamente molto più aggraziato di tutto quel giallo di HR. Dopo un intro interessante ho deciso di provarlo e sembrava andar meglio. E in effetti è meglio ma già dopo le prime missioni, tutorial perlopiù, mi sono completamente perso nei comandi e potenziamenti. Troppo, e troppo incasinato. Comandare e gestire Adam è davvero laborioso e diventa noioso. Insomma, ci ho lasciato perdere. Ovviamente per quanto ci ho giocato non posso bocciarlo perché dedicandocisi seriamente potrebbe risultarne un titolo davver valido ma, non posso neanche promuoverlo perché un neofita come me viene frenato subito da un incasinamento di comandi che lascia un poco spiazzati.

Non ci sono interventi da mostrare.