Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Xardok condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Xardok, aggiungilo agli amici adesso.

Xardok

ha scritto una recensione su NieR: Automata

Cover NieR: Automata per PS4

Lu[N]ar te[A]rs were shed

-Proposta: stendere una recensione oggettiva e ragionata. Parlare di tale gioco senza alcun criterio logico, in un social come questo, sarebbe irrazionale e...

-Pod 91, ti ordino di lasciar perdere la logica ed il raziocinio. Quest'ordine rimarrà valido finché non avrai confermato il completamento della *+£#%§@ e l'assegnazione del voto.

Emozioni.
Istinto.
Cuore.
Cervello. Cervello... Cervello? Giusto un po'.

"Giocati Nier, cazzo, cosa stai aspettando?"
"Vuoi giocarti Nier?"
"Oh, non ti posso dire che cazzo di gioco è Nier. Sei un coglione a non essertelo ancora giocato."
"E' uscito Automata e ancora neanche ti sei giocato il primo Nier, complimenti."

https://www.youtube.com/watch?v=uxgJ_8Ag …

"Once there were trees full of birds, ------------Nier
Meadowlands vibrant with flowers; --------------------------Weiss
Carefree the songs our children once sang --------Kainé
Gilding our minutes and hours. -----------------------------------Emil
Clouds came and covered the sun, --------------Yonah
The breath of the baleful unease ---------------Devola e Popola
Turning to ashes flowers in their fields, ------Shades
Silenced the birds in their trees."------------------------Lunar Tears

Cos'è Nier?

...
...
...
...

Semplice videogioco?

Libertà d'espressione. Autorialità. Personalità.
Puro genio. Pura follia.
Trasporto emotivo. Catarsi esistenziale.

Qualcosa di veramente speciale, raro, unico.
Qualcosa di mai visto prima.
Qualcosa di mai provato prima.

Un imponente trattato videoludico sulla vita, sull'esistenza e tutto ciò che concerne, che prova ad indagare diversi rami dello scibile e l'ampio spettro delle emozioni umane, che porta inevitabilmente il fruitore a porsi delle domande. A mettere in dubbio e in discussione cose che, a causa della generale frenesia della vita di tutti i giorni, ormai diamo quasi per scontate. Non ci prendiamo mai un attimo per noi stessi, per riflettere, ormai è tutto AUTOMATico. Ah.

Siamo uomini? Siamo androidi? Siamo macchine?
Siamo carne? Siamo anima? Siamo coscienza? Siamo dati? Siamo idee?

Siamo svegli o è tutto un sogno?
Morire... Dormire?

"Are we the plaything of fiends, or merely the dreams
That we're telling ourselves, telling ourselves? "

Perché nasciamo?
Perché viviamo?
Viviamo per noi stessi o per gli altri?
Qual è il nostro scopo su questa terra?
Perché siamo destinati a morire?
Cosa succederà quando moriremo?
Che senso ha vivere una vita piena di dolori e sofferenze, sapendo che un giorno finirà tutto?
Che senso ha vivere una vita senza uno scopo, senza un qualcosa per cui lottare, per cui combattere?
Che senso avrà avuto la vita che abbiamo vissuto se, una volta morti, non avremo lasciato un segno, se non avremo fatto qualcosa di buono?

-Domande, domande, domande, e ancora domande. Ma stai zitto, pensa a giocare e fatti meno seghe mentali, sfigato.

-NO.

Non questa volta.
E ne avrei tantissime altre.

"Everything that lives is designed to end. We are perpetually trapped in a never-ending spiral of life and death. Is this a curse? Or some kind of punishment? I often think about the God that blessed us with this cryptic puzzle, and wonder if we’ll ever have the chance to kill him."

Un peso, un fardello, un perpetuo supplizio -come quello di Sìsifo- che i nostri tragici eroi sono costantemente costretti a sopportare, da migliaia e migliaia di anni. E il ciclo si ripete. Ancora, e ancora, e ancora.

Ma non è forse anche il nostro, di supplizio? Non è forse della nostra stessa storia che Yoko Taro ci sta parlando? Androidi, macchine, esseri umani. Qual è la differenza tra un mucchio di dati e la coscienza? Cos'è che definisce realmente la vita e differenzia l'essere vivente da un essere non vivente?

"The core of humanity... is conflict. They fight. Steal. Kill. THIS is humanity in its purest form!"

Al diavolo il raziocinio, l'oggettività e lo spirito critico. Quando una certa opera -che sia film, videogioco, libro, fumetto, album musicale- tocca certe corde e ci colpisce nel profondo, è sempre difficile parlarne, trovare le parole giuste, esprimersi nella maniera più adatta e poi esserne soddisfatti. E io penso di aver espresso solo una minima parte di tutto ciò che Nier -non solo Automata, ma Nier nel suo complesso- rappresenta per me.

Un'opera non perfetta. Piena di difetti e sbavat...
Un'opera perfetta.

Quella grotta sotterranea con le lacrime lunari.

https://www.youtube.com/watch?v=HRg_6Oy4 …

Quella biblioteca.

https://www.youtube.com/watch?v=aAN14AtJ …

Sì, un'opera perfetta.

Un'opera monumentale, quasi imperscrutabile, che si è fatta lentamente strada nel mio animo, e probabilmente ne farà per sempre parte. Un'opera che verrà sicuramente ricordata per anni e anni per la sua originalità, per la sua capacità di divertire, stupire ed emozionare il giocatore, nel bene o nel male. Nessun compromesso, niente mezzi termini, solo pura e semplice espressione.

Non approcciatevi a questa opera in maniera troppo critica, "bacchettona" e controllata: lasciatevi stupire dal genio e dalla follia che c'è dietro a tutto questo, lasciatevi andare, lasciatevi trasportare da queso flusso di emozioni. Perché è proprio sulle emozioni, sui sentimenti e sugli stati d'animo che, secondo me, Yoko Taro vuole fare leva.

Amore e Odio. --------------------------------2B
Gioia e Disperazione. -------------------------------------9S
Felicità e Malinconia. --------------A2
Invidia e Ammirazione. -------------------------------------------Pascal
Paura e Coraggio.------------------------------- Emil
Determinazione e Rassegnazione.--------------------Commander
Follia e Lucidità. ----------------------------Adam e Eve
Apatia ed Emotività. -----------------------------Devola e Popola
Illusione e Disillusione. ----------------Pod 042 e Pod 153
Curiosità e Disinteresse. ---------------------------------------6O e 21O

Yoko Taro, brillante game designer e maestro di vita. Ti sento vicino come un amico.
Keiichi Okabe, puoi anche sederti sul trono di "mio composer preferito", proprio accanto a Yoko Shimomura.

Sono consapevole del fatto che in questa *+£#%§@ io abbia detto tutto e niente, che tutto ciò potrebbe non avere senso, e che molto probabilmente non avrà alcuna utilità per chi deciderà di leggerla. Neanche io sono pienamente soddisfatto di quello che ho scritto -che cazzo ho scritto?- e probabilmente non riuscirei mai ad esserlo. Non riuscirei a condensare il tutto in parole realmente esaurienti, perché c'è veramente TROPPO di cui parlare, TROPPO da dire, e rischierei di scrivere fino alla settimana prossima.

Ma in fondo, chissene. Meglio che tutto questo rimanga così: confuso, volatile, effimero, leggero, con una punta di dolceamara malinconia.
Perfetto.

Non mi ero mai reso conto... di quanto fosse bello il mondo.

https://www.youtube.com/watch?v=DLAvHLQG …

"Te l'avevo detto."

Xardok

ha scritto una recensione su Monster Hunter: World

Cover Monster Hunter: World per PS4

Con start potete saltare l'animazione della morte del mostro

Un Monster Hunter fatto BENE su console fissa era probabilmente uno dei miei più grandi sogni videoludici da diversi anni a questa parte, dai tempi in cui misi mano ai primi capitoli per console portatili: Monster Hunter World è un sogno che si avvera.

La formula di base rimane sostanzialmente invariata, riuscendo a conservare appieno quello che è lo spirito dell'hunting game: uccidi mostro > forgia equipaggiamento > uccidi mostro più forte > forgia equipaggiamento più forte, e così via, scalando sempre più le vette della catena alimentare, fino ad arrivare in cima. Farming, farming e ancora farming. Il senso di progressione, di crescita del personaggio, la capacità di riuscire a buttare giù sempre più velocemente dei mostri che prima sembravano impossibili, sono probabilmente ciò che appaga di più dell'intero gioco. Dopo aver superato il GC 70 e aver toccato le 200 ore di gioco in un mese circa, non posso che dire di ritenermi abbastanza soddisfatto. Pur divertendo ed intrattenendo già in modalità single player, penso comunque che il gioco dia il meglio di sé nel multiplayer, soprattutto se giocato in party con amici, conversando tramite chat vocale.

Personalmente lo ritengo uno dei migliori giochi della generazione, capace di intrattenere per innumerevoli ore senza quasi mai stancare -se piace il genere, obv- ma penso anche che necessiti di qualche contenuto in più, soprattutto se messo a confronto con quello che ad ora risulta il MH contenutisticamente più valido di tutti: Monster Hunter 4 Ultimate. Nuovi mostri, nuove aree, il G-Rank e magari anche una maggiore cura nell'evoluzione delle armi in generale: contenuti che, spero, verranno aggiunti tramite i prossimi aggiornamenti gratuiti promessi da Capcom o anche tramite qualche espansione da acquistare separatamente che vada ad ampliare l'esperienza di gioco.

Complessivamente, in ogni caso, giocone.

Xardok
Cover Ghost Trick: Detective Fantasma per DS

"Ha ha, I died again!"

PRO:
+ Trama originale, ben scritta e ben narrata, intrigante ed intricata, piena di colpi di scena, che culmina in un finale stupefacente e commovente
+ Mescola, in maniera sapiente, momenti di alta serietà e drammaticità a momenti di grande ironia e goliardia, in perfetto stile Shu Takumi
+ Personaggi stupendi, tutti ottimamente caratterizzati, dal più importante al più "insignificante"
+ Stile grafico unico: una pixel art semplice, coloratissima e bellissima da vedere, impreziosita da ottime animazioni
+ Gameplay divertente, che offre il giusto livello di sfida: risulta impegnativo, ma mai frustrante o sbilanciato
+ OST da paura
+ Sfrutta in maniera perfetta le feature touch del Nintendo DS
+ Ottimo da giocare anche in coppia, per godersi insieme questa bella storia, riflettere insieme sui rompicapi e discutere sull'intreccio narrativo

CONTRO:
- Finisce
- Dura pochino (finito in 15 ore), ma tutto sommato penso che sia la durata giusta per la storia che si vuole raccontare. Purtroppo, non ne ho avuto abbastanza, ora ho il vuoto dentro :(
- Lo spiegone finale potrebbe risultare pesante e di difficile comprensione in un primo momento. Si poteva gestire un po' meglio

Un gioco di cui ho sempre sentito parlare bene, e che non vedevo l'ora di recuperare. Per me, Ghost Trick è stata una vera e propria rivelazione, una piacevolissima sorpresa, praticamente esente da difetti. Se amate le avventure grafiche piene di enigmi, e i thriller soprannaturali, Ghost Trick è un gioco che NON potete assolutamente trascurare. Un piccolo capolavoro, una vera e propria perla che mi ha tenuto incollato per una quindicina di ore: mi ha divertito, emozionato, commosso, esaltato e mindfuckuppato, grazie alla sua storia originale e appassionante, e ai suoi stupendi personaggi, che mai dimenticherò. Sicuramente uno dei migliori titoli che si possano trovare su console Nintendo DS.

Grazie Shu Takumi, grazie Sissel e tutti gli altri! <3

https://www.youtube.com/watch?list=PL891 …

Xardok

ha scritto una recensione su Horizon Zero Dawn

Cover Horizon Zero Dawn per PS4

L'alba di una nuova Era

Dopo aver portato avanti per anni una serie videoludica di fps, questa volta i ragazzi di Guerrilla si sono voluti cimentare con un genere a loro del tutto nuovo. Horizon: Zero Dawn si propone come un action-adventure in terza persona, condito con alcune meccaniche tipiche degli RPG e degli shooter, il tutto intercalato in un contesto Open World e free roaming. Il risultato, per essere la loro prima esperienza in tale campo, è più che buono, grazie anche alla collaborazione di persone che avevano esperienze pregresse con giochi di questo genere.

Horizon non porta particolari innovazioni dal punto di vista del gameplay e non si specializza in alcun genere in particolare; tende piuttosto a mischiare un po' di roba presa qua e là, ma lo fa bene, e con una certa cura. Essendo un Open World, e non rivoluzionando nulla in particolare, il titolo si porta dietro quelli che sono i pregi e i difetti di ogni gioco di questo tipo: offre tantissime cose da fare e un'enorme libertà di movimento e di esplorazione al giocatore ma, a lungo andare, ad alcuni questa eccessiva libertà e dispersività potrebbe dare fastidio, a causa anche di un ritmo narrativo che si va a spezzare un po' troppo. Per ovviare a ciò, consiglio di alternare un po' di main quest alle altre centomila cose da fare (secondarie, commissioni, terreni di caccia, campi dei banditi, zone corrotte, Calderoni, etc.)

Ciò che veramente colpisce di Horizon: Zero Dawn, e che lo rende originale, è sicuramente il concept che sta alla base: questo scenario post-apocalittico in cui convivono esseri viventi e macchine, una sorta di "nuova preistoria" in cui l'umanità è ritornata alle tribù, e natura e tecnologia si vanno a fondere per dare un volto del tutto nuovo alla Terra che noi ben conosciamo. Una nuova alba che si affaccia su una nuova Era per il genere umano. Ma cos'è successo alla "vecchia" Terra? Perché e come si è arrivati a tutto questo? Starà a noi scoprirlo, grazie anche alle innumerevoli registrazioni che troveremo sparse per il mondo di gioco, che contribuiranno a darci una visione sempre più completa della trama e della lore. Il tutto darà l'idea di un mondo vivo, ben costruito, che racconta se stesso poco alla volta, immergendo completamente il giocatore nella vicenda.

Molto bello, significativo e profondo anche il tema centrale su cui il gioco vuole farci riflettere, che non viene trattato in maniera affatto banale o sbrigativa. A voi scoprire quale.

PRO:
-Trama: intrigante, ben scritta e ben narrata, pregna di un messaggio forte e profondo
-Personaggi carismatici e molto ben caratterizzati, Aloy, Elisabeth e Sylens in primis
-Gameplay vario e divertente
-Anche le side quest aggiungono qualcosa alla trama, e non sono mai inutili o banali, eccetto rari casi
-Combat system ibrido che dà la possibilità al giocatore di mettere a punto strategie diverse e approcciarsi ai nemici in vari modi
-Open World ben concepito e ben realizzato
-Tantissime cose da fare, tantissime ore di gioco
-Comparto tecnico mostruoso, grazie ad una fluidità di 30 fps granitici, anche nelle fasi d'azione più concitate...
-Graficamente e artisticamente bellissimo, il design delle macchine è stupendo, e la risoluzione in 4K è una gioia per gli occhi (giocato su PS4 Pro in 4K con HDR)

CONTRO:
-Non rappresenta proprio il massimo della sfida: basta livellare, sbloccare skill ed equipaggiarsi al meglio, e i combattimenti, anche quelli contro i nemici più grossi, si potranno risolvere in poco tempo e senza troppi danni
-Si livella molto velocemente e si possono sbloccare tutte le skill, banalizzando in parte la "personalizzazione" e le build del pg
-IA non troppo buona
-Elementi RPG appena accennati, quasi illusori
-...ma la fisica del motore di gioco non è molto ben curata
-Alcune imprecisioni nelle interazioni con ambiente e oggetti
-Animazioni facciali durante i dialoghi poco curate

Non ci sono interventi da mostrare.