Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Immagine di sfondo Premi sull'immagine e trascinala per spostarla

Su Fighting World (Comunità)

Stanza dedicata ai picchiaduro in generale, dai 2D ai 3D, dai competitivi ai non. Se vi piacciono i picchiaduro, se vi interessano, se volete provare a giocarli o siete già nel campo da tempo, entrate e fate come volete... Anche prendervi a pugni!

https://orig00.deviantart.net/3bfc/f/2006/357/4/9/street_fighter_ii_0_cover_by_udoncrew.jpg



La serie di Street Fighter, conosciuta anche come SF, è la più popolare nel campo dei picchiaduro ad incontri grazie alle innovazioni che i primi titoli portarono nel genere, cambiando completamente quest'ultimo e facendolo diventare quello che è ora, divenendo per molti il capostipite del genere, sopratutto dopo l'uscita del secondo capitolo. Nato nel 1987 da Capcom, la serie permette, ovviamente, di controllare dei combattenti e il loro stile di lotta che viaggiano per il mondo per seguire la propria storia. E' uno dei giochi/franchise punta di Capcom e una delle icone del panorama videoludico, con le sue 33 milioni di copie complessive vendute (aggiornato a fine 2012) e con la sua posizione tra i primi 10 migliori franchise videoludici secondo Complex, e ancora oggi è uno dei videogiochi più giocati anche a livello agonistico, con diversi tornei, mondiali e non, che hanno portato al successo diversi giocatori, come Daigo Umehara (chiamato "The Beast"), vincitore del Guinness World Record come "vincitore di più tornei" e decretato il "miglior giocatore al mondo". Di SF vi sono anche tantissimi altri media, come anime, film, manga, manhwa e giochi di carte e da tavolo, oltre ovviamente ad un infinità di giochi tra capitoli principali, spin-off, cross-over ecc.



------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



STREET FIGHTER



http://lh5.ggpht.com/_7ZwbueZTrPs/Sj4EUTr52LI/AAAAAAAAGas/6agZ4_yQYkU/1174ruo_thumb%5B2%5D.jpg?imgmax=800



Il primo picchiaduro ad incontri sviluppato da Capcom nel lontano 1987 e il primo della lunga serie. Conosciuto anche come Fighting Street (il nome della versione TurboGrafx-16), è stato il primo titolo a rivoluzionare in parte il genere, anche se non tanto quanto il sequel Street Fighter II: The World Warrior. Nel gioco si ha la possibilità di impersonare un solo personaggio, Ryu, che viaggerà per il mondo a combattere 2 lottatori per ogni nazione (queste ultime sono 4) fino ad arrivare, oltre ai bonus stage, a sconfiggere il boss finale nella quinta nazione per vincere così il torneo. Se invece i giocatori sono 2, il secondo usa Ken. Il titolo possedeva un sistema a due pulsanti e premendone uno si determinava la potenza con la quale sferrare un pugno o un calcio: ogni colpo disponeva di tre varianti di forza. Peccato che questo portò i giocatori a danneggiare i controlli per la troppa forza, ed è così che venne creato il sistema a 6 pulsanti, in uso ancora oggi. Esso portò anche tecniche speciali a noi note, come l'Hadoken o il Tatsumaki Senpukyaku, e personaggi che hanno fatto storia, come Sagat o Adon (oltre a Ryu e Ken ovvio). Il suo seguito doveva, inizialmente, essere Final Fight, idea poi bocciata per il cambio di genere, passato da picchiaduro a incontri a picchiaduro a scorrimento, quest'ultimo molto in voga al tempo facendo così di Final Fight una serie a parte ma sempre connessa al franchise di Street Fighter, vista poi la presenza di personaggi come Guy e Cody, protagonisti di Final Fight, nei SF successivi.



Trama:
Il primo torneo di Street Fighter venne organizzato da Sagat, il più forte lottatore di Muay Thai a livello mondiale, in cerca di nuovi avversari. Ryu, allievo di Gouken, maestro dell'Ansatsuken, decise di iscriversi al torneo per mettersi alla prova.
Arrivato alla finale del torneo, egli incontrò Sagat. L'incontro fu molto duro e apparentemente Sagat stava avendo la meglio. Convinto di essere il vincitore, Sagat porse la mano a Ryu per aiutarlo a rialzarsi. Ryu era però ossessionato dalla voglia di vincere e, acceccato dalla rabbia, si trasformò in Evil Ryu per un istante, cosa che lo portò a colpire Sagat al petto con un Metsu Shoryuken, procurandogli una grossa cicatrice.
Dopo aver vinto il torneo, Ryu tornò dal maestro Gouken per chiedere spiegazioni su quello che gli era successo. Al suo ritorno, però, ritrovò solo il suo compagno di allenamenti Ken. Gouken infatti venne affrontato e ucciso dal fratello Akuma (Gouki). Dopo aver appreso il corso degli eventi da Ken, Ryu partì per scoprire cosa gli era successo durante il combattimento con Sagat e per vendicare la morte del suo maestro.




------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



STREET FIGHTER II
https://i.pinimg.com/originals/6e/d6/64/6ed664aaf8797b15f109603e466b4aa5.jpg



Prodotto da Capcom nel 1991 su arcade CPS1, il secondo episodio della serie, chiamato Street Fighter II: The World Warrior, è considerato uno dei videogiochi migliori di tutti i tempi ed ebbe un successo planetario. L'innovazione che porta con sè ha reso il titolo uno dei picchiaduro più celebri se non il capostipite dei picchiaduro che seguono dopo questo. E' conosciuto per essere il primo vero picchiaduro che fa uso delle combo, il picchiaduro arcade più giocato e il gioco più "clonato", entrando addirittura nei Guinness World Records. Non solo: esso infatti è il videogioco Capcom più venduto di sempre ed è uno dei picchiaduro che portò il maggior numero di lottatori giocabili, tra cui una ragazza, Chun-Li, che ai tempi fu una grande novità, così come il VS. Il primo titolo del secondo capitolo, The World Warrior appunto, ci presenta 8 personaggi (Ryu, Ken, Chun-Li, Guile, E- Honda, Blanka, Zangief, Dhalsim) e 4 boss finali (Vega, M.Bison, Balrog, Sagat), ma le revisioni uscite negli anni successivi portarono diversi miglioramenti che permisero a questo secondo capitolo di durare molti anni prima dell'uscita di un altro capitolo principale (la serie Alpha uscì nel '95 e il terzo titolo numerato uscì nel '97). Queste revisioni, senza contare le tante "rom hack", sono:
Champion Edition (1992), che portò le colorazioni diverse e quindi la scelta dello stesso personaggi per tutti e due i giocatori, nuovi personaggi giocabili (ovvero i 4 boss finali), nuove mosse, ritocchi a sprite, ambientazioni e ritratti e ri-bilanciamento generale nel gameplay;
Hyper Fighting (1992), rilasciato in risposta a diversi hack non autorizzati è esso stesso un hack di un programmatore Capcom USA, ma viene considerato uno dei titoli migliori della serie, in quanto porta, in aggiunta alla Champion Edition, un gameplay velocizzato, nuove mosse e personaggi (come Ryu e Ken) che possono fare tecniche a mezz'aria e la classifica a fine gioco;
Super SFII The New Challengers (1993), il primo ad essere sviluppato su CPS2 e quindi con hardware più potente che portò a molti cambiamenti come una nuova introduzione, 4 nuovi personaggi (Cammy, T.Hawk, Fei Long, Dee Jay), nuovi finali per i vecchi 4 boss finali e un finale multiplo per Chun-Li, set di mosse dei bos finali cambiate, doppiaggio, otto colorazioni, grafica migliorata e velocità generale ri-abbassata.
Super SFII Turbo (1994), che portò le innovazioni escluse dal titolo precendente per questioni di tempo, quali la barra della Super, il personaggio segreto Akuma e il ri-bilanciamento di diverse mosse.
Oltre a queste vi sono ovviamente le diverse hack e le nuove edizioni Hyper Street Fighter II per PS2, creato per il quindicesimo anniversario e che permette di utilizzare tutte le versioni dei personaggi apparse negli anni, e Super Street Fighter II Turbo HD Remix, versione rimasterizzata in alta definizione uscita per PS3 e Xbox 360.
Recentemente è arrivata l'ultima ed ennesima versione, la definitiva Ultra Street Fighter II: The Final Challengers, esclusiva per Nintendo Switch e comprendente di numerose novità quali, comparto grafico e sonoro rinnovati in stile HD Remix, nuove modalità come la 2v1 Dramatic Battle e Way of the Hado (che utilizza i comandi dei Joycon per un mini-gioco su binari in prima persona), e due nuovi personaggi: Evil Ryu e Violent Ken.



Trama:
Gli eventi si svolgono 9 anni dopo il primo Street Fighter e 7 anni dopo la serie Alpha. Dopo aver consolidato il proprio potere all'interno dell'associazione Shadaloo, M. Bison crea un torneo di arti marziali mondiale: il World Warrior Tournament II o Street Fighter Tournament II. Il suo scopo è quello di individuare e sconfiggere il lottatore più forte per poi possederne il corpo grazie allo Psyco Power, energia psichica dell'anima ottenuta eliminando da essa ogni traccia di umanità, e diventare così un "essere perfetto" e immortale, in modo da resistere così a tale potere che logora il corpo e la mente.. Vengono invitati al torneo i lottatori più forti che hanno avuto modo di distinguersi agli occhi di Bison durante gli anni precedenti (durante la serie di giochi Alpha si intende). Ogni partecipante ha un motivo ben preciso per parteciparvi:
- Ryu: partecipa al torneo per misurare le proprie capacità e continuare a migliorarsi, oltre che per cercare le risposte ai fatti accaduti nel primo capitolo e dopo aver scoperto la presenza di Bison dietro il tutto (vedere Alpha). Inoltre ha saputo che vi partecipa anche Sagat ed è quindi deciso a riaffrontarlo di nuovo.
- Ken: partecipa sotto richiesta dell'amico Ryu, visto che il suo cambio di vita dopo aver conosciuto una donna di nome Eliza lo portò ad abbandonare la lotta e il suo titolo di miglior combattente degli Stati Uniti per un po' di tempo. Egli si mise anche l'obiettivo di sposare la sua ragazza dopo aver sconfitto l'amico. Non si sa se i due abbiano combattuto effettivamente, ma in futuro si scoprirà che l'americano sposerà la sua donna, cosa che porta a pensare la sua vittoria nello scontro contro Ryu.
- Guile: militare che, dopo aver saputo che il torneo è organizzato dalla Shadaloo, partecipa per indagare sulla effettiva morte del suo amico e compagni d'armi Charlie Nash (vedere Alpha) e nel caso vendicarlo affrontando Bison.
- Chun-Li: detective inviata dall'Interpol per indagare le presunte attività criminali della Shadaloo. In realtà partecipa al torneo per vendicare la morte del padre ordinata anni prima da Bison.
- Dhalsim: il villaggio indiano in cui vive è oppresso da una milizia privata di proprietà della Shadaloo. Si iscrive al torneo per porre fine alla tirannia di Bison.
- E. Honda: lottatore di sumo che vede nel torneo solo un'occasione per rendere più nota la sua arte marziale.
- Zangief: wrestler russo inviato dalla sua nazione per indagare sulle vera natura della Shadaloo. Anche lui come Honda è però interessato più che altro alla fama e alla gloria (sua e della sua nazione).
- Blanka: un uomo della giungla brasiliano diventato così a causa della sua permanenza nella forseta pluviale amazzonica dopo un incidente aereo successo quando era ancora un bambino. Bison è interessato a lui per via del suo potere di creare bio-elettricità.
- Thunder Hawk: sciamano messicano che partecipa al torneo per porre fine alle deforestazioni incontrollate in Messico da parte della Shadaloo.
- Cammy White: agente del MI6 britannico, sezione Delta Red per le operazioni speciali, capitanata da Vega. Partecipa al torneo per indagare sulla Shadaloo e sul proprio oscuro passato che sembra in qualche modo legato a Bison e alla sua organizzazione. Essa infatti, dopo un incontro con Bison, si rivela uno dei cloni femminili di quest'ultimo chiamate "Le Bambole", tenute sotto controllo da un lavaggio del cervello dovuto allo Psyco Drive che le obbliga ad obbedire ai sottoposti di Bison, come Vega appunto, e a Bison stesso, la cui morte porterebbe anche alla morte delle ragazze. E' qui che Cammy si ribella, tentando così di salvare lei e le "bambole", tra cui Juri e Juli (vedere Alpha) e fuggire dalla base, cosa che portò essa allo svenimento ma libera dalla tirannia. Venne salvata da Vega il quale "non voleva vedere una bella donna morire".
- Fei Long: attore e maestro di Jeet Kune Do, chiaramente ispirato a Bruce Lee. Come Honda spera di guadagnare più fama per la sua arte e per i suoi film.
- Dee Jay: DJ e ballerino jamaicano. Esperto di Kickboxing. Partecipa al torneo poiché invitato da Bison per la sua forza e il suo stile di lotta.
Oltre ad essi vi sono i "Quattro Re" della Shadaloo:
- Vega (Balrog in Giappone): guerriero spagnolo sotto le direttive di Bison, discepolo di Geki, personaggio comparso come nemico nel primo Street Fighter. Narcisista, combatte con una maschera per "proteggere il suo bel viso".
- Balrog (M.Bison in Giappone): pugile americano platealmente ispirato a Mike Tyson, cosa che portò al cambio di nomi. Combatte solo per i soldi, ed è per questo che combatte per Bison.
- Sagat: luogotenente di Bison. Benché non approvi i metodi del suo capo, partecipa al torneo nella sola speranza di re-incontrare colui che gli procurò la cicatrice 9 anni prima, Ryu.
- M.Bison: di lui abbiamo già parlato...
Di tutti i lottatori presenti, solo Ryu riesce ad arrivare in finale contro Bison, dopo aver re-incontrato e sistemato la faccenda rimasta in sospeso con Sagat, personaggio che negli anni ha perfezionato la sua tecnica Muay Thai prendendo spunto dalle tecniche di Ryu. Dopo una lunga e dura battaglia Ryu ha la meglio su Bison, tuttavia quest'ultimo non si da per vinto e tenta di rialzarsi per ripartire all'attacco. Nel momento in cui si sta per rialzare viene però eliminato brutalmente da Akuma, fratello e assassino di Gouken (maestro di Ryu e Ken) infiltratosi al torneo per osservare e mettere alla prova Ryu. Lo scontro viene vinto senza difficoltà da Akuma grazie al suo stile del Satsui no Hado e della tecnica dello Shun Goku Satsu (o Ragin Demon), variante dell'Ansatsuken di Gouken basato sulla rabbia e sull'insinto omicida che colpisce direttamente l'anima della persona uccidendola, tecnica che usò per sconfiggere sia Gouken che il loro maestro. Akuma però decide di non uccidere Ryu e lo risparmia per la seconda volta (la prima nell'Alpha) invitandolo ad abbracciare il "suo lato oscuro", lato che Ryu scatenò contro Sagat nel primo torneo. Bison d'altro canto viene salvato nella sua forma psichica dagli scienziati della Shadaloo e iniziano a progettare un nuovo corpo per favorirne la reincarnazione.




------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



STREET FIGHTER ALPHA



http://fc08.deviantart.net/fs22/f/2007/326/6/a/Street_Fighter_Alpha_DVD_by_UdonCrew.jpg



Conosciuto in Asia come Street Fighter Zero, la serie Alpha è la prima sottoserie di Street Fighter, divisa in 3 capitoli. Nata grazie al successo del film animato di SFII e sviluppata nel 1995 su CPS2, questa serie racconta gli avvenimenti avvenuti 2 anni dopo il primo Street Fighter e 7 anni prima del secondo ed è riconosciuto non solo per il suo stile manga simile ad altri giochi Capcom come Darkstalkers o per essere il primo Street Fighter diverso dal II, ma anche per una frenesia degli scontri maggiore, una maggiore varietà di combo e Super Combo, di vari livelli, e per la moltitudine di personaggi originali presenti, che comprendono anche quelli presi direttamente da un altro gioco Capcom, Final Fight. Di ogni titolo della serie vi sono diverse versioni, porting e collezioni, come edizioni portatili per Game boy Color & Advance e PSP, e la collection Alpha Anthology (senza contare altri media come manga e film animati), ma i titoli principali rimangono i 3:
Street Fighter Alpha: Warrior's Dream (1995), il primo titolo che portò tra le innovazioni due tipi di Super, la parata aerea, il sistema di combo basato sul tempismo fattibile durante le animazioni della stessa, due stili di combattimento (una automatica, in grado di far parare automaticamente e di far eseguire le Super premendo semplicemente un tasto per 3 volte, e una manuale, che lascia tutto in mano al giocatore), la possibilità di rialzarsi subito dopo un atterramento e/o rotolare, il tasto per la provocazione e la possibilità di contrattaccare. Oltre a ciò porta personaggi di vecchia data (o di vecchissima) con nuove mosse e animazioni: Ryu e Ken, Birdie, Adon e Sagat dal primo SF, Chun-Li e Akuma dal II, gli originali Rose, Dan e Charlie e altri di Final Fight, ovvero Guy o Sodom.
Street Fighter Alpha 2 (1996), simile al primo Alpha ma con l'aggiunta di una barra Super divisa in 3 parti (che permette quindi l'esecuzione di 3 Super) e di una Story Mode con tanto di "battaglia col rivale" prima del boss finale, oltre alla ovvia aggiunta di altri personaggi, più precisamente 5, ovvero l'originale Sakura, Rolento da Final Fight, Gen dal primo SF e Dhalsim e Zangief dal secondo.
Street Fighter Alpha 3 (1998), capitolo che porta grandi migliorie in tutto. Prima di tutto si presenta con un alto numero di personaggi in più, ovvero Cammy, E.Honda, Blanka, Vega e Balrog da SFII, Cody di Final Fight, Karin dal manga dedicato a Sakura e le originali R.Mika, Juni e Juli. Inoltre ogni personaggio possiede un proprio stage con sfondo e musica personali, quest'ultima totalmente ristrumentalizzata e ricomposta; cambiamento mai effettuato sin da Street Fighter II. Il gameplay inoltre fu revisionato grazie all'aggiunta della barra "Defense Breaking", della presa eseguibile con calcio e pugno premuti simultaneamente, da un livello delle combo personalizzate determinato in base al pulsante premuto (es: pugno forte equivarrà ad un consumo più modico ma ad una velocità d'esecuzione più rapida) e di 3 stili di combattimento, ovvero A-ism "originale", con cui è possibile contrattaccare, bloccare gli attacchi in aria e roteare una volta crollati a terra, per scansare eventuali assalti avversari, V-ism "variabile", in grado di velocizzare moltissimo il personaggio, rendendolo atto agli attacchi combinati rapidissimi, e X-ism, che non permette al giocatore di effettuare parate aeree e contrattaccare.



Trama:
Come già accennato, la serie si posiziona tra il primo Street Fighter e il secondo, con i protagonisti ovviamente più giovani rispetto al secondo episodio e con un Bison che ancora è agli inizi del suo piano con la Shadaloo. Anche qui ogni personaggio ha la sua storia, ma le più importanti:
- Ryu: il protagonista non sa ancora nulla della storia di Bison ed è in viaggio alla ricerca di se stesso dopo gli avvenimenti successi nel primo Street Fighter. Troverà la sua risposta dopo l'incontro con Akuma e con la Shadaloo di Bison, incontri che perderà clamorosamente e in cui rischiò di perdere la sua umanità e la sua ragione, fatti poi prevenuti grazie all'aiuto dell'amico Ken.
- Ken: in confronto al suo amico Ryu egli preferisce una vita tranquilla e agiata e torna in America dove incontra la sua futura moglie Eliza (che sposerà alla fine del II). E' qui che egli, dopo esser diventato il miglior lottatore americano dopo un torneo e dopo aver visto le condizioni del maestro Gouken, viaggia per cercare l'amico Ryu per aiutarlo a tornare in sè in modo da resistere a Bison e per cercare Akuma, l'assassino del maestro.
- Chun-Li: circense e acrobata nel primo e poliziotta nel secondo, è alla ricerca di Bison, l'assassino di suo padre, un poliziotto che andò vicino allo smascheramento della Shadaloo. E' stata allenata nella arti marziali cinesi da Gen, un settantenne malato di leucemia in ricerca di Akuma per eliminarlo (cosa che non riuscì a fare a causa della sua malattia e che portò Akuma a risparmiargli la vita). Si unisce a Charlie e Guile per fermare la Shadaloo e cerca di aiutarli nella missione di intrusione nella base di quest'ultima in Thailandia. La missione non ebbe successo a causa dell'esplosione della base che distrusse ogni prova riguardante la Shadaloo e la vita di Charlie, costringendo Chun-Li alla fuga insieme ad un Ryu uscito vincitore dalla battaglia con Bison.
- Charlie: il miglior capitano dell'esercito americano, amico e capo dell'allora sergente Guile (qui non giocabile), è colui che nel II verrà nominato da Guile stesso come "deceduto in battaglia", dopo un cosidetto "incidente" avvenuto in Thailandia, incidente dovuto all'esplosione della base della Shadaloo in cui Charlie cercò di distruggere ogni traccia di Bison del Psyco Drive, macchina con la quale Bison e la Shadaloo sfruttano lo Psyco Power per gli esperimenti sui corpi. Possiede uno stile di lotta più evoluto di quello di Guile.
- Cammy: qui ancora una "bambola senza cuore" facente parte del progetto delle "Bambole" appunto, viene mandata dalla Shadaloo per assassinare Dhalsim, inviato dal proprio villaggio per sconfiggere Bison. E' qui che Cammy, grazie ad uno scontro in cui subisce i poteri mentali di Dhalsim, comincia la sua strada verso l'indipendenza, entrando nelle cerchie di Vega, inviato da Bison per tenerla d'occhio, in modo da sapere tutto su quest'ultimo e trovando, e sconfiggendo, Juni e Juli, due delle cosidette bambole, del tutto simili a lei.
- Rose: una delle protagoniste del gioco, non è altro che l'incarnazione benigna di Bison in un corpo femminile, dopo l'abbandono dell'umanità e della ragione fatta da quest'ultimo per ottenere la massima potenza dello Psyco Power. Rose è infatti un anima pura, senza macchia, dotata di un potere uguale ma opposto a quello di Bison, anche se inizialmente non ne è a conoscenza. Si iscrive al primo torneo perchè sente che una minaccia era in agguato, e nei primi capitoli ancora cerca delle risposte, fino a quando non scoprirà il tutto. Essa infatti, dopo aver trovato alcune risposte dopo l'incontro con Dhalsim, prova a cercare e quindi sconfiggere Bison usando il suo Soul Power per annullare lo Psyco Power, ma senza risultati, ritrovandosi poi svenuta fuori dalla base di Shadaloo grazie all'aiuto di Guy, anche lui alla ricerca di Shadaloo, e divenuta corpo temporaneo di Bison dopo la sua sconfitta contro Ryu e Ken. Tornerà poi in SFIV senza memoria, a causa della possessione dello Psyco Power poi interrotta a causa dell'uccisione di Bison per mano di Akuma, alla fine di SFII. E' una chiromante e il suo design è ispirato a Lisa Lisa del manga "Le Bizzarre Avventure di Jojo".
- Sagat: l'omone di 2.30 m campione mondiale di Muay Thai lo troviamo qui in pieno allenamento, insieme all'allievo Adon (personaggio affetto da schizzofrenia che si ribellerà al suo stesso maestro), per rinforzarsi e trovare vendetta nella sconfitta che Ryu il suo Shoryuken gli fecero subire anni prima.
- Dan: personaggio bonus creato come "presa in giro" da parte di Capcom ai danni di SNK e dei suoi personaggi Ryo Sakazaki e Robert Garcia. Sembra una parodia, ma ha una storia rilevante. Infatti suo padre, abilissimo maestro di judo, morì per mano di Sagat dopo un duello e Dan, non perdonando questo fatto, si allenò nell'arte del combattimento personalizzando lo stile del padre e aprendo una palestra in modo da vendicarsi poi in futuro.
- Bison: capo della Shadaloo, dopo aver creato quest'ultima in una base in Amazzonia e richiamando moltissimi scienziati, e dopo aver creato Rose e ottenuto il potere massimo dello Psyco Power, cerca un corpo che contenga la sua anima ormai troppo potente. Quel corpo è di Ryu, corpo che era sul punto di possedere dopo aver sconfitto quest'ultimo, se non fosse per l'intervento di Ken che permise quindi a Ryu di sconfiggere Bison e rallentare i suoi esperimenti, sconfitta che portò l'anima di Bison a rifugiarsi nel corpo di Rose.
- Akuma: in viaggio per perfezionare le testare la tecnica del Satsui no Hado, distruttrice di anima e corpo. E' qui che egli incontrerà e sconfiggerà Ryu la prima volta, facendo risvegliare in quest'ultimo parte del potere oscuro e quindi del suo Satsui no Hado (fatto successo ma prevenuto da Sakura, una piccola combattente ammiratrice di Ryu, che ferma quest'ultimo nella trasformazione in quello che sarà conosciuto poi come Evil Ryu), lasciandolo poi in vita in modo che esso possa continuare a seguire le sue orme.




(Continua nella seconda pagina)

23 ottobre 2013 alle 17:36

Condiviso da Guglielmo F. Giulio e altri 2.Piace a 4 persone

 

Complimenti davvero un ottimo articolo!! Poi se hai tempo potresti inserire anche la trama di Marvel vs Capcom e Marvel vs SNK (essendo un fan dei cross over li calcolo i migliori in assoluto)