Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Il segreto di Death Stranding passa per la chiralità

Come apprendiamo da Wikipedia “la chiralità (dal greco χείρ, “mano”) è la proprietà di un oggetto rigido (o di una disposizione spaziale di punti o atomi) di essere non sovrapponibile alla sua immagine speculare. In chimica è detta chirale una molecola non sovrapponibile alla propria immagine speculare nelle tre dimensioni”.

Un concetto certamente molto interessante, ma forse poco attinente con il mondo PlayStation. Forse, perché Kojima Productions ha cinguettato contenuti molto interessanti in questo senso. Nei trailer di Death Stranding i più attenti di voi avranno notato che c'è una certa morbosità per le mani del protagonista, ma alcuni tweet gettano ancora più ombra, se possibile, sulla loro importanza. Ve li lasciamo di seguito, alternati alla loro traduzione in italiano. E' veramente difficile decifrare cosa vogliano dire, ma probabilmente il gioco in rete sarà utilizzato come mai in precedenza:

La mano destra e la sinistra sono immagini speculari della stessa cosa. A ogni modo non sono perfettamente identiche, infatti non possiamo sovrapporle del tutto. Questa cosa si chiama chiralità, per cui un oggetto dotato di questa particolarità viene chiamato chirale.

#DSStories 21 The left hand and the right hand are mirror images of themselves. However, they aren't exactly the same, as they can't be superposed. This characteristic is called chirality, and something with chirality is said to be chiral. pic.twitter.com/cI3gGM6SC0

— Kojima Productions (@KojiPro2015_EN) June 29, 2018

Per esempio, nel Buddismo unire le mani per pregare ha un significato simbolico: la mano destra è del Buddha mentre la sinistra appartiene alla persona che prega. Per cui quando le mani sono unite si diventa un tutt'uno con il Buddha.

In svariate culture stringersi la mano simboleggia dunque amicizia reciproca, tuttavia le mani che sono chirali l'una rispetto all'altra non possono stringersi. Come faresti in un mondo in cui non potresti più “tenere per mano”? Come vivresti in un mondo che non sia più connesso?

#DSStories 22 For example: in Buddhism, putting hands together to pray has a symbolism: the right hand being that of Buddha and the left hand being that of the person. Putting together the hands to pray symbolizes becoming one with Buddha. pic.twitter.com/VdpDwokh8V

— Kojima Productions (@KojiPro2015_EN) June 29, 2018

#DSStories 23 In many cultures, a handshake symbolizes mutual friendship. However, hands that are chiral images of each other can't handshake. What would you do if you couldn't "hold hands" anymore? How would you live in a world that isn't connected? pic.twitter.com/0nD3LrqicH

— Kojima Productions (@KojiPro2015_EN) June 29, 2018

Continua la lettura su www.playstationbit.com

PlayStation Bit 15 settembre alle 17:10

Condiviso da Grice e altri 2.Piace a 6 persone

Forestiero83

 

MiSERiACCiA se si va sul pesante. Lasciare certi creatori a briglia sciolta, ECCO di cosa hanno bisogno i videogiochi tutt'oggi.
Potrebbero diventare popolari quanto film e libri, sentirne parlare ai telegiornale, con mostre al pari della biennale di Venezia.

Forestiero83

 

@Neve Valkoinen
Sì, in gran parte son d'accordo (e Fortnite ne è un GRANDE esempio).
Tuttavia, vi son anche vari creatori che potrebbero dar di più, forse legati più al VIL denaro che ad altro.

Ad esempio, mi piacerebbe veder cosa potrebbero crear i grandi sviluppatori Nintendo, se riuscissero per un attimo a distaccarsi dalle loro amatissime serie centenarie.

Scrivi un tuo commento