Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Capcom, Monster Hunter: World è un gioco di ruolo uscito il 26 gennaio 2018 per PlayStation 4 · Pegi 16+ · Link: store.playstation.com

Ogni dieci anni, i draghi anziani migrano verso il Nuovo Mondo, compiendo ciò che viene definita "la traversata degli anziani". A bordo della Quinta flotta incontriamo il protagonista di questa storia, un cacciatore che sta per imbarcarsi nel più grande viaggio della sua vita.

Affronta mostri minacciosi in vasti habitat. Accetta incarichi e dai la caccia a feroci creature in un'incredibile varietà di habitat.

Abbatti o cattura i mostri e ricavane materiali che potrai usare per forgiare armi e armature più potenti, e che ti aiuteranno ad affrontare minacce sempre più pericolose.

8.9

Recensioni

39 utenti

Recensioni

8.9

Media dei voti
39 recensioni degli utenti

Mark

Mark ha scritto una recensione su Monster Hunter: World

Cover Monster Hunter: World per PS4

Bello il Nuovo Mondo, ma preferisco il Vecchio

Inauguro il 2019 con una breve opinione (no, non è una recensione) sull ultimo capitolo di una delle saghe più influenti della mia “carriera” da videogiocatore, ovvero Monster Hunter.

World è essenzialmente il salto qualitativo che i fan (occidentali) attendevano fin dai tempi di Freedom Unite, ultimo capitolo uscito su PSP nel lontano 2009, epoca in cui Monster Hunter diede inizio alla propria ascesa e a espandere la propria fanbase. Certo, tutti noi ci siamo divertiti (e personalmente mi diverto tutt’ora) con i capitoli usciti successivamente su 3DS, ma ammettiamolo, per Capcom la scelta di farli uscire su 3DS è stata dettata semplicemente da fattori strategici, un modo per sfruttare l’enorme bacino d’utenza della console e spremere il marchio riciclando ancora una volta il vecchio engine e le vecchie meccaniche. Un vero e proprio balzo qualitativo non c’è mai stato per Monster Hunter, per più di 10 anni. Questo fino all anno scorso, quando Capcom decise che era finalmente giunto il momento del grande salto: grafica finalmente al passo con i tempi, nuove animazioni, nuovi pattern di attacco, nuove armi, nuove armature, nuovo gameplay, nuove mappe (finalmente a struttura aperta, senza caricamenti e suddivisioni in mini-aree)… un vero e proprio salto generazionale, un netto (e irreversibile) taglio col passato, ma senza dimenticare le proprie origini e senza tralasciare tutte le caratteristiche che hanno reso Monster Hunter una saga tanto amata (e imitata dalla concorrenza). Monster Hunter ha sempre fatto la scuola degli hunting game, è sempre stato un punto di riferimento per il genere, e con World il suo dominio ha definitivamente raggiunto il suo apice. Difficile ormai pensare che qualche altra IP riesca in qualche modo a scalfire il suo successo.

Tutta questa premessa per dire che, senza addentrarmi troppo in tediosi approfondimenti, questo Monster Hunter mi sarebbe piaciuto da impazzire anche se non fossi stato un fanboy, e il suo successo planetario l’ha dimostrato: è riuscito a conquistare letteralmente tutti, sia chi la saga la conosceva da tempi immemori sia chi Monster Hunter non l’aveva mai sfiorato nemmeno con un dito, e su questo bisogna dargliene atto, hanno fatto un lavoro immenso. Studiato (quasi) nel più piccolo dettaglio.

Un gioco enorme, divertente, accessibile, dinamico, sufficientemente strategico e adeguatamente impegnativo. Un mix esplosivo, che TUTTI dovrebbero almeno provare.

Ma quindi perché un voto cosi “basso”? Semplice: i pregi sono sotto gli occhi di tutti, e su questo non ci piove, ma da fan storico della saga (e zuccone tradizionalista e conservatore) ci sono troppe cose che mi hanno fatto storcere il naso, e troppe mancanze che non sono riuscito a digerire. Andrò quindi ad analizzare quello che non mi è piaciuto, dal momento che i pregi sono sotto gli occhi di tutti e, come ho detto, non intendo dilungarmi troppo.

Innanzitutto, per quanto vaste, le mappe sono troppo poche e alla lunga la ripetitività si fa sentire. Solo un paio risultano stimolanti anche sul lungo termine, a causa della loro struttura labirintica, le altre dopo poche partite non regalano più grosse sorprese e soddisfazioni, ma è un mio pensiero. Soprattutto per questo motivo ho apprezzato poco l’inserimento degli Insetti Guida che, per quanto utili, risultano troppo “invasivi” sullo schermo e semplificano troppo la fase di ricerca del mostro di turno, togliendo tutto il gusto di studiare e memorizzare la geografia delle mappe e le routine comportamentali dei mostri. Avrei preferito un opzione per poterli attivare/disattivare a piacimento, questi dannati insetti.

Anche il bestiario l’ho trovato molto limitato rispetto gli standard della saga, e a livelli avanzati di gioco viene riciclato all’inverosimile (temprati, arcitemprati, iperultramegatemprati eccetera), il che alla lunga mi ha tolto lo stimolo a continuare a giocarci, ma è comprensibile trattandosi di un capitolo completamente rinnovato dalle fondamenta. Mi rendo conto che progettare un bestiario del genere da zero richieda un sacco di tempo, quindi capisco l’ impossibilità di offrire un bestiario ricco quanto quello di un Monster Hunter Generations a caso. Peccato anche per qualche problema con le hitboxes, ma è una piaga che da sempre caratterizza la saga, ormai ci sono abituato (e siamo comunque distanti anni luce dai livelli raggiunti con il Plesioth, i vecchi fan sanno di cosa parlo rotfl )

Altro difetto è l’assenza di una componente gestionale soddisfacente. Mi riferisco soprattutto ai Palico, che nei precedenti capitoli erano liberamente reclutabili e personalizzabili in gran quantità (mentre qui si può reclutare un solo compagno felyne, e per giunta neanche troppo personalizzabile). Anche la gestione delle Spedizioni dei Cacciaprede in questo capitolo non mi è piaciuta, in particolare ho sentito l’assenza di un qualsivoglia minigioco che le riguardasse, in World le spedizioni sono troppo meccaniche e/o dettate dal caso, e ammetto che dopo poche spedizioni ho smesso di prenderle in considerazione.

Per me anche la gestione del multiplayer ha lasciato un po' a desiderare. Troppo confusionaria e sicuramente poco intuitiva l’organizzazione di partite coop con gli amici, e soprattutto trovo poco condivisibile l’idea di relegare il multiplayer alla Caccia Celeste (la classica Sala di Raccolta), senza la possibilità di incontrare fisicamente altri cacciatori nel villaggio di Astera. Aveva senso nei vecchi capitoli, quando le missioni erano schematicamente suddivise tra singleplayer e multiplayer e l’hardware delle console impedivano cose troppo “elaborate” come la condivisione online di un intero villaggio, ma su PS4 trovo inconcepibile impostare un limite del genere. È frustrante dover continuamente entrare e uscire dalla Caccia Celeste per interagire con la Forgia, o con il Botanico eccetera, soprattutto quando certe missioni richiedono di essere avviate appositamente da lì. La Caccia Celeste non doveva esistere su PS4, punto. È una meccanica vecchia e inutilmente limitativa su next gen, soprattutto considerando che in World sono stati abbattuti i limiti che dividevano missioni Singleplayer e Multiplayer.

Altra pecca di World sono i caricamenti. Sarà che sono troppo abituato con i ritmi “mordi e fuggi” dei vecchi capitoli, ma qui i caricamenti mi hanno seriamente stressato in certe occasioni. Troppo lunghi e troppo frequenti, anche offline. Speravo che con le patch avrebbero risolto la questione, ma cosi non è stato.

Altra piccola pecca (poco grave, comunque) è l’inutilità degli Alloggi. Nei vecchi capitoli era frequente tornare negli alloggi per cambiare equipaggiamento, gestire i compagni e salvare la partita, in World invece è completamente inutile. A che mi serve sbloccare alloggi sempre più lussuosi se non mi offri alcun motivo per visitarli?

Infine… ok parlo da nostalgico, ma è dai tempi di Monster Hunter 3 Ultimate che sento la mancanza di una fattoria degna di questo nome. Ok c’è il botanico che può moltiplicare gli oggetti, che è una soluzione che velocizza molto il ritmo di gioco e ci può stare, ormai mi sono rassegnato, ma il fascino di possedere e gestire una fattoria rimane imbattibile. Ricordo ancora in Freedom Unite l’eccitazione di quando tornavo da una missione e mi fiondavo nella fattoria, con la curiosità di sapere che minerali sarei riuscito a ricavare dalle rocce, di scoprire quali oggetti era riuscito a procurarmi Trenya in mia assenza… “Non ce la faccio, troppi ricordi” (.cit) :’(

Insomma, ci sono tante, troppe cose che non mi sono piaciute in Monster Hunter World, non mi metto qui a elencarle tutte sennò facciamo notte (l’ho detto, sono un inguaribile nostalgico e tremendamente esigente quando si parla delle mie saghe preferite), ma come dicevo li trovo tutti difetti assolutamente comprensibili, giustificabili dalla mole di lavoro svolto da Capcom nella realizzazione di questo “nuovo inizio”, e quindi del tutto perdonabili. Al momento continuo a preferire il “vecchio” Monster Hunter (non a caso MH4 e MHGen sono perennemente inseriti nel mio 3DS), un po' per nostalgia e un po' per gusti personali, ciò non toglie che World è stato un capitolo rivoluzionario, coraggioso nelle intenzioni, divertente e curato sotto tantissimi aspetti, che mi ha intrattenuto per più di 100 ore: poche per un Monster Hunter, ma decisamente tanto per i miei standard odierni, il che significa che si tratta di un gioco di indiscutibile qualità.

Confido che con il prossimo capitolo Capcom riesca a implementare tutte quelle caratteristiche di cui ho sentito la mancanza, e che riesca a eliminare tutti quei “difetti di gioventù” riscontrati in questa prima incarnazione nextgen, eliminando completamente meccaniche ormai vecchie e superabili. Per il momento, comunque, resta un hunting game di pregio e in grado di divertire chiunque, soprattutto in compagnia. Complimenti Capcom.

Johnlocke07

Johnlocke07 ha scritto una recensione su Monster Hunter: World

Cover Monster Hunter: World per PS4

L'esperienza collettiva più gradita del 2018

Ho cominciato ad avvicinarmi a questa saga soltanto dal 4 Ultimate per 3ds grazie al mio Sensei Mark, sebbene non avessimo giocato chissà quanto, fui talmente incuriosito e preso da questo hunting game sulla console Nintendo che riuscii a godermelo anche finendo l'intera campagna in single player.

Con Monster Hunter World sapevo che l'esperienza doveva essere ben diversa e ben più appagante, non aveva senso per me affrontare da solo una mole di sfide sempre più ardue, per cui decisi per la prima volta di fare abbonamento plus annuale in modo tale da permettermi di entrare a far parte e per un lungo periodo, di una vastissima community di cacciatori incalliti.

Fin dalla sua uscita è stato un continuo alternarmi tra Blood and Wine di The Witcher 3 (che avevo iniziato da poco) e le missioni di basso grado di Monster Hunter World, proprio per non rimanere troppo indietro.
Mark mi disse " aspettami lo giocheremo insieme " seee, i suoi tempi e ritmi non coincidevano spesso con i miei purtroppo, senza contare che continuava a giocare a quelli su portatile inviandomi screen su screen -.-l'unica volta che abbiamo giocato è stata per trasportare le uova, arrivo ad un accampamento che nemmeno aveva sbloccato dopo ore che ci giocava, eravamo senza microfono, sbattergli il kinsetto in faccia facendogli cadere l'uovo era l'unica cosa che potessi fare, ma le risate ahahahaha piansi!
Lordjashin e Neve mi premevano di lasciar perdere the witcher 3, cosa che non volli assolutamente fare, ma i loro ritmi erano davvero esagerati, per non dire da malati rotfl non riuscivo a stare al passo per cui anche con loro 2 non ho fatto molte partite, ma tra le poche spiccano il tagliaerba e il fuoco amico.

Infine convinco un mio amico a distanza di 2-3 settimane circa dall'uscita a comprarlo, e così che nacque l'imbattibile campionessa di braccio di ferro, Clenna, tutti sopperirono di fronte al suo fascino e la sua forza, comunque un po i trailer, un po le recensioni, un po i miei pareri, si convinse anche lui di provarlo, a differenza mia era alle prime armi, ma in un paio di giorni mi arrivò tranquillamente e finimmo col cacciare spesso insieme, e se Lordjashin e Neve avevano per me dei ritmi da malati non si possono descrivere i ritmi di " Clenna rotfl "! Tanto a qualsiasi ora, giorno, secondo, era lì rotfl

Monster Hunter World è così, o ti annoi al solo pensiero di pomparti e divenire sempre più forte fra missioni di ogni rango, armature, skill, armi, classi e chi più ne ha più ne metta, o diviene il VIDEOGIOCO per eccellenza più divertente di qualsiasi altra cosa, da passare ore in compagnia, che sia in coppia o in un vero e proprio gruppo di amici, così tante ore di sano divertimento da non accorgersi minimamente del tempo che vola.

Per quanto abbia apprezzato diverse cose di Monster Hunter 4 al World, quest'ultimo è obiettivamente un salto di qualità abenorme, abbandonando le portatili sfoggiando tutto il suo immenso potenziale, presentando scenari ben più vasti, intricati, le mappe sono belle tutte, con la sua ricca flora e fauna, quanto era bello anche solo andare in giro con il retino a catturare gli animali, picconare, pescare, prendere gudget, mantelli, personalizzare il proprio Felyne e notare quanti stili di combattimento variegati e molto altro completamente opposti dal proprio. Tutto questo non è altro che la prova lampante che sa essere un gioco vario, anche attraverso sfide, eventi stagionali, cross over, il Behemoth il nemico più ostico e per me anche il più divertente da affrontare, e per ultimo la tanta attesa e prevedibile prima espansione di gioco a pagamento.

Ma " Ne riparleremo di questa cosa qui " cit. rotfl

Un piccolo appunto sull'introduzione degli insetti guida che non mi hanno mai convinto del tutto, seppur è inevitabile abituarsi a tutto ciò che ti passa su schermo dopo 200 ore, ma vabbe, ci sarebbe molto altro da aggiungere, non serve, è una esperienza che non può essere descritta come tante e tale esperienza è in continua crescita ed è uno dei motivi per cui ho fornito soltanto adesso un mio parere. Sono sicuro potranno renderlo ancora più ricco di contenuti, con un maggior numero di creature da sconfiggere in compagnia, naturalmente temprati e arcitemprati sono solo un incentivo minimo per continuare a investirci del tempo, a distanza di quasi un anno Capcom dovrà fare altro, di più per incentivare e mantenere viva la community ed è proprio per questo che è già al lavoro e come già detto

" ne riparleremo di questa cosa qui" cit. rotfl

9

Voto assegnato da Johnlocke07
Media utenti: 8.9 · Recensioni della critica: 9

matkyllz

matkyllz ha scritto una recensione su Monster Hunter: World

Cover Monster Hunter: World per PS4

Mortacci sua.

Ho sempre snobbato i Monster Hunter per 3ds. Ne provai uno, e dopo venti ore di gioco avevo solo raccolto funghi e preso schiaffi da tutti. Comprato perché tutti ne parlavano benissimo, mi ha agganciato dalla prima partita. Non sono bravo a fare recensioni di videogiochi, è una passione che vivo molto sulle emozioni, e di queste non so scrivere altrimenti farei lo scrittore, ma è sicuramente il gioco del 2018. Di una longevità assurda (ci gioco ancora, sono a 200 ore circa, e tutte fieramente in single player offline), il combat all’inizio appare legnoso ma poi capisci che solo così può essere, e ti regala ore ed ore di divertimento, di bestemmie (amo bestemmiare con i videogiochi, la prima bestemmia fu con Toki) e di meraviglia. Compratelo, voi pochi che vivete sulla Luna o in Corea del Nord.
Il titolo della recensione perché il gioco mi ha rubato 200 ore di vita. Mortacci sua.

LuchinoWF97

LuchinoWF97 ha scritto una recensione su Monster Hunter: World

Cover Monster Hunter: World per PS4

Gameplay ☆☆☆☆☆ e lode
Trama cazzo è?
Sonoro ☆☆☆☆
Tecnica ☆☆☆☆

Questo è stato in assoluto uno dei titoli che più ho atteso in tutta la mia vita, alla domanda "qual è il tuo desiderio videoludico?" Io da 8 anni a questa parte ho sempre risposto "un Monster Hunter su console fissa"
8 anni fa è uscito Monster Hunter Freedom Unite per psp, io lo giocai e me ne innamorai tantissimo, lo giocai per anni con amici e non, è il videogioco con cui ho speso più ore, difficilissimo fare una stima, forse siamo sulle 1000 ore di gioco più o meno, Monster Hunter Freedom Unite è il mio videogioco preferito.
All'E3 2017 eravamo lì, a guardare come al solito, io sempre a desiderare un MH per console fissa e li, incredulo, vidi l'annuncio, un sogno che si avvera, pazzesca l'emozione di gioia che provai in quel momento, superiore anche a quella dell'annuncio di Fallout 4, titolo per il quale passai alla next gen comprando una ps4.
Monster Hunter World è, indiscutibilmente, uno dei migliori videogiochi di questa gen, personalmente in una mia ipotetica top si troverebbe al primo posto, è un gioco così bello, cioè tu vai a cercare il pelo nell'uovo per trovargli un difetto e non lo trovi sto pelo! Io fin dal lancio l'ho sempre giocato ho finito tutte le missioni e ho fatto molti eventi, ora saranno 2-3 settimane che non lo gioco quindi il mio giudizio del gioco è a mente più che fredda. In totale sono sulle 200 ore di gioco attualmente, 200 ore tutte al top, altissimo livello di gameplay sempre.
Monster Hunter World ha rispettato tutte le mie aspettative, è stato proprio ciò che mi sarei aspettato e l'ho amato dal primo Jagras all'ultimo cazzuto drago anziano, perfetto quindi? Mmmhhh nonostante MHW sia meraviglioso e uno dei migliori videogiochi di sempre a me non ha dato l'effetto che mi diede Freedom Unite, è come Final Fantasy, il primo che giocherai sarà sicuramente il tuo preferito, infatti io ho giocato FF6 per primo e poi tutti gli altri, FF6 rimane ancora il mio preferito.
Freedom Unite per me è ancora speciale ed è non solo il mio MH preferito ma il mio videogioco preferito

9

Voto assegnato da LuchinoWF97
Media utenti: 8.9 · Recensioni della critica: 9

Non ci sono interventi da mostrare.