Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti per scoprire un nuovo modo di vivere la tua passione.

Prince Wolf condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Prince Wolf, aggiungilo agli amici adesso.

Prince Wolf

ha pubblicato un video riguardante Tekken 8

Montaggino mezzo cinematografico del mio Kazuya FLAME RULER

A pausa pranzo avevo vinto un match per la promozione a Battle Ruler...parte la Rage Art che mi avrebbe promosso...e il coglione frustrato rage quitta durante l'animazione...

TEKKEN 8 - Kazuya Crazy Ranked | FLAME RULER
Prince Wolf
Cover Crash Bandicoot 4: It's About Time per PS4

PREGI
- Sinceramente mi era difficile chiedere di più da un nuovo capitolo di Crash Bandicoot. L'iniziativa di Toys for Bob di rendere Crash un hardcore game completamente fuori di testa...mi ha fatto impazzire, nel senso buono.

- Ogni cazzo di livello è una soddisfazione immensa, la difficoltà è una retta che si alza continuamente verso le stelle fino a sfociare nei livelli finali al limite dell'ingiusto, ma che comunque hanno un design talmente figo che ho goduto pure quelle volte in cui morivo.
Avessi avuto più tempo avrei sicuramente preso tutte le gemme dei livelli base (sono arrivato al 50%...poi è uscito Tekken 8), poichè nel farlo non ho mai avuto frustrazione ma una continua crescita psicologica e di memoria muscolare.
A volte il timing e l'input richiesto non concede margini d'errore, nemmeno mezzo frame, ma da amante di gameplay così precisi e sofisticati non ho fatto altro che provare piacere.

- Quello che all'inizio sentivo di avvertire come un problema con la profondità dei salti, si è trasformato gradualmente in un apprezzamento al PRECISISSIMO sistema di controllo di Crash.
All'inizio elementi come la tridimensionalità, i muri laterali in cui correre, la maschera viola che ti fa ruotare stile tornado oppure il rampino sembrano fatti un po' alla cazzo di cane, ma poi ti accorgi di come con l'aumento della sensibilità il tutto funzioni dannatamente bene.

- Le ambientazioni dei livelli sono ispiratissimi e spesso e volentieri un omaggio d'amore alla trilogia che ha fatto la storia. Stesso discorso per le musiche che pompano a mille.

- I boss (N Gin, N Brio, N Tropy e Cortex) sono i migliori della saga a mani basse, sia per scenografia che per gameplay.

- Il miglior Crash Bandicoot di sempre, che se ne sbatte di tutto ed elimina il 90% dei giocatori da cui poteva farsi amare, frustrandoli, per rinascere con un'anima incazzata e psicopatica.
Il gameplay e il level design sono talmente ben incastonati fra loro che anche senza le maschere quantiche sarebbe stato uno spasso, con l'aggiunta di quest'ultime la varietà e la spettacolarità mettono la sesta.

DIFETTI
- Le richieste per il 100%: obiettivamente solo una manciata di folli con tanto tempo libero possono completarla seriamente. Già solo le gemme base portano via chissà quante ore e bestemmie, figuriamoci fare tutti i livelli senza morire + finirli con il tempo di platino (che è semi-illegale). Da questo punto di vista l'hanno fatta fuori dal vaso ma il problema non esiste...poichè il gioco regalerà comunque un quantitativo ore di qualità e soddisfazione (nel dolore) più unico che raro in un platform.

9

Voto assegnato da Prince Wolf
Media utenti: 8.4 · Recensioni della critica: 8.7

Prince Wolf

ha scritto una recensione su Red Dead Redemption 2

Cover Red Dead Redemption 2 per PS4

PREGI
- Il miglior Open World mai creato.
A livello concettuale è una riproduzione FUORI DI TESTA dell'universo Western, per la ricchezza contenutistica ma soprattutto per la VITA che trasuda il mondo di gioco e ogni singolo NPC, grazie ad un'intelligenza artificiale unica.
Da questo punto di vista è pura fantascienza per qualsiasi altro videogioco, poichè gli elementi sopracitati hanno un' ANIMA vera e propria. La cosa fa SPAVENTO considerando le dimensioni abnormi della mappa e la quantità di parametri da tenere in considerazione.
Capisci che un Open World è un capolavoro quando ogni secondo ti fermi per qualcosa di imprevisto che succede.
Puntavo a fare le missioni principali più velocemente possibile ma ogni volta, il mondo più vivo che mai, mi presentava eventi casuali a cui era impossibile resistere.
Finisce che ti scordi delle main e magari perdi 2 ore ti tempo per 3-4 secondarie trovate totalmente a caso nel percorso.
Oserei dire che vagabondare ed esplodere il mondo di gioco è ancora più bello di farsi le principali, che quasi ti “forzano” su dei binari, mentre invece cazzeggiando le missioni ti stupiscono outtanowhere OGNI SINGOLA VOLTA.

- A differenza di GTA V, che dava "solo" l'idea di un progresso tecnologico volto a ingigantire e rendere più contemporanea l'esperienza di gioco, Red Dead Redemption II è molto più autoriale e riesce nell'impresa di cambiare drasticamente il fulcro dell'esperienza.
Le meccaniche sono lente, così come la progressione narrativa e gli spostamenti. La regia e la scrittura si impongono di prepotenza e definiscono il mood giocoso in toto. Le ispirazioni a Leone, Peckinpah, John Ford, Tarantino e altri colossi del cinema si sprecano.
E la volontà di ricreare certi fotogrammi e momenti western cinematografici sono incredibilmente riusciti.
Rockstar ha preso la posizione netta di voler rendere il ritmo di RDR2 lento e compassato.
Banalmente definirlo il meglio assoluto della narrativa di The Witcher 3 (anche nelle sub-quests e la lore di gioco) e l'open world di GTA, è quanto mai azzeccato.
Se il primo Red Dead Redemption mi era sembrato un GTA nel West fatto molto bene, questo secondo capitolo è una vera rivoluzione sul piano dell'esperienza.

- A mani basse i migliori personaggi mai scritti da Rockstar.
Arthur è commovente e la sua evoluzione come personaggio delicata e graduale, Dutch psicologicamente una perla nella sua caduta verso la pazzia, Micah recita così tanto bene lo stronzo che si fa odiare davvero, John appare quasi un coglioncello che a forza di prendere pallottole e mazzate si adatta in modo maturo ad un mondo spietato. Ogni singolo personaggio ha un suo perchè, ti senti davvero membro di una gang, ognuno con i suoi pregi e difetti caratteriali. E quando inevitabilmente qualcuno perde la vita si perde veramente un compagno. I dialoghi sono un'infinità e sono incastonati in un modo così complesso e variabile che ci si scorda di star giocando.
Per non parlare della cura e l'AMORE che porrai nei confronti del tuo cavallo, a tutti gli effetti un essere senziente di cui prenderti cura.

- Esempi pratici delle esperienze possibili in questo cazzo di gioco:
1. puoi legare con il lasso qualcuno, gettarlo a mare e vederlo dimenarsi mentre affoga...e poi spegnersi lentamente
2. puoi cacciare e skinnare ogni cazzo di animale (ognuno con animazioni uniche) con sub-quests come quella degli Animali Leggendari che riservano delle bestie assurde da buttar giù)
3. gli animali ti attaccano con istinti predatori diversi, il tuo cavallo si spaventa a seconda del predatore, un serpente si irrigidisce come nella realtà prima di un attacco e se ti prende ti avvelena
4. puoi usare terza e prima persona indistintamente ed entrambe le cose funzionano (ho amato alla follia fare il gunslinger pazzo con due revolver)
5. puoi fare dei bagni negli alberghi che sono quasi dei soft-porn
6. puoi giocare a Poker (con intelligenza artificiale furbissima), Blackjack, il gioco del coltello con le dita al tavolo, Domino
7. puoi ritrovarti casualmente a fermare dei rapinatori che hanno bloccato un treno...o essere te stesso ad iniziare la rapina minacciando tutti i presenti e borseggiandoli. Ovviamente il treno lo puoi anche guidare.
8. puoi fare il ricercatore di taglie come professione, decidere se portare gli outlaw vivi o morti dallo sceriffo
9. la varietà dei comportamenti degli NPC è tale che puoi ritrovarti improvvisamente stordito e derubato da qualche psicopatico (con tanto di cutscene), puoi incontrare clochard che fanno finta di essere ciechi per due spiccioli, fermare una rapina, donare denaro a qualcuno senza gambe o braccia, liberare qualcuno in una foresta che ha la gamba intrappolata in una trappola per volpi.
10. città, villaggi e negozi offrono svariate attività come poter consultare cataloghi di vestiti, armi, barbieri, book fotografici (con tanto di cambio posa e background), cacciatori di animali che ti vendono le pelliccie, saloon dove ubriacarsi mentre qualcuno suona il piano o qualche donzella è provocante con te
11. imbattersi in tantissimi strangers grotteschi e stravaganti con le richieste più assurde (come farsi calciare nei coglioni, sparargli sopra la testa una bottiglia appoggiata, picchiarsi con un freak giganti, ripulire un saloon infestato dai topi, controllare una barchetta telecomandata lanciamissili in un lago, negozianti che nascondono prigionieri in cantina, serial killer che lascia cadaveri mutilati e indizi con delle mappe da ricomporre per trovarlo, fotografi che pur di immortalare lupi in natura si fanno quasi divorare vivi)
12. comprare cavalli e metterli nelle stalle, personalizzarli nei minimi dettagli estetici e crearci un legame che ne varierà il carattere e le fasi a galoppo (perderne uno è come perdere il tuo miglior amico, specie dopo tante ore di gioco)
13. ritrovarsi una città in lockdown per il colera

DIFETTI
- Posso capire benissimo chi si è trovato spiazzato dalla lentezza e legnosità di molti elementi, sia dal punto di vista narrativo che del gameplay. Ma sinceramente l'ho apprezzato enormemente per questa presa di posizione, specie considerando la copertura di vendite dei colossal Rockstar.
Detto ciò, di molte cavalcate di 10 minuti avrei fatto a meno anche io, specie in un gioco che non può durarti meno di 40 ore pur volendolo rushare.

9.5

Voto assegnato da Prince Wolf
Media utenti: 9.3 · Recensioni della critica: 9.8

Non ci sono interventi da mostrare 😔