Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

RedfieldUchiha condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere RedfieldUchiha, aggiungilo agli amici adesso.

RedfieldUchiha

Gioco abbastanza divertente all'inizio, ma quanto è ripetitivo.😣
Ogni caso è identico all'altro in tutto e per tutto.
Il contesto e il tema trattato sono anche interessanti, ma uno sviluppo più veloce della trama no, eh? Sto a quasi 25 ore di gioco e ancora le missioni principali riguardano casi random senza alcuna continuità. Non so se riuscirò a finirlo

RedfieldUchiha

ha pubblicato un video riguardante Resident Evil HD Remaster in Serata Ost

ost della settimana: eterno ritorno

Resident Evil Remake Save Room (Safe Heaven) 1 Hour

An hour long loop of this relaxing and calm song that still sounds a lot like the original. Just listen it, forget all your problems and slowly fall asleep

RedfieldUchiha

ha scritto una recensione su Resident Evil 5

Cover Resident Evil 5 per PC

Parlare di Resident Evil 5 è un po' difficile, questo sarà un discorso abbastanza lungo.
Da una parte abbiamo un gameplay completamente stravolto rispetto ai titoli originali (anche se la colpa dovrebbe ricadere su Re4 in quanto per primo ha portato questo cambiamento, ma per qualche strana ragione la colpa viene data al 5), mentre dall'altra ha una storia che si collega alla perfezione con i titoli usciti su PS1 (a differenza del 4 che aveva una storia a sé), che offre interessanti approfondimenti sulla nascita della Umbrella, sulla creazione del virus Progenitor (virus sperimentale da cui è poi nato il virus-T) di cui si parla per la prima volta in Resident Evil 0, ma soprattutto sul background di Alber Wesker e Spencer di cui fino a quel momento si sapeva veramente poco o niente. In breve la storia parte con Chris che si reca in Africa per fermare un trafficante di armi biologiche che sta usando la popolazione locale per testare un nuovo virus, creato con i parassiti scoperti da Leon in RE4. Sembra quindi essere una storia slegata dagli eventi di RE1-2-3, ma andando avanti si scoprirà che dietro a tutto c'è Albert Wesker e che è proprio lì che è nata la Umbrella Corporation.
Il gameplay è pressoché simile a quello del 4, ma con evidenti miglioramenti nei movimenti e nello shooting e con l'introduzione della modalità co-op che diverte molto. Un po' particolare è il discorso dell'IA del partner se si gioca in single player invece che in co-op. Per chi gioca il titolo per la prima volta potrebbe sembrare più una deficienza artificiale, mentre in realtà basta soltanto capirne il funzionamento per farla funzionare bene. Non mi metto adesso a spiegare il suo funzionamento nei dettagli altrimenti verrebbe un discorso lungo, accenno soltanto al fatto che si basa su un sistema di "fiducia" (devi quindi curarla appena subisce dei danni, darle munizioni quando te le chiede, affidarle armi più potenti o soccorrerla subito quando è in pericolo) e usare bene i comandi "attacca" e "copri".
Le ambientazioni non sono ai livelli dei titoli precedenti,
colpa forse del fatto che il tutto si svolge durante il giorno, ma riescono comunque a darti quel senso di ansia e tensione che caratterizza la saga (soprattutto nei villaggi tribali).
I puristi della saga vedono il 5 come un insulto alla saga (strano però che considerino invece il 4 uno dei migliori, visto che il 5 è letteralmente identico), complice anche il fatto che chi ha giocato i primi in maniera superficiale crede che è un gioco di zombie, quando invece è molto più complesso di questo. In realtà se si va a scavare nella lore di RE si scopre che tutto questo cambiamento ha senso. La Umbrella ha iniziato i suoi esperimenti con lo scopo di creare dei super-umani. Una razza superiore con capacità fisiche e mentali sovraumane. Wesker era il soggetto principale su cui stavano lavorando per la creazione di questa razza superiore, quindi ovviamente ha voluto portare avanti le ricerche così da poter completare il processo.
Sono partiti con la creazione involontaria di creature simili a zombie (sottolineo "simili a zombie", perché viene specificato che non sono effettivamente zombie e che tale nome gli viene attribuito perché hanno caratteristiche simili) ed è plausibile che dopo anni e anni di ricerche abbiano ottenuto dei progressi, arrivando così a creare i Majini (ancora simili a zombie, ma con un'intelligenza quasi normale che gli permette di usare armi varie) che incontriamo nel 5.
Un'altra critica viene fatta al gameplay troppo action (e di nuovo qui nomino Resident Evil 4 che allo stesso modo è più action, ma viene osannato). Personalmente non critico questo aspetto, perché ancora una volta questo cambiamento ha senso se vogliamo seguire in modo logico la lore della saga e lo sviluppo degli eventi (insomma, Chris ormai è un supersoldato esperto nella lotta alle armi biologiche della Umbrella, non puoi aspettarti che vada in missione disarmato e spaventato da ciò che incontra. Non a caso con l'introduzione di Ethan Winter in RE7 sono tornati a un gameplay più classico), tuttavia però comprendo il perché di questa critica. Resident Evil è nato come un survival horror puro e, se hai amato i primi Resident Evil grazie al loro gameplay, questo cambiamento fa storcere parecchio il naso. CCredo di aver accettato questo cambiamento perché ciò che mi ha fatto amare questa saga non è stato solo il gameplay, ma soprattutto la storia .

8

Voto assegnato da RedfieldUchiha
Media utenti: 6.6 · Recensioni della critica: 8

RedfieldUchiha

ha scritto una recensione su GhostWire: Tokyo

Cover GhostWire: Tokyo per PC

Idea e tematiche interessanti, ma poco sfruttate.

Ripeto che non vuole essere una recensione obiettiva,a un mio parere personale sul gioco.

Sono sempre stato ispirato dalla mitologia giapponese, dalle varie leggende metropolitane e tutto l'occulto riguardante quella cultura. Per questo motivo ho deciso di comprare questo gioco.
Nonostante le tematiche interessanti, non posso dire di aver apprezzato molto questo titolo.
Le tematiche vengono trattate in maniera troppo superficiale, ma superficiale è anche il gameplay.
Nel gioco troviamo diversi Yokai da catturare o spiriti da combattere (e il difetto maggiore direi che è proprio questo. Ci sono solo 4 tipologie di nemici che si ripetono all'infinito con al massimo una colorazione diversa), però vengono messi lì a caso per essere catturati/uccisi e basta. Mi sarei aspettato una storia per ognuno di loro, un qualche tipo di background o simili, ma non c'è nulla di tutto questo (anzi, c'è una specie di archivio in cui viene fatta una brevissima descrizione di ognuno, ma che non dà informazioni interessanti). In una delle boss fights c'è lo spirito di una famosa leggenda metropolitana (la tipa con la bocca fasciata che nasconde un taglio e che secondo la leggenda fa lo stesso taglio alle sue vittime). Quando l'ho vista mi aspettavo che raccontassero la sua storia, ma invece niente. Appare, la uccidi e finisce là. Un vero peccato, avrebbero potuto sfruttare meglio questo tema.
Il gameplay pure è molto superficiale. Si ha a disposizione solo 3 tipi diversi di attacchi, uno a raffica, uno ad area e uno esplosivo. C'è anche un arco, ma è abbastanza inutile e soprattutto ha un feedback dei colpi inesistente. È impossibile capire se hai colpito il nemico o meno. Il combat system all'inizio mi ha divertito abbastanza, ma dopo un po' inizia a farsi sentire la monotonia a causa dei pochi attacchi disponibile e la scarsa varietà di nemici.
Potevano evitare l'open world e fare un gioco lineare, sarebbe stato sicuramente molto meglio e più godibile. Questo perché è un openworld annacquato, con pochissime attività da svolgere molto ripetitive.
Un punto a favore per la storia, che però si svolge troppo di fretta. Potevano soffermarsi e fare qualche approfondimento in più.

Tutto sommato è un titolo che si lascia giocare se non si hanno molte pretese. Lo trovo più un titolo da "cazzeggio", da non giocare quindi con impegno.

6.7

Voto assegnato da RedfieldUchiha
Media utenti: 7.3 · Recensioni della critica: 8

Non ci sono interventi da mostrare 😔