Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Immagine di sfondo Premi sull'immagine e trascinala per spostarla

Su ARB - Informazione e cultura videoludica (Comunità)

ARB è un canale YouTube avviato alcuni anni fa con l'intento di raccogliere una piccola ma affiatata community di discussione ed approfondimento sul videogioco.

ARB - Informazione e cultura videoludica

Cerco di spiegarmi meglio sulla questione del crunch dell'ultimo post:

Non sto dicendo che tutto è bello e tutto deve prendere 10/10. Ho parlato nello specifico di "chiudere un occhio sul dettaglio", di "perfezione tecnica" e di "pretesa di longevità".

Esempi random:

- In AC: Unity mi ha dato enormemente fastidio il pessimo modo in cui viene trattata la Rivoluzione Francese.

- I filmati di Elex sono osceni ed essendo pochissimi avrebbero tranquillamente potuto farne a meno.

- Il finale di Xenoblade Chronicles X mi ha fatto abbastanza schifo.

Queste sono tre critiche molto forti che farei su questi tre videogiochi e se dovessi recensirli sicuramente perderebbe punti sul voto a causa di questi problemi. Nessuno di essi è direttamente correlato col crunch, nessuno di essi per essere risolto necessità di più ore di lavoro e di più sfruttamento. Anche la critica a Elex, che è il titolo con meno budget e quindi più esposto a problematiche di questo tipo, non è correlata direttamente col crunch perché la mia soluzione non è "lavorate di più" ma "lavorate di meno".

Insomma il mio punto non è di non criticare o di accettare tutto, ma di fare analisi consapevoli di come funziona l'industria, pretendendo quando è sano (per l'industria stessa) farlo e chiudendo un occhio quando serve.

P.S. Detto questo, ritengo però (ma non è lo scopo del post) che, come priorità, la libertà di bocciare un videogioco venga comunque dopo quella di evitare che le persone siano trattate da schiavi.

-Giag

ARB - Informazione e cultura videoludica

Per risolvere il problema la cosa principale da fare è sviluppare forti e radicati sindacati in grado di combattere compatti per i diritti dei lavoratori nel settore videoludico. Senza questo e senza una forte critica all'attuale sistema di produzione non si arriverà mai a una soluzione.

Nel nostro piccolo, però, conoscendo il funzionamento malato del modo videoludico (ma non solo), credo che dovremmo pretendere di meno, accettare l'imprecisione, la meccanica un po' grezza, l'assett ripetuto. Dovremmo cercare di videre i videogiochi nel loro insieme, chiudere un occhio sul dettaglio, a volte anche macroscopico, non proprio rifinito o anche palesemente imperfetto. Finché l'industria soffrirà di questo morbo dobbiamo renderci conto che ogni pretesa di maggior perfezione tecnica, ogni pretesa di maggior longevità, è un'indiretta pretesa di schiavismo.

-Giag

ARB - Informazione e cultura videoludica

Visto che non ci facciamo mai sentire e gestiamo i social nel modo peggiore possibile, vi comunico in anticipo che molto probabilmente questo giovedì ci sarà l'ultimo Beer Talk prima della solita pausa di agosto.

Sì lo so, "pausa di agosto" fa ride perché stiamo facendo pochissimo/niente da mesi, ma non state a guardà il pelo su!

Comunque per far finta che stavolta non è completamente organizzata all'ultimo secondo vi dico che l'argomento che abbiamo pensato di trattare sarà una roba trita e ritrita su gusti, soggettività, oggettività e altra zozzeria affine, ma promettiamo di impegnarci a non dire cose troppo scontate e a rendere il discorso un minimo interessante.

Se volete però potete suggerire qualche altro argomento qui sotto nei commenti così da risparmiarci i secondi di imbarazzo quando aspettiamo invano che qualcuno scriva qualcosa in chat.

Bella ☭

Non ci sono interventi da mostrare.