Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Slaine condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Slaine, aggiungilo agli amici adesso.

Slaine

Death Stranding: perchè lo odiamo?

Dopo gli ultimi trailer mi chiedevo perchè i videogiocatori lo amino a prescindere o lo odino a prescindere.
Molte delle accuse che lo bollano come "gioco di merda" sono riferite al fatto che ci si sposterà nella mappa per trasportare pacchi, un Bartolini Simulator come lo definiscono molti. Altri si lamentano fortemente perchè l'autore è stato troppo misterioso sin da subito, ha rilasciato troppe poche informazioni riguardo al gioco.
Mi chiedevo però se il problema fosse realmente quello.
Voglio dire, è un "Bartolini Simulator"? E allora? Se anche fosse un "monopattino simulator" cosa cambierebbe? L'autore credo sia libero di creare un videogioco come meglio crede, al pubblico spetta criticarlo solo dopo averlo giocato se questo per quello che offre è deludente.
I giochi di Cage ad esempio hanno un gameplay ben definito, se prendi un gioco della Quantic Dream sai che ti aspetteranno quintali di scene in CG e un gameplay legato all'esplorazione con pochissime scene d'azione, sai cosa ti aspetta senza che l'autore debba per forza inboccarti in ogni trailer parte del gameplay, non puoi nenahce criticarlo più di tanto sul gameplay dei suoi giochi perchè è il suo genere e tu non puoi pretendere più di quello che ha già inserito al suo interno.
A questo punto mi chiedo cosa ci sia di male se Death Stranding sia un "Bartolini Simulator". L'autore ha questa visione del gioco, se ti piace lo prendi altrimenti puoi lasciare perdere, qualsiasi polemica legata al gameplay di questo gioco è stupida per me. Se anche Death Stranding fosse un gioco di corse su automobili bizzarre in stile Wacky Races non mi sembra una buona scusa per dirgli "gioco di merda"o "scafale".
 

Slaine

ha scritto una recensione su Sword Art Online: Fatal Bullet

Cover Sword Art Online: Fatal Bullet per PC

Pallottole e bla bla bla

Ho sempre adorato i giochi che simulavano gli mmo fin dai tempi di Hack su Ps2, titolo fortemente sottovalutato che mi ha regalato centinaia di ore di gioco nei suoi 4 capitoli rilasciati tra il 2002 e il 2004 se non ricordo male.
Fatto questa premessa devo dire che è inutile, la serie di Sword Art Online non riesco a digerirla non tanto per il gameplay ma per il modo in cui è raccontata la trama principale e sono divise le varie sottotrame.
Ho provato veramente molta frustrazione nel seguire la trama principale, le prime due ore di gioco sono un'enorme chiacchierata tra PNG che ho trovato pesantissimo da seguire. Ho giocato e finito altri GDR con delle infinite e logorroiche discussioni e spiegoni noiosi, però non so perchè ma SAOFB non sono riuscito a sopportarlo, la trama principale parte dopo oltre 15 ore di gioco, prima è solo un'inutile chiaccherata tra il nostro avatar e i PNG, il vero abisso di noia e inutilità però sono i dialoghi secondari per lo più con protagonisti le numerose PNG di sesso femminile presenti nel gioco.
Il problema forse di tutta questa frustrazione risiede nella quantità di PNG che vengono inseriti da subito come amici al nostro avatar, troppi davvero, la Bandai avrebbe potuto gestire molto meglio la situazione facendoceli trovare man mano che si facevano le missioni, renderli disponibili un po come nella vita reale (su 30 png magari poteva lasciarne qualcuno offline ogni tanto, oppure impegnato in altre sessioni) invece sembra che tutti siano li alle nostre dipendenze.

Per quanto riguarda ambientazione e grafica niente da dire, non è certo un mondo ricco di dettagli, le mappe non saranno enormi quanto quelle di Far Cry o Skyrim, però sinceramente è una cosa a cui proprio non ci si fa caso, l'importante quando si gira per la mappa è avere l'arma carica e il dito pronto a sparare al primo bersaglio che appare davanti al nostro mirino.

Il gameplay come detto sopra è semplice e immediato, hai un'arma da fuoco, devi gestire le munizioni (che si trovano anche troppo in abbondanza a dirla tutta) e gestire le abilità sbloccabili che attivano tutta una serie di buf e attacchi speciali e a cui servono del tempo per essere utilizzate nuovamente.
Il nostro avatar potrà usare diverse tipologie di armi (lanciarazzi, mitragliatrici, pistole ecc) che a seconda della rarità avranno a loro volta delle abilità che potenzieranno il nostro personaggio, queste poi potranno essere sia potenziate raccogliendo i materiali dei nemici e dei boss o potranno essere combinate per attivare delle abilità che avete magari su un'arma di basso livello e che vorreste inserire nel vostro lanciarazzi preferito.

Insomma, per non farla troppo lunga consiglio Sword art online fatal bullet a tutti gli amanti dei "finti" mmo e degli sparatutto in terza persona con una buona sopportazione dei dialoghi noiosamente inutili e pesanti.

Trama: 5,5
Grafica: 6
Sonoro:7
Gameplay: 7,5
Longevità: (offline) 7

Non ci sono interventi da mostrare.