Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover The Long Dark

Sviluppato e prodotto da Hinterland Studio Inc., The Long Dark è un titolo gestionale uscito l' 1 agosto 2017 per PlayStation 4 · Pegi 16+

The Long Dark è un'intuitiva esperienza di esplorazione alla ricerca della sopravvivenza che sfida i giocatori singoli a pensare con la propria testa mentre esplorano un deserto espansivo ricoperto di ghiaccio. Monitora il tuo stato, cerca provviste salva-vita e padroneggia abilità di sopravvivenza come la capacità di creare il fuoco, mantenere la tua attrezzatura, andare a caccia, praticare la pesca e navigare sulla base di punti di riferimento geografici. Non ci sono zombi: solo tu, il freddo e il gelo e tutto ciò che Madre Natura avrà in serbo per te. Il sandbox Steam Early Access di successo diventa il primo gioco di sopravvivenza disponibile su Xbox One!

Recensioni

Oldboy

ha scritto una recensione su The Long Dark

Cover The Long Dark per PC

"Avvolti nelle coperte aspettarono che quell'oscurità senza nome li coprisse col suo manto..."
(Cormac McCarthy, La Strada)

Sebbene sia rinchiuso già da molto tempo nel limbo dei prodotti ad accesso anticipato, si può affermare senza timore che The Long Dark, gioco prodotto da Hinterland Studios, sia riuscito a ritagliarsi comunque una certa fetta di appassionati nel mondo videoludico e in quello dei survival games.
Sostanzialmente, il gioco chiede soltanto una cosa: restare vivi il più a lungo possibile. Prenderemo infatti il controllo di un sopravvissuto nelle fredde e sperdute regioni del Canada, costretto a muoversi in un ambiente ostile e mutevole (oltre che in una mappa sconfinata e in cui abbiamo una totale libertà di movimento).
C'è da precisare che quando intendo "ostile" non mi riferisco all'affrontare ipotetiche creature fantasiose e sovrannaturali. No, l'idea alla base di The Long Dark, semplice ed efficace, è mettere il giocatore a confronto con la natura che lo circonda e con le sue esigenze fisiologiche. Come un moderno Robinson Crusoe, in questo gioco dovremo costantemente prenderci cura di noi stessi senza poter contare su eventuali aiuti esterni. Dovremo ad esempio evitare di patire la fame o la sete, mantenerci al riparo dal freddo (trovando luoghi chiusi, sfruttando vestiti pesanti, accendendo un piccolo falò), tenerci stabilmente in salute (ferite e malattie possono colpire il giocatore in qualsiasi momento) e dovremo anche tenere conto della fauna locale, perché incontrare un branco di lupi o un grizzly mentre siamo fuori a raccogliere legna per il fuoco non è di certo un'esperienza piacevole. Senza dimenticare poi tutta una serie di attività da poter eseguire per mantenere soddisfacente la nostra routine quotidiana: cacciare, pescare, costruire piccoli attrezzi, riparare oggetti, cucire e tanto altro.
Sul fronte tecnico il risultato è più che positivo: graficamente The Long Dark non farà magari gridare al miracolo, ma sa colpire ugualmente il giocatore per la sua particolare messa in scena (uno stile grafico cartoonesco, con colori molto marcati ed accesi, decisamente in contrasto con l'atmosfera cupa e "solitaria" del gioco) e per gli splendidi effetti di luce (basterà accendere un fuoco al buio, guardare un tramonto o un'alba per rendersi conto dell'ottimo lavoro fatto). Nulla da rimproverare poi al comparto sonoro: nel gioco spiccano i realistici rumori ambientali, che sono resi in maniera incredibilmente efficace (se ad esempio vi state avvicinando a una cascata sentirete l'acqua sgorgare copiosamente, se un lupo vi sta puntando da vicino lo sentirete ringhiare e abbaiare, se camminerete su qualche centimetro di neve sentirete perfino i vostri stessi passi).
Per quanto riguarda gli aspetti negativi, al gioco pesa sicuramente la mancanza di una modalità storia (che è comunque in lavorazione) e affrontare ripetutamente la semplice modalità libera potrebbe stancare il giocatore sul lungo termine. Forse proprio per sopperire a questa mancanza, i ragazzi di Hinterland hanno da poco introdotto le cosiddette Challenges. Si tratta in pratica di portare a termine dei compiti specifici, come visitare un certo numero di località presenti sulla mappa, sopravvivere per tot giorni a una tempesta di grande portata oppure scalare una montagna per sparare un razzo e contattare così i soccorsi. Grazie a questa modalità saranno accontentati anche i giocatori più esigenti, che vogliono garantita una certa varietà nell'approccio alla partita.
Ma la vera bellezza di The Long Dark è data senz'ombra di dubbio dall'atmosfera generata dal contesto. Chi brama un'azione persistente nei videogiochi si troverà sicuramente annoiato da questo titolo. Chi ama l'esplorazione, il senso dell'avventura in solitaria, il pericolo generato dall'ignoto troverà invece in questo gioco una vera e propria esperienza.

Non ci sono interventi da mostrare.