Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

LucaLink condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere LucaLink, aggiungilo agli amici adesso.

LucaLink

ha scritto una recensione su Soma Bringer

Cover Soma Bringer per DS

Finalmente avuto modo di recuperare questa gemma dimenticata dall'occidente, in occasione dell'anniversario di -dio l'abbia in gloria- Monolith.

Tempo pochi secondi dall'inizio, e già il gioco richiede gravi decisioni: personaggio da usare e classe che condiziona armi usabili e abilità. Io per andare sul sicuro ho preso il protagonista e la sua classe di default, ma ogni combinazione è possibile.
Se vi aspettate un jrpg basilare con party da accrescere e compagni utilizzabili e gestibili, ricredetevi. Del vostro party di 3 controllerete e gestirete sempre e solo il vostro personaggio, e tutto il gruppo (o quasi) è già disponibile fin dall'inizio, come squadra già affermata.

Questo perché il modo più consigliato per godere del gioco è il 'Multiplay': all'avvio del gioco si forma un gruppo in wireless locale, fino a tre giocatori, e insieme si va ad affrontare lunghi dungeon affettando qualunque cosa si pari davanti. Ovviamente è opzionale, e se non se ne fa uso come me, dei compagni sarà possibile sbloccare e selezionare solo nuovi stili e set di abilità; per la maggior parte del tempo saranno utili solo come diversivo e farete voi il 90% del lavoro.

Il gameplay si fonda molto sul loot randomizzato, sconfiggendo nemici si ottengono spesso equipaggiamenti con stat boost casuali, e spesso conviene tornare alla base per liberarsi la borsa e vendere gli oggetti inutili, ovvero quasi tutto quello che troverete tranne ogni tanto quel particolare equip fortunato. Se siete in multiplay, potete scambiare gli oggetti con gli altri giocatori.
Per il resto si ripuliscono tutte le aree con combattimenti action, si expa, si livella e si assegnano nuovi punti alle stat. Non ne sono esperto ma ho sentito spesso paragonarlo ai Diablo.

Non raggiungerà in magnificenza le loro produzioni migliori, ma la OST è ottima (infatti ora me la risento), e man mano che la storia si dipana prende sempre di più, fino ad un finale davvero toccante.

LucaLink

ha pubblicato un'immagine nell'album varie riguardante Shantae and the Seven Sirens

Scrivete anche voi qualcosa a wayforward perché è imbarazzante vedere ancora usare google translate in malo modo di questi tempi, se non possono pagare un traduttore lasciassero in inglese e pace.
Se non capite, il testo del tasto giallo era "Resume" in inglese, e naturalmente non è l'unico problema.

Fonte: https://twitter.com/FrancescoDonald/stat …

Non ci sono interventi da mostrare.