Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

“Cerchiamo di vendere emozioni”: negozio di Lucca riduce le ricariche digitali in vendita per Fortnite

Il (virtuoso) negozio specializzato in videogiochi, Space One, presso Lucca, ha pubblicato un messaggio sulla sua pagina Facebook per comunicare la riduzione del servizio di vendita di ricariche digitali. Il motivo? Fortnite e i problemi di ludopatia che, a detta di qualcuno, il titolo Epic Games sta creando (Mesut Özil ne sa qualcosa).

I gestori del negozio hanno raccontato di stare assistendo sempre più spesso a fenomeni preoccupanti che non hanno niente a che vedere con lo spirito con cui hanno aperto il negozio, come scritto nel messaggio su Facebook di seguito riportato nella sua interezza. Ciò che hanno fatto questi due ragazzi è bello, pulito, altruistico. Ma una domanda sorge spontanea: i genitori che dovrebbero impartire un'educazione ai propri figli… dove sono?

Continua la lettura su www.playstationbit.com

PlayStation Bit 2 gennaio alle 17:50

Ludopatia

 

Non ha senso
È come se appendo un cartello fuori dal negozio con scritto "non faccio infiniti e soffioni, tatuo solo emozioni"
Non. Ha. Senso.

Bryce Bellesi

 

@Axel3601
Magari il negozio ci guadagna di più facendo vendite di videogiochi e accessori per Playstation 4 e Xbox in fondo le ricariche che si acquistano in negozio servono per qualche DLC ho gioco acquistato sul Playstation Store

Axel3601

 

@Bryce Bellesi riportando parole di negozianti, è una linea sottile, spesso ti ruba anche i lcliente perché ch iregala la ricarica ad un amico semplicemente evita che acquisti u nvideogioco da lui, ci perdono molto, è moltro controversa la loro vendita infatti, è che purtroppo non averle coi normie fa brutta figura.

Monsty

 

Ma infatti non è una guerra contro Fortnite, ma contro lo spreco di soldi per contenuti fondamentalmente inutili come le skin

Svyturis

 

@Monsty scusa eh , ma quello che per te sono solo cose inutili magari per qualcun'altro può essere invece un divertimento , chi ci da il diritto di opporci a questo ? E perché? Sono soldi loro . Non ci dimentichiamo che stiamo parlando di un freetoplay , uno dei pochi fra l'altro che non da vantaggi pagando . Poi che ci debba essere un controllo sui minori e quasi bambini che ci giocano siamo d'accordo ma questo non spetta ai commessi dei negozi . Secondo me a loro non sta bene questa faccenda perché se la gente comprasse altro invece che queste ricariche guadagnerebbero di più. La trovo una faccenda ipocrita

Hafufu

 

@Axel3601 considerando la frequenza con cui si effettuano le ricariche - quantomeno nella mia città - e presupponendo che a Lucca sia presente un Gamestop dove si può effettuare una ricarica di Fortnite, non capisco in che modo rifiutarsi di offrire questi servizio sia:
A) bello, pulito e altruistico
B) aiuti la ludopatia
C) favorisca un ipotetico guadagno

Prova a dire ad un cliente intenzionato a fare ricarica Fortnite che non le fai, magari spiegandogli che vuoi combattere la ludopatia. Sicuro non ce lo rivedi lì, e di conseguenza perdi un cliente che acquisterà altrove la prossima volta - non solo le ricariche.
Ripeto: il problema è radicato nell'educazione dei figli da parte dei genitori che acconsentono ad acquisti impropri, con una tutela fallace dei prodotti che adoperano quotidianamente quando, con un minimo di accortezza e informazione, è un fenomeno controllabile.
Poi se è un accanimento verso Fortnite è un altro conto perché sembra che remare contro questo fenomeno sia meglio di provare a comprenderlo dato che, d'altronde, è anche più facile - e per comprenderlo non dico che ci si debba necessariamente giocare.
Riportandoti un fenomeno che vivo ogni giorno: mia sorella, 12 enne, non ricarica neanche 10 euro al mese sul gioco.
Gioca e si diverte su Fortnite con gli amici di scuola.
Spendiamo molto meno in prodotti videoludici rispetto a prima dato che una ricarica soppianta lo sborso dei canonici 60/70€ per un gioco nuovo.
Oltre Fortnite si dedica anche ad altro.
La tossicità è generata dalla gente e non dal sistema. sisi

Svyturis

 

@Hafufu appunto , l'esempio della sorellina è perfettamente calzante ed è quello che fanno il 99% dei ragazzini che giocano a fortnite . Per favore lasciateli in pace ..Questo accanimento è veramente fuori luogo e assurdo .

Felicio Mastroborra

 

Raga era solo una trovata pubblicitaria eh
Questi stanno solo a cavalcare la fama di fortnite
Sono pure andati a informare i giornali locali per beccarsi una mezza pagina di articolo rotfl patetici

Scrivi un tuo commento